Serie IT ASUT ALBERA - Tesi Scuola appl. ing. - Tesi della Scuola d'applicazione per gli ingegneri di Torino

Tesi del 1862 Tesi del 1863 Tesi del 1864 Tesi del 1865 Tesi del 1866 Tesi del 1867 Tesi del 1868 Tesi del 1869 Tesi del 1870 Tesi del 1871 Tesi del 1872 Tesi del 1873 Tesi del 1874 Tesi del 1875 Tesi del 1876
Aprire l'originale Oggetto digitale

Area dell'identificazione

Codice di riferimento

IT ASUT ALBERA - Tesi Scuola appl. ing.

Titolo

Tesi della Scuola d'applicazione per gli ingegneri di Torino

Date

  • 1862 - 1876 (Creazione)

Livello di descrizione

Serie

Consistenza e supporto

151 tesi
1 bifoglio a stampa

Area del contesto

Storia archivistica

Esemplari di destinazione personale o gratulatoria, provenienti da biblioteche e archivi privati, acquisiti sul mercato antiquario. Sono riconoscibili nuclei di dissertazioni raccolte dagli stessi studenti, donate o scambiate tra compagni di corso dopo la discussione. Sono, infatti, numerosi gli esemplari con note di possesso o dediche a Clemente Mensio e ad Adolfo Mattirolo, laureati rispettivamente nel 1865 e nel 1866; oltre alle copie sciolte, di Mattirolo si conservano anche due miscellanee in cui sono rilegate 43 tesi di vario argomento, datate tra il 1864 e il 1866. Di altri due soggetti, di cui non è nota la biografia, sono presenti le firme sulle tesi degli anni Settanta: Lino Gastaldi e Luigi Perozzo. Si trattava di collezioni corpose perché alcuni esemplari riportano un numero di corda superiore al centinaio.
Anche due insiemi di tesi, tutte con coperta di egual fattura in carta da lucido o in carta decorata a stampa, paiono riconducibili a due raccolte: l'identico formato e i fori di una precedente legatura, nonché l'impressione lasciata da un frontespizio sull'ultima pagina di una tesi del 1871, rimandano ad almeno due volumi, successivamente smembrati, nel corso di passaggi di proprietà.

Modalità di acquisizione

Area del contenuto e della struttura

Ambito e contenuto

Tesi di laurea in ingegneria della Scuola d'applicazione per gli ingegneri di Torino, dall'avvio sino alla seconda metà degli anni Settanta del XIX secolo.

La legge sul Riordinamento dell’Istruzione Pubblica 13 novembre 1896, n. 3725 (legge Casati) stabilisce la trasformazione dell’Istituto tecnico di Torino nella Scuola d’applicazione per gli ingegneri, annessa alla Facoltà di Scienze Fisiche e Matematiche dell’Università (artt. 53 e 309). Il successivo regolamento, approvato con R.D. 4338 del 17 ottobre 1860, prevede, per ottenere il diploma di “ingegnere laureato”, la frequenza di un corso biennale, concluso da un esame generale: “L’esame generale consisterà in una disputa attorno a una dissertazione scritta liberamente dal candidato sulle materie degli esami speciali, ed intorno a tesi di meccanica, di costruzioni e di geometria pratica. Le dissertazioni e le tesi saranno messe a stampa per cura del candidato e presentate quaranta copie alla Segreteria della Scuola almeno dieci giorni prima della disputa” (art. 24). Il regolamento annesso al R.D. 11 ottobre 1863, n. 1718 conferma quanto già in vigore per gli esami generali (art. 30), ma prevede come titolo di accesso alla Scuola, non più, come sino ad allora, la laurea in Matematica, bensì la licenza nella stessa disciplina. Contrariamente al dettato dei due regolamenti, gli esemplari presenti in collezione documentano la discussione non di tre, ma di quattro tesi, con l’aggiunta di una dal corso di Macchine a vapore.
Il Museo industriale è istituito a Torino con R.D. 23 novembre 1862, n. 1001, alle dipendenze del Ministero d'Agricoltura, industria e commercio; il seguente R.D. 30 dicembre 1866, n. 1844, disciplina i corsi impartiti dal Museo, che rilasciava, dopo non meno di quattro anni di corso, il diploma di professore per gli istituti tecnici industriali e professionali e di ingegnere per le industrie meccaniche, chimiche, agricole e metallurgiche (art. 3).
Il R.D. 23 novembre 1867, n. 4052, approva il nuovo regolamento della Scuola d'applicazione, al fine di coordinarne l'azione a quella del Museo industriale e dell'Accademia Albertina di Belle Arti. Oltre all'ingegneria civile, la Scuola inizia a erogare cinque nuovi corsi di laurea, quattro in ingegneria industriale (per le industrie meccaniche, chimiche, agricole e metallurgiche) e uno in architettura civile. Per i soli aspiranti ingegneri chimici e per gli architetti il corso preparatorio universitario propedeutico all'accesso alla Scuola è ridotto a due anni, per gli altri resta in vigore l'obbligo del conseguimento della licenza in Matematica, dopo tre anni di corso all'Università. Al termine del corso biennale presso la Scuola d'Applicazione, per ottenere il diploma di laurea i candidati presentavano una dissertazione su un tema a loro scelta, stampata in 50 copie (art. 3); vengono meno le tesi discusse oralmente.
Il Regolamento per le Regie Scuole d'applicazione per gli ingegneri, allegato al R.D. 8 ottobre 1876, n. 3434, uniforma i requisiti d'accesso ai corsi, richiedendo la "licenza fisico-matematica" ossia aver frequentato un biennio presso la Facoltà di Scienze MFN, e prolunga la durata degli studi in ingegneria e architettura a tre anni (art. 3). Per il conseguimento della laurea era infine previsto un esame generale, diviso in due parti: la prima consiste nella "realizzazione di un progetto pratico complesso, da eseguirsi nel tempo di 15 giorni"; la seconda orale, in cui si discute il tema del progetto e le materie affini (art. 12). Nel regolamento viene meno la richiesta della dissertazione a stampa.

Valutazione e scarto

Incrementi

Sistema di ordinamento

Pur trattandosi di testi a stampa, da catalogarsi singolarmente secondo gli standard bibliografici, se ne presenta anche un elenco suddiviso per anno di laurea: i candidati sono presentati in ordine alfabetico.

Area delle condizioni di accesso e uso

Condizioni di accesso

Condizioni di riproduzione

Lingua dei materiali

Scrittura dei materiali

Note sulla lingua e sulla scrittura

Caratteristiche materiali e requisiti tecnici

Testi a stampa. Le tesi di licenza e laurea si presentano come fascicoli composti da un paio di bifogli, da 8 a 20 pagine circa, rilegati con coperte in carta o cartoncino decorate; talvolta presentano tavole allegate. Oltre alle copie sciolte, parte di queste dissertazioni è rilegata in volumi miscellanei che sembrano coevi agli elaborati che raccolgono.

Strumenti di ricerca

Oltre alla schedatura delle tesi per anno, si rende disponibile un prospetto riassuntivo ordinato per cognome del candidato.

Area dei materiali collegati

Esistenza e localizzazione degli originali

Esistenza e localizzazione di copie

Unità di descrizione collegate

Le tesi sono strettamente collegate al relativo esame pubblico per il conferimento del grado. I registri dei verbali, tuttavia, non si conservano nei fondi istituzionali dell'Università. Non sembra nemmeno che sino conservati presso l'Archivio del Politecnico, erede della Scuola d'applicazione per gli ingegneri.

Parallelamente alla schedatura archivistica e bibliografica delle tesi, sulla piattaforma digitale dell'Archivio dell'Università è stata digitalizzata una selezione delle più significanti legature in cartoncino decorato: <https://www.asut.unito.it/mostre/collections/show/1>.

Descrizioni collegate

Area delle note

Nota

Legenda: l'asterisco (*) posto a seguito del titolo della dissertazione indica la presenza di tavole illustrate allegate alla tesi.

Identificatori alternativi

Punti di accesso

Punti d'accesso per soggetto

Punti d'accesso per luogo

Punti d'accesso per nome

Punti d'accesso relativi al genere

Area di controllo della descrizione

Codice identificativo della descrizione

Codice identificativo dell'istitituto conservatore

Norme e convenzioni utilizzate

Stato

Livello di completezza

Date di creazione, revisione, cancellazione

Lingue

Scritture

Fonti

Atto / Diritto garantito

Atto / Diritto garantito

Atto / Diritto garantito

Area dell'acquisizione

Soggetti collegati

Persone ed enti collegati

Generi correlati

Luoghi collegati