Risultati 4665

Descrizione archivistica
Archivio storico. Università degli Studi di Torino Unità archivistica
Stampa l'anteprima Vedere:

180 risultati con oggetti digitali Mostra i risultati con gli oggetti digitali

Temi per esami pubblici di laurea in Ingegneria idraulica e Architettura civile 1845-46

Temi assegnati a Carlo Ignazio Banaudi (I), Felice Biglia (I), Carlo Bocca (I), Pietro Borella (I), Giuseppe Brizio (A), Giovanni Antonio Coda Canati (I), Paolo Comotto (A), Giovanni Costamagna (I), Felice Giordano (I), Carlo Gioachino Imperatori (I), Carlo Camillo Marchini (A), Tommaso Mazzolotti (I), Alessandro Mazzucchetti (A), Carlo Olioli (I), Giuseppe Pampuri (I), Giorgio Porrua (I), Dionigi Francesco Ruva (I), Vincenzo Schioppo (I), Giuseppe Domenico Scotto (I), Giuseppe Secondo Tamini (A) e Paolo Valle (I).

Temi per esami pubblici di laurea in Ingegneria idraulica e Architettura civile 1849-50

Temi e argomenti assegnati a Defendente Anselmetti (I), Secondo Borgnini (I), Alfonso Boselli (I), Angelo Cuttica (I), Giovanni Delfino (I), Giovanni Ferrando (I), Eligio Martini (I), Achille Mondino (A), Francesco Patriarca (I), Giovanni Pezzia (I), Giacinto Pinna (I-A), Accilio Quiri (I), Carlo Sottero (I), Ettore Tartara (A) e Giovanni Pasquale Valsecchi (A).

Temi per esami pubblici di laurea in Ingegneria idraulica e Architettura civile 1857-58

Temi e argomenti assegnati ad Alberto Allasia (I-A), Alberto Arminjon (I-A), Emanuele Artom (I-A), Chiaro Beldi (I-A), Francesco Bianchetti (A), Stefano Brignone (I-A), Louis Joseph Chabloz (I-A), Enrico Chiesa (I-A), Paolo Cigolini (I-A), Giacomo Cora (I-A), Francesco Crema (I-A), Luigi Eynard (I-A), Camillo Ferrua (I-A), Alessandro Fonio (I-A), Francesco Giacinto Garelli (I-A), Giovanni Grassi (I-A), Luigi Hugues (I-A), Pietro Lanfranco (I), Luigi Mariscotti (I-A), Andrea Nogaris (I-A), Niccolò Pellati (I-A), Francesco Pinaroli (I-A), Agostino Polto (I-A), Alfredo Prasca (I-A), Giacinto Pullino (I-A), Domenico Saracco (I-A), Giovanni Eugenio Scaparro (I-A), Evasio Scarabelli (I-A) e Giovanni Toretta (I-A).

Istituto di Anatomia umana normale

Sono in uso le denominazioni: Istituto anatomico, Istituto anatomico patologico (1878-1881), Museo d'Anatomia (1881), Museo di Anatomia normale (1883), Museo anatomico (1896), Gabinetto anatomico, Laboratorio di Anatomia umana normale.Nel febbraio 1879 è presentato alla Commissione Amministrativa del Consorzio il progetto, redatto dal'architetto C. Ceppi, "per la costruzione di una galleria vetrata per uso di osservazioni microscopiche da annettersi al Teatro anatomico", nell'isolato dell'Ospedale San Giovanni. Superati alcuni ostacoli frapposti dalla direzione dell'Ospedale, l'opera è realizzata tra 1880 e 1881, ma, resasi necessaria una spesa superiore di £ 1000 rispetto al calcolo iniziale, il saldo dei lavori avviene soltanto nell'aprile del 1882.In data 30 ottobre 1881 il professor C. Giacomini, direttore dell'Istituto anatomico, accompagna la richiesta di acquisto "di vetrini copraoggetti e di dimensioni molto cospicue" per preparati anatomici con l'illustrazione delle ricerche effettuate: "l'Istituto di Anatomia possiede i microtomi i più perfetti ed i più recenti per lo studio del sistema nervoso centrale. Però onde utilizzare con il maggiore vantaggio possibile i detti strumenti, egli è d'uopo che le sezioni microscopiche (le quali comprendono talora i due emisferi cerebrali dell'uomo) vengano tutte conservate e regolarmente numerate, per poter studiare le modificazioni di struttura che si osservano nei diversi punti".In data 19 giugno 1882 il medesimo comunica al rettore "che coi sussidi dati negli ultimi anni all'Istituto anatomico io ho intrapreso una serie di ricerche sul sistema nervoso centrale, le quali mi hanno condotto ad importanti risultati in special modo riguardo a sezioni microscopiche dell'intero encefalo umano, disposte in serie e regolarmente numerate, le quali son forse le prime che si siano fatte, ed aprono un vasto campo allo studio dell'intima struttura di quest'organo. Ma l'esperienza mi ha dimostrato che tali studi, oltre a cure infinite, per le quali io consacro tutto il mio tempo e la mia pazienza, richiedono mezzi numerosi ...". Egli chiede dunque al Consorzio un sussidio di £ 3000 "destinate esclusivamente a provvedermi di materiale per le ricerche sul sistema nervoso centrale. Solo nei grandi Istituti d'Anatomia e largamente forniti tali studi oggidì potranno essere tentati con profitto della scienza, ed io crederei di venir meno ad un mio dovere se non cercassi di realizzarli nella scuola da me diretta, che vanta un Rolando, considerato, a giusto titolo, il padre della Neurologia moderna".Il 12 giugno 1883 espone al rettore la necessità di dotare l'Istituto di un nuovo apparecchio per la macerazione rapida per la preparazione degli scheletri.In data 1° giugno 1887 Giacomini illustra al presidente del Consorzio la situazione per cui, avendo il Ministero deciso di decurtare la dotazione dell'Istituto anatomico di £ 2.200 a vantaggio dell'Anatomia patologica, a decorrere dall'anno 1887-88, è costretto a chiedere al Consorzio un contributo maggiore rispetto agli anni precedenti.

Istituto di Medicina legale

Dal 1878 al 1903 è direttore del Laboratorio Cesare Lombroso; dal 1904 Mario Carrara. A partire dal 1878 i fascicoli consentono di seguire con continuità le acquisizioni di strumentazione scientifica, di preparati e forniture necessarie all’attività sperimentale, di reperti destinati alla didattica e al museo, nonché il pagamento di prestazioni d’opera finalizzate alla loro preparazione. La preparazione di crani e scheletri è documentata per almeno vent’anni (1879-1899) e risulta affidata a Carlo Bonino (1879), Felice Peraldo (1881 e 1882), Battista Bricco, custode del Museo Anatomico (1896), Giovanni Cabria, inserviente del Gabinetto di Medicina legale (1896 e 1899). Frequenti anche le attestazioni relative alla preparazione di maschere di cadaveri, tra le quali si segnala il «modello del capo dell’assassino Cavaglià appesosi» per cui ricevette £ 20 Edoardo Bonanate, formatore dell’Accademia, o di «getti in plastica» di cranî e cervelli. Ventitré oggetti, tra cui il cavo craniano in due parti di Villella, il cranio di Volta, il cervello di Gatti, una testa di prostituta sono elencati in una quietanza del 31 dicembre 1878 a firma di Agostino Caudana, che ricevette per il suo lavoro £ 368 (1879). Numerosi sono i pagamenti concernenti la ritrattistica e fotografia di criminali, carcerati, epilettici, alienati (1881-92). Vanno inoltre segnalati due ambiti di interesse di Lombroso non meno significativi: gli studi sull’origine della pellagra, a cui vanno ricondotti gli acquisti di mais sano e avariato, nonché il pagamento delle spese per la panificazione, affidata a panetterie sempre diverse (anni 1881-1888) e quelli su ipnotismo e spiritismo, cui è riferibile il pagamento di trenta lire a vantaggio di tale Achille Regis «per n. 6 sedute di ipnotismo, fakirismo e divinazione del pensiero» (anno 1892).Nei conti del 1909 figurano il rimborso di £ 18 a Maria Clotilde Bertetti per 3 tavole murali ad acquerello con disegni di ferite; e di £ 20 a Ignazio De Fraja per un disegno acquerallato a colori. Nei conti del 1914 figura il rimborso di £ 120,05 al pittore Carlo Thermignon per l'esecuzione di sei tavole murarie ad acquerello.Negli anni dal 1916 al 1920 è presente il solo elenco degli oggetti che si intende acquistare.

Risultati da 41 a 50 di 4665