Showing 15385 results

Archival description
Print preview View:

608 results with digital objects Show results with digital objects

Concorso a posti d'aggregazione

Indizione del concorso per un posto di aggregato alla Scuola di Farmacia in data 1 marzo 1879 e definizione dei requisiti per parteciparvi.Richiesta di riconoscere agli aggregati che insegnano presso la Scuola di Farmacia, il titolo di dottore aggregato.Al farmacista Leonardo Bogino viene negato il titolo di dottore aggregato, che egli rivendica in quanto scritto - per errore materiale - sulla nota ministeriale n.457 dell'11 gennaio 1876. Il Ministero ribadisce la necessità di essere laureato e propone di ammetterlo al corso di Laurea in Chimica e Farmacia.

Verbali di laurea dal 30 nov. 1939 al 29 genn. 1946

Contiene i verbali di laurea di: Tullio Abelli (p. 242), Vittorio Accasto (p. 67), Bernardo Acutis (p. 286), Dante Adami (p. 238), Giovanni Agnelli (p. 206), Italo Silvio Aimonetto (p. 120), Vincenzo Aita (p. 146), Domenico Ajma (p. 58), Dario Ajmone Marsan (p. 130), Veniero Ajmone Marsan (p. 134), Luigi Alamanni (p. 147), Fulvio Alberto (p. 204), Giovanni Albora (p. 168), Giorgio Allario Caresana (p. 47), Guido Amadi (p. 30), Nasrollah Amanpour (p. 49), Giulio Amarù (p. 243), Agrippino Amato (p. 148 e 217), Felice Ambrosione (p. 61), Oreste Amerio (p. 268), Luigi Amico (p. 44), Antonio Andreis (p. 6), Maria Antonietta Andreoni (p. 209), Cecilia Anfossi (p. 248), Alfredo Ansaldi (p. 6), Vittorio Anselmi (p. 197), Laura Anselmo (p. 235), Walter Anselmo (p. 231), Luigi Antoniola (p. 126), Giovanni Battista Arbia (p. 73), Vito Arcari (p. 181), Gilberto Arduin (p. 275), Angelino Armigliato (p. 199), Carlo Arnò (p. 131), Luigi Arri (p. 229), Giovanni Battista Arzone (p. 255), Demetrio Asinari di Bernezzo (p. 7), Pietro Audisio (p. 159), Marco Balbis (p. 48), Aimone Balbo (p. 296), Giuseppe Ballauri del Conte (p. 26), Giuseppe Barbaro (p. 259), Agostino Barbera (p. 149), Giuseppe Barberis (p. 266), Umberto Barolo (p. 105), Cesare Bartolotta (p. 280), Antonio Bassi (p. 185), Emilio Batani (p. 83), Gian Paolo Baudino (p. 7), Icilio Bay (p. 188), Alvaro Beltrami (p. 182), Armando Beltramo (p. 8 e 155), Maria Ada Benedetto (p. 189), Mario Benedetto (p. 8 e 201), Cesare Benevolo (p. 32 e 220), Federico Benevolo (p. 284), Gian Carlo Beria di Sale e Di Argentina (p. 34), Ernesto Bersano Begey (p. 152), Mario Bertolina (p. 151), Luciano Betrone (p. 187), Aldo Bianchetti (p. 287), Cesare Bianchi (p. 291), Cesare Bianco (p. 257), Giovanni Bianco Virgini (p. 271), Aldo Billia (p. 242), Luigi Bima (p. 261), Giorgio Biraghi (p. 254), Massimo Bocca (p. 15), Mario Bodino (p. 263), Augusto Bolgeo (p. 91), Giulio Bologna (p. 130), Roberto Bolognino (p. 294), Franco Bonadeo (p. 118), Isabella Bonicelli (p. 240), Renato Bonzanino (p. 38), Giorgio Bora (p. 107), Vittorio Borgno (p. 4), Enrico Borgo (p. 252), Galileo Ovidio Borgondo (p. 96 e 156), Gino Bori Prelle (p. 18), Gian Fermo Borroni (p. 262), Michelangelo Bosia (p. 259), Egidio Bozzone (p. 236), Giuseppe Brizzolari (p. 220), Anna Maria Broggi (p. 219), Michele Brogliatti (p. 62), Ferrante Brovetto (p. 150), Bernardo Bruno (p. 43), Cesare Brusasco (p. 181), Carlalberto Buffa (p. 109), Placido Buffardi (p. 283), Guido Buffetti (p. 41), Emanuele Burzio (p. 120), Bruno Caccia (p. 117), Francesco Cagna (p. 213), Domenico Calasso (p. 11), Mauro Caligaris (p. 67 e 197), Giovanni Battista Calorio (p. 139), Giuseppe Caltabiano (p. 31 e 117), Renato Cambiano (p. 27), Sidney Camino (p. 9), Giovanni Campo (p. 21), Claudia Campoli (p. 281), Vittorio Canavero (p. 78), Bartolomeo Cancellieri (p. 9), Alberto Canonica (p. 180), Giuseppe Capotorto (p. 57 e 144), Francesco Cappa (p. 239), Leonardo Carandini (p. 32), Nicolò Carandini (p. 52), Angelo Carante (p. 289), Franco Carbonetti (p. 22), Bernardo Cardone (p. 25), Luigino Careddu (p. 20), Adalberto Carello (p. 139), Piero Carello (p. 136), Emilio Carossa (p. 28), Ezio Casalegno (p. 172), Rinaldo Casana (p. 163), Carletto Casassa (p. 38), Italo Casetta (p. 142), Carla Cassino (p. 209), Fernando Castagna (p. 273), Giorgio Catalano (p. 184), Giovanni Cavagnino (p. 212), Alberto Cavalli (p. 167), Emilio Cavalli (p. 155), Adriano Cavallo (p. 92), Giuseppe Cavallo (p. 261), Luigi Cavallo (p. 207), Piero Cazzola (p. 228), Giovanni Cera (p. 62), Achille Ceresole (p. 219), Umberto Cerruti (p. 268), Filippo Cesari (p. 266), Carlo Chevallard (p. 37), Amedeo Chevalley (p. 97 e 153), Daniele Chiarella (p. 101), Francesco Chiarotti (p. 128), Pietro Ciocchetti (p. 258), Clemente Ciochino (p. 76), Edmondo Clerici (p. 202), Leonardo Cocito (p. 239), Lea Coggiola (p. 118), Enrico Coisson (p. 84), Antonio Coletti (p. 218), Fiorenzo Colombano (p. 170), Francesco Colombo (p. 140), Bernardo Comparato (p. 215), Giuseppe Condorelli (p. 90 e 215), Giovanni Battista Conso (p. 277), Vinicio Conti (p. 121), Maurizio Corgnati (p. 92), Osvaldo Corte (p. 35), Pietruccio Corva (p. 142), Hellé Griselda Cosentini (p. 153), Renato Cosentini (p. 55), Secondo Costa Bioletti (p. 64), Giorgio Cotta Morandini (p. 65), Bruno Crolle (p. 66), Vittorio Curti (p. 187), Carlo Dacomo (p. 159), Aldo D'Agostini (p. 18), Faustino Dalmazzo (p. 90), Giacomo Dattrino (p. 51), Aldo De Ferrari (p. 247), Vittorio De Franco (p. 224), Pietro De Gaudenzi (p. 205), Mario De Luca (p. 246), Arcangelo De Rosa (p. 267), Gabriele de Rosa (p. 140), Tullio Dechiffre (p. 146), Alessandro Degli Esposti (p. 288), Enrico Del Bono (p. 50), Carlo Demarchi (p. 56), Renzo Demarchi (p. 12), Cesare Deorsola (p. 293), Nicola Depaoli (p. 276), Giovanni Devecchi (p. 39), Emilio di Aichelburg (p. 109), Ervedo di Aichelburg (p. 113), Paolo Di Domenico (p. 103), Luigi Di Giacomo (p. 66), Luigi Di Rovasenda (p. 85), Giuseppe Dionisio (p. 156), Bruno Dolci (p. 193), Secondo Elia (p. 19), Isidoro Enrico (p. 63), Amerigo Erbetta (p. 27), Antonio Erculei (p. 175), Jacopo Fabbri (p. 29), Anselmo Falcoz (p. 40), Giuseppe Farri (p. 221), Rosalbino Fasanella (p. 182), Mario Fasano (p. 174), Sergio Favero Longo (p. 245), Albino Favetto (p. 190), Ubaldo Fazio (p. 174), Luigi Febbraro (p. 178), Alfredo Fedele (p. 152), Amos Fenoglio (p. 270), Giovanni Fenoglio (p. 250), Vittorio Ferracciu (p. 164), Ermete Ferrari (p. 169), Giancarlo Ferrari (p. 3), Francesco Ferraris (p. 46), Adolfo Ferraro (p. 186), Corrado Ferraro (p. 249), Virgilio Ferraro (p. 124), Ferruccio Ferrero (p. 57), Filiberto Ferrero (p. 103), Italo Ferrero (p. 275), Renato Ferrofino (p. 84), Luigi Ferruzzi (p. 195), Giuseppe Fillietroz (p. 110), Pietro Fillioley (p. 23), Francesco Fini (p. 35), Francesco Fiore (p. 263), Luigi Fiore (p. 151), Luigi Fissore (p. 281), Antonio Flagiello (p. 290), Vasil Floqi (p. 178), Guglielmo Fontana (p. 105), Luciano Fontana (p. 214), Mario Fontana (p. 189), Nemore Fontana (p. 193), Renzo Forma (p. 115), Margherita Francardi (p. 297), Domenico Franchino (p. 183), Vincenzo Franco (p. 127), Mario Frassati (p. 157), Giorgio Frusi (p. 108), Giovanni Fuccio Sanzà (p. 45 e 121), Antonino Fugardi (p. 207), Mario Fuscà (p. 29), Ferdinando Gabotto di San Giovanni (p. 33), Emilio Gaffuri (p. 216), Gian Luigi Gagliardi (p. 290), Gabriella Gajal de la Chenaye (p. 213), Alberto Galeno Mellucci (p. 161 e 234), Giovanni Galetto (p. 198), Emilio Gallo (p. 56), Luigi Gallo (p. 50), Angelo Gambaro (p. 48), Giovanni Battista Garbarino (p. 14), Giuseppe Gariffo (p. 55), Furio Gariglio (p. 68), Ernesto Garino (p. 164), Giorgio Garino (p. 143), Edmondo Gatti (p. 80), Guido Gatti (p. 235), Erno Gaudino (p. 69 e 144), Annunziato Gerocarni (p. 24), Luca Giaccardi (p. 284), Francesco Dario Giacone (p. 260), Alfredo Giacosa (p. 171), Pietro Gianasso (p. 145), Decio Giannotta (p. 160), Lorenzo Gignone (p. 77), Nicola Gina (p. 12), Giuseppe Gini (p. 296), Achille Giorcelli (p. 205), Luigi Giordana (p. 237), Giovanni Giovannini (p. 171), Maria Vittoria Giovara (p. 188), Alessandro Giraudo (p. 133 e 196), Carlo Giulietti (p. 230), Gesualdo Giunta (p. 163), Felice Giusta (p. 122), Giovanni Gonella (p. 116), Elena Goss (p. 108), Giuseppe Gosso (p. 33), Guido Graglia (p. 132 e 223), Giuseppe Grana (p. 63), Francesco Grandis (p. 190), Sabino Grasso (p. 106), Emilio Grimaldi (p. 115), Umberto Grosso Nicolin (p. 136), Edmondo Guarini (p. 232), Luigi Guazzo (p. 69), Bianca Guidetti Serra (p. 210), Carlo Guidoni (p. 289), Paolo Guillot (p. 45), Giovanni Indemini (p. 141 e 158), Ferdinando Intindoli (p. 282), Ferruccio Introna (p. 279), Vittorio Invrea (p. 123), Pietro Iorfida (p. 14), Ivan Donceff Ivanoff (p. 234), Luciano Jacobbi (p. 4), Sait Kazazi (p. 53), Maria Luisa Khuri Obeid (p. 229), Milan Komar (p. 226), Salvatore La Malfa (p. 249), Gioacchino La Verde (p. 237), Filippo Lagattolla (p. 282), Cesare Lagna Fietta (p. 85), Ezio Lagomaggiore (p. 104), Severino Lana (p. 264), Edoardo Lanino (p. 82 e 166), Giorgio Lattarulo (p. 247), Alessandro Lenotti (p. 11), Enzo Levi (p. 138), Carlo Liedke (p. 72), Giampietro Lo Balbo (p. 265), Giuseppe Lo Cicero (p. 225), Fernando Lo Jacono (p. 77), Vincenzo Lo Vetere (p. 53), Giovanni Battista Locana (p. 293), Walter Scott Locchi (p. 186), Libero Lombardo (p. 10 e 180), Luigi Lovera di Maria (p. 221), Alfonso Lucarelli (p. 269), Ugo Luise (p. 98 e 131), Cesare Lupo (p. 95), Giuseppe Emilio Lupo (p. 112), Ugo Lusona (p. 110), Pensiero Macciotta (p. 191), Paolino Magliola (p. 54), Biagio Magnelli (p. 285), Enzo Magnino (p. 71), Aldo Magone (p. 60), Luigi Mallé (p. 199), Luigi Malli (p. 224), Ruggero Mamini (p. 206), Giorgio Manassero (p. 233), Giuseppe Mancini (p. 133), Attilio Manitto (p. 198), Paolo Manitto (p. 264 e 277), Leonardo Manneschi (p. 88), Aldo Marazzani (p. 165), Romolo Marchia (p. 241), Carlo Marchisio (p. 94 e 218), Oreste Marcoz (p. 211), Pietro Marenco (p. 70), Annibale Marietti (p. 99), Edoardo Marini (p. 72 e 196), Marco Marini (p. 137), Pier Giovanni Maron Pot (p. 165), Antonio Marotta (p. 250), Luigi Martin di Montù Beccaria (p. 49), Italo Martinazzi (p. 251), Bruno Martinetto (p. 42), Giovanni Martino (p. 113), Giuseppe Martino (p. 148), Armando Martorelli (p. 291), Vittoria Masoero (p. 107), Vittorio Massé (p. 238), Steno Masserano (p. 299), Alessio Massobrio (p. 76), Domenico Matta (p. 141), Franco Mazzolini (p. 248), Vincenzo Mellana (p. 125), Roberto Mentasti (p. 172), Augusto Menzio (p. 295), Giovanni Meo (p. 104), Domenico Mercadante (p. 25), Franco Mercandino (p. 47), Luciano Miglietti (p. 91), Giorgio Mijno (p. 147 e 192), Pier Paolo Milanaccio (p. 97), Leonardo Gaetano Mina (p. 88), Francesco Minella (p. 65), Carlo Minoli (p. 36), Carlo Miraglia (p. 114), Enrico Mircoli (p. 74), Dario Morano (p. 292), Antonio Morello (p. 22), Ottavio Morino (p. 60), Mario Mosca (p. 116), Cesare Moscone (p. 123), Pier Dario Mottura Giraud (p. 175), Armando Musso (p. 102), Carlo Musso (p. 17), Giuseppe Musso (p. 52), Giovanni Napione (p. 271), Luigi Nasi (p. 262), Carlo Natta (p. 93), Mario Oggè (p. 86), Alessandro Oliveri (p. 75), Antonino Oliveri (p. 24), Giorgio Olivero (p. 176), Deodato Olivieri di Vernier (p. 114), Germano Ollietti (p. 20), Andrea Oppio (p. 111), Amilcare Ostorero Mamel (p. 161), Rosita Ottino (p. 157), Dario Paccino (p. 236), Luigi Padulli (p. 28), Alberto Pagge (p. 223), Mario Pagliero (p. 58), Vincenzo Pagliuzzi (p. 13), Antonio Pagnozzi (p. 253), Giuseppe Paletto (p. 100), Guido Pallotta (p. 3), Carlo Palmigiano (p. 280), Ugo Pandolfo (p. 96), Ulderico Panelli (p. 300), Franca Papone (p. 300), Antonio Parisi (p. 298), Aldo Parola (p. 134), Onofrio Pasquali (p. 173), Renato Passera (p. 158), Giovanni Pellerei (p. 59), Mario Peraldo Gianolino (p. 184), Sergio Perassi (p. 272 e 274), Armando Perazzo (p. 64), Oscar Perconti (p. 26), Giorgio Peretti (p. 286), Ettore Pescume (p. 61), Filippo Peyron (p. 244), Luigi Pezza (p. 288), Valerio Pia (p. 208), Colombano Piano (p. 278), Gianmarco Piccinelli (p. 283), Alberto Picco (p. 95), Tommaso Pignataro (p. 71), Francesco Pinardi (p. 251), Ciro Pinto (p. 13), Aldo Pipan (p. 170), Giacomo Pipino (p. 222), Antonio Pistamiglio (p. 16), Armando Pistone (p. 78), Luigi Pivetti (p. 135), Aristide Pizzichelli (p. 200), Mario Pizzorno (p. 122), Giovanni Pomo (p. 46), Ottorino Pomo (p. 127), Teresio Ponchione (p. 204), Giovanni Porcheddu (p. 183), Giancarlo Porrone (p. 232), Aurelio Porzio Giovanola (p. 41), Carlo Pratis (p. 168), Tancredi Prato (p. 106), Piero Prete (p. 192), Giuseppe Priolo (p. 2), Giuseppe Provera (p. 135), Carlo Quaglia (p. 126), Angelo Quartarone (p. 212), Mario Quazza (p. 226), Santos Quiros Navino (p. 119), Cesare Raffagni (p. 292), Giuseppe Ragusa (p. 89), Giuseppe Raimondi (p. 112), Gesualdo Rapicavoli (p. 225), Domenico Ravina (p. 43), Giovanni Ravinale (p. 258), Enrico Re (p. 208), Augusto Re Martini (p. 19), Giuseppe Regis (p. 149), Pietro Regis (p. 167), Lorenzo Regnani (p. 278), Ippolito Reynaudi (p. 299), Gustavo Ribet (p. 185), Augusto Riccio (p. 254), Riccardo Richiardi (p. 241), Luigi Roasio della Torre dei Rinaldi (p. 98), Carlo Rocca (p. 1), Vincenzo Rocca (p. 15), Giovanni Rogozinski (p. 274), Giorgio Rolli (p. 214), Nazzareno Romiti (p. 179), Michele Silvio Roncaglia (p. 160), Carlo Roncati (p. 100), Giorgio Ronco (p. 79), Francesco Roppolo (p. 195), Giovanni Battista Rosa (p. 256), Pietro Rossini (p. 79), Felice (nato il 01/03/1915) Rosso (p. 37), Felice (nato il 04/11/1916) Rosso (p. 44), Severino Rosso (p. 119), Carlo Rostagno (p. 228), Ermanno Rostan (p. 216), Ada Rota (p. 138), Maria Pia Rubino (p. 269), Francesco Rustichelli (p. 75), Vittorio Sabbione (p. 256), Aldo Sacco (p. 82), Nino Saettone (p. 132), Evasio Saffirio (p. 36), Clemente Saggio (p. 31), Gabriele Salerno (p. 265), Luigi Salibra (p. 21 e 162), Francesco Salvati (p. 233), Augusto Salvatore (p. 125), Luigi Sandiano (p. 81), Amerigo Sandrucci (p. 42), Pasquale Oscar Domenico Santacroce (p. 173), Carlo Santagostino (p. 23), Elio Santilli (p. 210), Carlo Santini (p. 260), Alessio Santoro (p. 70), Renato Saraceno (p. 87), Giorgio Sarti (p. 81), Aldo Scaglia (p. 257), Carlo Scaglione (p. 272), Guglielmo Scagno (p. 17), Vincenzo Schinco (p. 217), Ugo Schleifer (p. 86), Roberto Scolari (p. 2), Francesco Scordovillo (p. 39), Eva Sechi (p. 5), Bruno Segre (p. 73), Giovanni Sella (p. 194), Ettore Serafino (p. 202), Augusto Serra (p. 129), Alfio Sgalambro (p. 267), Sotiraq Shomo (p. 179), Carlo Siccardi (p. 276), Emilio Siccardi (p. 94), Carlo Sicco (p. 93), Angelo Sodano (p. 294), Ugo Sogno (p. 230), Giorgio Solaroli di Briona (p. 245), Giuseppe Sportoletti (p. 243), Guido Staro (p. 99), Alessandro Stefani (p. 240), Francesco Sulliotti (p. 40), Pasquale Tabacchi (p. 169), Federico Tadini (p. 10), Enzo Tenino (p. 30), Bartolomeo Tesio (p. 16), Antonietta Testa (p. 194), Gino Testa (p. 255), Candido Guglielmo Testori (p. 51), Augusto Thiebat (p. 34), Ernesto Tocco (p. 246), Vittorio Toesca di Castellazzo (p. 177), Salvatore Toro (p. 211), Giovanni Tortini (p. 200), Giovanni Tortonese (p. 279), Arduino Torzilli (p. 201), Sara Treves (p. 162), Elio Trezza (p. 89 e 203), Carlo Triberti (p. 252), Pier Angelo Trinchero (p. 54), Ferdinando Trolla (p. 287), Rianldo Turlo Tornari (p. 231), Guido Ubertis (p. 83), Franca Uffreduzzi (p. 154), Emanuele Urban (p. 128), Giorgio Vaccarino (p. 166), Giovanni Vaciago (p. 176), Paolo Valfrè di Bonzo (p. 244 e 295), Raffaele Vallone (p. 74), Ettore Vanara (p. 87), Paolo Vanzetti (p. 129 e 203), Giuseppe Vecchiati (p. 298), Adolfo Veglia (p. 285), Giacomo Veglia (p. 143), Giuseppe Vernetti (p. 191), Carlo Viale (p. 137), Cirano Vigiani (p. 145), Mario Vigilante (p. 102), Carlo Vigna (p. 273), Amilcare Villani (p. 150), Eligio Vitale (p. 80), Giorgio Viti (p. 297), Vittorino Vittonatto (p. 154), Guido Voghera (p. 1), Alessandro Vola (p. 124), Renato Vola (p. 253), Pietro Volpi (p. 111), Tomor Ypi (p. 59), Aldo Zanetti (p. 101), Francesco Zecchini (p. 177), Giuseppe Zini (p. 270), Carlo Zinna (p. 222), Emanuele Zuppello (p. 5).

Personale in genere

Gran parte della documentazione è rappresentata da circolari ministeriali e note che ne accusano ricevuta e assicurano il rispetto (53 cc.): n. 26784 del 24 gennaio 1938 “Assunzione di maestranze statali – Iscrizione al P.N.F.” (il requisito non vale per i lavoratori stagionali, purché assunti per la prima volta anteriormente al 29 ottobre 1936); n. 2750 del 27 gennaio 1938 “Congedo per gravidanza e puerperio” (la proroga di un mese e mezzo del congedo ordinario per le impiegate di nomina statale va concessa con decreto ministeriale); n. 11748 del 14 aprile 1938 “Art. 22 del R.D.L. 21 agosto 1937 – XV n. 1542 – Anticipazione aumenti periodici” (l’anticipo non si applica del caso di figli nati senza vita o deceduti prima della denuncia della nascita); circolare rettorale del 27 maggio 1938, che consegue alla ministeriale n. 16 del 2 maggio 1938 “Aggiornamento e revisione dei documenti di viaggio (si invita a riconsegnare all’ufficio Protocollo e Archivio libretti ferroviari e tessere di riconoscimento per il loro aggiornamento); n. 11229 del 20 giugno 1938 “Assunzione di personale straordinario e avventizio” (si raccomanda di chiede ai Fasci di combattimento l’elenco dei reduci dall’A.O.I. – Africa Orientale Italiana e dall’O.M.S (Oltre Mare Spagna); n. 12111 del 30 luglio 1938 “Trattamento di famiglia al personale statale non di ruolo” (è prevista); circolare rettorale del 2 agosto 1938 che fa proprio il richiamo ministeriale al rigoroso rispetto dell’obbligo di acquisire l’autorizzazione ministeriale per poter partecipare a congressi e altre manifestazioni di carattere internazionale; n. 18050 del 4 agosto 1938 “Chiamata in servizio di appartenenti alla M.V.S.N. – Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale, impiegati statali e parastatali” (raccomanda di autorizzare gli impiegati, soprattutto se appartenenti alla Milizia Dicat e da Cos, a “ottemperare alle chiamate in servizio o per istruzioni disposte dai competenti Comandi con cartolina rosa di precettazione”); n. 1832 del 6 agosto 1938 “Assicurazione contro gli infortuni” (si richiedono i dati sul personale di ogni livello che presta servizio negli Istituti scientifici, a eccezione di quelli delle Facoltà di Giurisprudenza, Lettere e Magisteri, al fine di promuovere l’emanazione di un provvedimento che preveda lì assicurazione contro gli infortuni per il personale universitario, non essenso al momento applicabile quanto previsto dal R.D. 17 agosto 1935, n. 1765 concernente l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro; è presente la minuta della risposta con allegata la tabella); circolare rettorale del 12 ottobre 1938 che, in base alle disposizioni vigenti, invita i direttori di’Istituto a non assume nere personale salariato, anche giornaliero, se non iscritto al P.N.F.; sono agli atti trentuno risposte dei direttori; circolare rettorale dell’ottobre 1938 “Personale femminile” che, in conformità al R.D.L. 5 settembre 1938 n. 1514, invita i direttori a non assumere, a decorrere dal 29 ottobre, personale femminile, neanche giornaliero e a sostituire con uomini le donne attualmente in servizio come giornaliere e avventizie.

Disposizioni relative al Regolamento speciale. Studi, inscrizione, insegnamenti, esami, abilitazioni all'esercizio, tasse speciali per gli esercizi

Corrispondenza tra i professori U. Schiff, P. A. Borsarelli e il rettore, circa le modalità e i tempi di svolgimento degli esami per assistenti farmacisti previsti ad ottobre 1878.Insistenti richieste al Ministero perché apporti modifiche al R. D. 12 marzo 1876, tali da rendere obbligatori gli esami di Chimica farmaceutica e di Materia medica per gli studenti al 3° anno.Riduzione della tassa per le esercitazioni obbligatorie dei farmacisti e istituzione della tassa per le esercitazioni nei laboratori di Zoologia e Anatomia comparata.

Regolamento interno

Corrispondenza col Ministero e bozze di lavoro del Regolamento interno per il personale a carico del bilancio universitario e delle Norme relative al funzionamento amministrativo contabile e interno.

Quadreria

Stefano Chiantore, Ritratto di monsignor Luigi Fransoni, Olio su tela, mm 895 x 710, 1832;Anonimo , Ritratto di Vittorio Amedeo II di Savoia, Olio su tela, mm 665 x 490, fine XVII – inizio XVIII secolo;Anonimo piemontese, Santa Caterina d’Alessandria, Olio su tela, mm 1010 x 780, Fine XVII secolo.

Legislazione

Testi di legge a stampa per lo più inerenti all'istruzione universitaria, dal Regno di Sicilia sotto Vittorio Amedeo II al Regno d'Italia sotto Vittorio Emanuele III.

Dogatum Genuense Supremus Ordo Goliardicus Liguriae (S.O.G.L.)

Il Dogatum Genuense, Supremus Ordo Goliardicus Liguriae (S.O.G.L.), fu fondato a Genova nel 1947 ed è tutt'oggi attivo. A capo vi è un doge, eletto annualmente; il logo è composto da un galeone con lo stemma della città sulle vele. Si conservano:manifesto di fondazione a firma del doge Simon Boccanegra I, 1 nov. 1947;manifesto sulle "ferie matricolarum" a firma del doge Simon Boccanegra II (Raffaello 'Lello' De Caro), 18 feb. 1949.

Unione Musicale Studentesca - U.M.S.

L'associazione fu fondata a Torino nel 1944. In occasione del decimo anno d'attività, l'opuscolo con cui viene presentata la stagione concertistica 1954-55 ne ripercorre le principali traguardi raggiunti, ribadendo come fine della società il "favorire il nascente interesse dei giovani per una forma di diletto e nello stesso tempo di perfezionamento del gusto che l'U.M.S. va diffondendo nell'ambiente studentesco ed universitario ormai da un decennio". I primi quattro concerti sono organizzati in collaborazione con il Comitato Studentesco Universitario Interfacoltà. Nel 1954 gli organi direttivi sono così composti:presidente: Giovanni Battista Bertone;vicepresidente: Orazio Quaglia;comitato d'onore: Mario Allara, Massimo Caputo, Luigi Pescetti, Mario Tazzoni, Maria Tettamanzi Cesaro, Silvio Turati, Giuseppe Soffietti;segretario: Giorgio Balmas;consiglio di organizzazione: Dino Balmas, Sergio Biancelli, Irma Cerrato, Tancredi Goglio, Gianni Legger, Colette l'Eplattenier, Silvio Maggiora, Franco Mazzarino, Piercarlo Mereu, Paolo Pignata, Rosalia Rabaioli, Roberto Rambaldi, Gianalfredo Scassellati Sforzolini.

Terza Italia

La Terza Italia, Alleanza per la difesa dell'italianità e delle nazionalità oppresse, fu simbolicamente fondata a Caprera (SS) il 20 settembre 1907. Il Comitato centrale, con sede a Torino, si insediò il 7 settembre 1914, occasione in cui fu distribuito il primo numero del foglio di propaganda «Terza Italia». Nel 1917 il comitato centrale era così composto: Efisio Giglio-Tos, presidente; Ettore Gaetano Donn e Riccardo Tolentino, vice-presidenti; Cesare Foà, segretario; Carlo Fea, cassiere; Luigi Gariazzo, Carlo Guidetti-Serra, Giovanni Molar, Giovanni Villata, Carlo Zanoia, consiglieri. Nel 1918 a questi si aggiunse Giuseppe Tempo, consigliere.Si conservano:"Attività sociale. Anni 1914-1915-1916", Tip. Baravalle e Falconieri, Torino 1917 (3 copie);mozione per la promozione e l'organizzazione del "I Congresso internazionale per i diritti delle nazionalità oppresse", 3 febb. 1918;manifesto per la "Celebrazione della festa nazionale" (Roma, 2 giu. 1918), 1918;ristampa dell'indirizzo di benvenuto rivolto a Cesare Battisti in occasione della conferenza da lui tenuta a Torino in data 12 ott. 1914, 1918(?) (2 copie).manifesto celebrativo la liberazione di Trieste e delle terre irredente, [post 1918?].

Supremus Ordo Taurini Cornus - S.O.T.C., poi Supremus Ordo Taurini Cornus atque Pedemotanus - S.O.T.C.a.P.

Il Supremus Ordo Taurini Cornus (Supremo Ordine del Corno Taurino) fu costituito a Torino nell'a.a. 1945-46. Fu rifondato nel 1951 come ordine goliardico sovrano in Piemonte, prendendo la denominazione Supremus Ordo Taurini Cornus atque Pedemotanus, ed è ancora oggi attivo. Le sue cariche richiamano la gerarchia della Chiesa Cattolica sbeffeggiandola: a partire dal basso, vi sono gli scudieri (matricole) e i clerici vagantes (studenti iscritti in altri Atenei, ma residenti a Torino), i cavalieri, i curiali, i vescovi (a capo delle associazioni goliardiche provinciali e delle "vole", vale a dire circoli, di Torino) e i cardinali, con al vertice un pontifex. Il pontefice decade al termine dell'anno accademico; i cardinali si riuniscono in "conclave" ogni autunno per eleggere il successore (o riconfermare il precedente). Il pontefice neoeletto debutta il 25 novembre, giorno di Santa Caterina d'Alessandria, in cui nel Settecento era designato il rettore e nel periodo tra le due guerre e nel secondo dopoguerra si tengono i veglioni danzanti studenteschi dedicati alle sartine, le "caterinette". Per le donne fu creato nel 1951 l'Ordo Vestalium, con a capo una vestale massima o Vesta.

Società "Dante Alighieri" e Sottocomitato studentesco

Efisio Giglio-Tos, segretario dell'associazione nel 1901, riferisce che l’idea di fondare una società laica titolata a Dante Alighieri, con scopo la diffusione e la tutela della lingua italiana nel mondo, nacque durante l’Esposizione emiliana (Bologna 1888). L’anno seguente si costituì un primo comitato, presieduto dal senatore Silvio Spaventa e poi dal deputato Ruggero Bonghi. Nel 1890 la federazione era definitivamente operativa, con quarantaquattro comitati in tutto il paese. Nel marzo 1895 il presidente del comitato torinese Emilio Pinchia, in collaborazione con l’Associazione universitaria torinese (A.U.T.), fondò la sezione studentesca.Si conservano:E. Giglio-Tos, La società “Dante Alighieri”. Sua origine e suoi scopi, Tip. Renzo Streglio e C., Torino-Ciriè 1901;Carnet di ballo "Ballo Grande Albergo d'Europa", 29 gen. 1914;"Bollettino del comitato studentesco della Società nazionale Dante Alighieri", a. V, n. 3, mar. 1922.

Associazione Universitaria Torinese - A.U.T., poi Associazione Torinese Universitaria - A.T.U.

Documenti inerenti al funzionamento e all'attività dell’Associazione universitaria torinese (A.U.T.) e dell'Associazione torinese universitaria (A.T.U.).L'associazione fu fondata nell'inverno 1889; il suo stemma è composto dalla testa della Minerva sormontata da un toro, simboli della sapienza e della città di Torino, accompagnati dal motto "semper et virtus". L’A.U.T. ebbe carattere apolitico e aconfessionale e fu animata da fini filantropici: la beneficenza e la tutela della classe studentesca furono suoi interessi primari, perseguiti tramite la promozione di una serie di agevolazioni per i suoi iscritti, come visite mediche gratuite, sconti presso negozi e teatri, l’istituzione di sezioni sportive e di sussidi tramite un fondo di assistenza. Sul versante culturale promosse esposizioni, conferenze e scambi con gli Atenei d’Oltralpe. Nel 1894 Efisio Giglio Tos fu eletto presidente: durante il suo mandato cercò di aprire gli orizzonti dell'associazione all'estero, organizzando iniziative come l’Esposizione fotografica internazionale, che accolse nel 1895 a Torino espositori da tutta Italia, Francia, Svizzera, Belgio, Impero Austro-ungarico, Germania, Inghilterra e Stati Uniti, e una raccolta di firme a favore degli studenti moscoviti arrestati nel dicembre 1896.Le prime riunioni dei soci si tennero in birreria; nel 1894 furono inaugurati i locali in via Principe Amedeo 20-20A, dove secondo il periodico studentesco “Il Goliardo” rimase collocata la sede sino al 1897. Nel 1903 l'A.U.T. fu rifondata, con l’apertura dei nuovi spazi associativi: alcune carte dello stesso anno riportano l’indirizzo via Ospedale 26, attuale via Giolitti. Nel 1909 fu sciolta e rifondata con sede in via Maria Vittoria 27: lo statuto datato 12 dicembre 1909 riporta la denominazione "Associazione torinese universitaria". Sulla copertina della Guida dello studente del 1910, a cura dell'organizzazione, compare per la prima volta il nuovo stemma composto dalla testa della Minerva entro una corona di foglie di rovere, accompagnata dal motto di Giosuè Carducci "ciò che fu torna e tornerà nei secoli" (da Canto di Marzo, Odi barbare, libro II).La parabola dell'A.T.U. terminò il 15 giugno 1917, quando fu chiusa a causa della chiamata alle armi della maggior parte dei cinquecento soci aderenti. Nel 1919 fu rifondata: il primo segretario fu Paolo Maria Guala, già laureato in Giurisprudenza e Lettere, seguito nella carica da Luigi Olivieri nel 1922 e da Emanuele Pesati nel 1923. Operò sino al 1928 quando fu sciolta e almeno parte dei suoi iscritti confluì nel Gruppo universitario fascista: il presidente, Pino Valle, fu nominato fiduciario fiduciario per la sezione universitaria del G.U.F.

Associazione Torinese Universitaria - A.T.U.

L'Associazione Torinese Universitaria (A.T.U.) fu fondata nell'anno accademico 1945-46 ed ebbe sede presso i locali dell'Ateneo in via Po 17. Il logo è composto da uno scudetto con la sigla dell'associazione e la sagoma del colonnato dell'Ateneo, con all'interno la Mole Antonelliana; lo coronano una feluca goliardica e il motto "ciò che fu torna e tornerà nei secoli". Il gruppo si dichiarava erede della tradizione dell'associazionismo universitario laico e apolitico della seconda metà dell'Ottocento, rimasto in vita sino all'avvento del Gruppo universitario fascista in cui confluirono la gran parte delle organizzazioni studentesche durante il Ventennio . L'attività dell'associazione era gestita da specifiche sezioni interne dedicate a cultura, spettacoli, sport, servizio sanitario, rapporti interuniversitari, stampa e laureati. Parallelamente all'attività assistenziale a tutela dei soci, come l'assistenza medica e la richiesta di sconti presso gli esercizi commerciali torinesi, promosse eventi goliardici, feste e veglioni. Oltre agli studenti dell'Università, l'A.T.U. fu aperta anche a quelli del Politecnico e tenne rapporti con il Supremus Ordo Taurini Cornus, con cui organizzò alcune serata danzanti.

Results 1 to 20 of 15385