Risultati 15170

Descrizione archivistica
Ricerca avanzata
Stampa l'anteprima Vedere:

399 risultati con oggetti digitali Mostra i risultati con gli oggetti digitali

Pubblicazione a proprie spese delle ultime decadi sui Micromiceti.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Notaris (de) 244.15
  • Unità documentaria
  • Parte di Orto botanico

De Notaris ha ricevuto da Moris le prove di stampa della quarta decade dei micromiceti, che rimanda con le correzioni. Spera che Botta abbia trasferito in modo corretto sulle tavole i suoi “scarabocchi”. Avrebbe intenzione di pubblicare le altre decadi tutte assieme per proprio conto, sempre che suo fratello “peintre” sia disposto a litografare le figure e che vi siano i mezzi necessari. Vorrebbe comporre un volumetto da porre al fianco di Icones Fungorum di Corda. C’è tempo per pensarci!

Richiesta di esporre alla mostra il quadro del fratello

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Notaris (de) 241.5
  • Unità documentaria
  • 1844-04-09
  • Parte di Orto botanico

Lettera inviata da Genova il 9 aprile 1844. De Notaris ha scritto a Genè dicendogli di modificare come crede il manoscritto del Repertorium. Ha esplorato la valle del Bistagno, ma non ha trovato nulla di nuovo, mentre un giardiniere ha trovato a Ventimiglia alcune piante interessanti e alcuni bulbi. De Notaris chiede a Moris di pregare il conte Benevello di esporre il quadro di suo fratello peintre alla mostra del mese prossimo.

Dono dell’erbario di Augusto Federico II al museo di Dresda.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Reichenbach, 283.3
  • Unità documentaria
  • 1855-02-19
  • Parte di Orto botanico

Lettera inviata da Dresda il 19 febbraio 1855. Reichenbach avvisa Moris che il dottor A. Carus, figlio del celebre G. Carus, medico della famiglia reale, accompagnerà a Torino S. A. il principe Alberto, che cercherà di consolare la duchessa di Genova Elisabetta di Sassonia dopo i recenti lutti (v. nota). La regina Maria ha donato l’erbario del defunto Re al museo di Storia Naturale. Il figlio di Reichenbach insegna botanica all’Università di Lipsia. Lo scrivente prega Moris di ricordarlo al professore De Maria e a Lisa.

Raccomandazione per Gibelli.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Notaris (de) 245.48
  • Unità documentaria
  • 1861-01-05
  • Parte di Orto botanico

Lettera inviata da Genova il 5 gennaio 1861. Il cavaliere de Heufler, consigliere presso il dicastero dell’Istruzione pubblica a Vienna, manda a De Notaris un opuscolo da presentare alla Reale Accademia delle Scienze. De Notaris chiede a Moris se può interessarsene. All’insegnamento di Storia Naturale al liceo di Genova è stato nominato il dottor Canestrini di Trento. De Notaris chiede a Moris, nel caso dovesse incontrare il cavaliere De Maria, di raccomandargli il dottor Giuseppe Gibelli di Milano, che aspira al posto di assistente di Botanica a Pavia. Attualmente è assistente presso l’Istituto Veterinario di Milano.

Richiesta di nomina a direttore stabile dell’orto boitanico di Pavia.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Garovaglio 135.2
  • Unità documentaria
  • 1860-04-17
  • Parte di Orto botanico

Lettera inviata da Pavia il 17 aprile 1860, in cui lo scrivente è ancora riconoscente a Moris per aver propugnato, quale vicepresidente del Consiglio della Pubblica Istruzione, la sua innocenza politica di fronte a calunniose insinuazioni. Ha però nuovamente bisogno del suo aiuto, avendo avuto notizia che il ministro conte Mamiani ha deciso di incaricare l’Ispettorato Generale degli Studi Universitari dell’assegnazione degli incarichi definitivi. Prega pertanto Moris di segnalarlo all’Ispettore Generale professore Demaria, affinché venga tenuto in considerazione per la nomina a direttore stabile dell’orto botanico, cui da molti anni ha dedicato la massima attenzione, ottenendo i risultati che Moris ha potuto constatare.

Morte di Gasparrini.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Pasquale 257.1
  • Unità documentaria
  • 1866-07-13
  • Parte di Orto botanico

Lettera inviata da Napoli il 13 luglio 1866. Pasquale ha avuto buone notizie sulla salute di Moris dal senatore De Gasparis. Segnala a Moris l’isolamento in cui si trova dopo la morte, avvenuta il 28 giugno, del professore Gasparrini, nonostante gli sia stata assegnata la direzione dell’Orto botanico di Napoli. Chiede aiuto a Moris e si dichiara a sua completa disposizione. Pasquale coglie l’occasione per chiedere a Moris se sia a conoscenza di un’anomalia del Polipodio volgare, che vorrebbe segnalare alla locale Accademia delle Scienze.

Araucaria e orchidee nel giardino Demidoff.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Ricasoli 289.1
  • Unità documentaria
  • 1854-06-11
  • Parte di Orto botanico

Lettera inviata da Firenze l’ 11 giugno 1854. Ricasoli riferisce a Moris come sono state sistemate le piante di Araucaria arrivate dal Valentino nel giardino Demidoff a S. Donato, cui ha libero accesso. Sempre a S. Donato ha visto una orchidea, Lelia purpurata, in vendita a 50 sterline. Elenca altre orchidacee presenti. Ricasoli esalta il numero e la qualità delle bellissime piante del giardino. Hugel dovrebbe mandarne a Moris, anche per desiderio del principe, un degno compendio. Ricasoli prega Moris di avvertire Burdin che molte querce da lui acquistate sono morte quasi subito; i patti erano che venissero sostituite senza aggravio di spesa. In autunno Ricasoli spera di venire a Torino. Manda i saluti a De Filippi e al marchese Alfieri. Prega Moris di rammentarsi della cattiva sorte del giardino di De Notaris a Genova.

Elogio dello stabilimento di Linden.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Reichenbach, 283.4
  • Unità documentaria
  • 1856-04-15
  • Parte di Orto botanico

Lettera inviata da Bruxelles il 15 aprile 1856. Sono 13 anni che Reichenbach non vede Moris, eppure lo ricorda sempre. Ha ricevuto la visita di Boissier e Reuter, che hanno risvegliato in lui i ricordi piemontesi. Ha problemi con le Labiatae; il sistema di Bentham non gli è di grande utilità. Chiede a Moris se è in grado di scambiare un certo numero di piante sarde. Ha sentito parlare da Boissier di un magnifico Dianthus raccolto da Lisa. Reichenbach è stato parecchi giorni a Berlino, Amsterdam, Leyda e ora è a Bruxelles. Ha visto molti stabilimenti, ma non ha trovato nulla che possa competere con quello di Linden: sei ricercatori vanno contemporaneamente a cercare piante. De Philippi ha detto che un collega di Moris, il senatore de Breme, ha intenzione di fare acquisti di orchidee. Pensa che la miglior cosa sia rivolgersi al signor Linden, tra i migliori del continente. Invia i saluti a De Philippi e a Lisa.

Giglioli e circumnavigazione della terra.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Parlatore 255.67
  • Unità documentaria
  • 1869-02-18
  • Parte di Orto botanico

Lettera inviata da Firenze il 18 febbraio 1869. Parlatore chiede a Moris di prestargli per pochi giorni il lavoro sulle Euphorbiaceae di Baillon. Potrebbe consegnarlo al signor Enrico Giglioli, settore anatomico del Museo di Scienze naturali fiorentino, attualmente a Torino per ordinare le cose raccolte durante il viaggio della Magenta [v. nota]. Parlatore chiede notizie del quarto volume di Flora Sardoa. In aprile sarà stampata la seconda parte del quarto volume della sua Flora Italiana.

Risultati da 1 a 10 di 15170