Serie IT ASUT ALBERA - Gradi acc. Univ. Torino - Tesi, orazioni e poesie per il conseguimento dei gradi accademici presso l'Università di Torino

Tesi del 1774 Tesi del 1775 Tesi del 1776 Tesi del 1778 Tesi del 1780 Tesi del 1782 Tesi del 1783 Tesi del 1785 Tesi del 1786 Tesi del 1787 Tesi del 1789 Tesi del 1790 Tesi del 1794 Tesi del 1795 Tesi del 1796 Tesi del 1797 Tesi del 1798 Tesi del 1800 Tesi del 1801 Tesi del 1804
Risultati da 1 a 20 di 267 Mostra tutto

Area dell'identificazione

Codice di riferimento

IT ASUT ALBERA - Gradi acc. Univ. Torino

Titolo

Tesi, orazioni e poesie per il conseguimento dei gradi accademici presso l'Università di Torino

Date

  • 1724 - 1945 (Creazione)

Livello di descrizione

Serie

Consistenza e supporto

15 sottoserie

Area del contesto

Storia archivistica

Esemplari a destinazione personale o gratulatoria, provenienti da biblioteche e archivi privati, acquisiti dal collezionista sul mercato antiquario. Gran parte delle tesi e delle orazioni del XVIII secolo furono raccolte e rilegate in volumi miscellanei da precedenti collezionisti; i passaggi di proprietà ne hanno talora compromesso l'integrità o causato aggregazioni di porzioni non congruenti.
I componimenti poetici erano invece stampati per omaggiare chi conseguiva i gradi accademici: essendo riconducibili a differenti autori, presentano vari formati e risultano prodotti da diverse tipografie, talvolta anche quando rivolti al medesimo destinatario. In un momento successivo alla cerimonia potevano essere raccolte e rilegate in volumi miscellanei, contenenti materiali anche relativi a più candidati. Nel corso di successivi passaggi nel mercato antiquario queste collezioni sono state smembrate.

Modalità di acquisizione

Area del contenuto e della struttura

Ambito e contenuto

Materiali a stampa riferibili alla cerimonia per il conferimento dei gradi accademici, dalla seconda metà del XVIII secolo alla prima metà del XX.

  • Tesi discusse presso l’Università di Torino fra Settecento e primi del Novecento. Si tratta di dissertazioni presentate in sede di esame pubblico per il conseguimento della licenza, della laurea e dell'aggregazione ai Collegi e per il conseguimento del grado di professore di Filosofia e di Architetto civile e di Ingegnere idraulico (prima della fondazione della Scuola di Applicazione per gli Ingegneri).
  • Presentazioni dei candidati e orazioni recitate dai professori nel corso della cerimonia, come prescritto dalla normativa vigente.
  • Omaggi in versi offerti ai neo-diplomati da colleghi e altre personalità, strettamente collegati alla cerimonia istituzionale seppur non codificati dai regolamenti, dalla seconda metà del XVIII secolo alla prima del XIX.

Valutazione e scarto

Incrementi

Sistema di ordinamento

Pur trattandosi di testi a stampa da catalogarsi singolarmente secondo gli standard bibliografici, delle tesi si presenta un elenco suddiviso per Facoltà, poi per anno e per grado (licenza, laurea, aggregazione al Collegio), al fine di meglio evidenziarne il nesso con i verbali degli esami conservati nei fondi istituzionali. A parità di grado i candidati sono elencati in ordine alfabetico. Lo steso criterio è adottato per le orazioni e le poesie: la chiave primaria dell'ordinamento è rappresentata dalla persona che consegue i gradi; sono tuttavia indicizzati anche gli autori delle orazioni e, ove disponibili, quelli dei componimenti in versi.

Area delle condizioni di accesso e uso

Condizioni di accesso

Condizioni di riproduzione

Lingua dei materiali

  • francese
  • italiano
  • latino

Scrittura dei materiali

Note sulla lingua e sulla scrittura

Il grado di licenza è indicato in lingua latina come licentia, prolysis, prodoctoratus (o pro-doctoratus) e honesta missio; gli appellativi prolyta e prodoctor (o pro-doctor) sono riferiti al possessore del titolo in questione. Il grado di laurea è anche indicato come doctoratus: l'appellativo doctor è riferito allo studente laureato.
L'orazione per i candidati a cura dei professori è indicata come oratio o laudatio.

Caratteristiche materiali e requisiti tecnici

Testi a stampa. Le tesi di licenza e laurea si presentano come fascicoli composti da un paio di bifogli, da 4 a 20 pagine circa, talvolta rilegati con coperte in carta o cartoncino decorate. Le tesi di aggregazione ai Collegi hanno invece la forma di volume, con un numero di pagine che supera anche il centinaio; le copie più sontuose hanno legature di pregio in pelle. Oltre alle copie sciolte, parte di queste dissertazioni è rilegata in volumi miscellanei: alcuni sembrano coevi agli elaborati che raccolgono, come prontuari dei temi di una Facoltà di un anno accademico; altri volumi contengono dissertazioni anche di diverse Facoltà, non accomunate dall'argomento e sembrano piuttosto frutto di passaggi nel mercato antiquariale.
Le orazioni si presentano come fascicoli composti da 5-10 fogli. I componimenti poetici si conservano come fogli sciolti oppure, quando vi sono più poesie dedicate al medesimo candidato, come fascicoli. Dei volumi miscellanei che raccoglievano le poesie, sicuramente più di uno, rimane chiara traccia sulle carte nella paginazione manoscritta e nei i fori dovuti alla legatura.

Strumenti di ricerca

Area dei materiali collegati

Esistenza e localizzazione degli originali

Esistenza e localizzazione di copie

La raccolta ufficiale delle dissertazioni a partire dal 1738 fino agli anni Sessanta dell'Ottocento è attualmente conservata dalla Biblioteca Nazionale Universitaria, la biblioteca storicamente insediata nel Palazzo di via Po 17. In quanto opere a stampa, il loro deposito era considerato obbligatorio dalla legislazione allora vigente nello Stato sabaudo. Di queste, le tesi fino al 1830 sono state oggetto di un progetto di catalogazione informatizzata (su SBN antico) e sono ora ricercabili sull'OPAC. Per gli anni successivi, fino al 1865, si conservano solo alcuni elaborati di cui esistono elenchi cartacei.
Alcuni esemplari della collezione Albera integrano le lacune della raccolta ufficiale.

Unità di descrizione collegate

Parallelamente alla schedatura archivistica e bibliografica delle tesi, sulla piattaforma digitale dell'Archivio dell'Università è stata digitalizzata una selezione delle più significanti legature in pelle, in cartoncino decorato e tessuto:

Descrizioni collegate

Nota bibliografica

Per una trattazione sommaria del tema cfr. il paragrafo dedicato alle dissertazioni scritte in Gli archivi dell’Ateneo torinese come patrimonio storico e fonte per il suo studio di Daniela Caffaratto, Marco Carassi e Paola Novaria (Il Palazzo dell’Università di Torino e le sue collezioni, a cura di Gianni Romano e Ada Quazza, Torino, Comitato per le celebrazioni del Sesto Centenario dell’Università di Torino, 2004, pp. 266-270).

Area delle note

Identificatori alternativi

Punti di accesso

Punti d'accesso per soggetto

Punti d'accesso per luogo

Punti d'accesso per nome

Punti d'accesso relativi al genere

Area di controllo della descrizione

Codice identificativo della descrizione

Codice identificativo dell'istitituto conservatore

Norme e convenzioni utilizzate

Stato

Livello di completezza

Date di creazione, revisione, cancellazione

Lingue

Scritture

Fonti

Area dell'acquisizione

Soggetti collegati

Persone ed enti collegati

Generi correlati

Luoghi collegati