Stampa l'anteprima Chiudi

Risultati 9

Descrizione archivistica
Museo "Cesare Lombroso" Serie
Stampa l'anteprima Vedere:

Scritti di detenuti (1833 - 1930)

Come risulta evidente, la raccolta documentaria in questa serie aumenta considerevolmente col contributo del prof. Mario Carrara rispetto a Cesare Lombroso che al contrario aveva maggiormente appuntato la sua attenzione sugli scritti provenienti dai manicomi. In questo caso non è stato possibile individuare nuclei documentari originari e le donazioni risultano atti non infrequenti, ma occasionali: per questo motivo è parso che l'unico criterio di riordino possibile fosse quello cronologico.

Il ritratto

I ritratti su foglio sono prevalentemente a carboncino e a matita (gli album sono documenti a sé), perciò non si è ritenuto di dover specificare la tecnica per ogni singolo disegno.

Scritti e disegni di mattoidi e alienati (1864 - 1981)

Quando è stato possibile si sono riportati la data dei documenti e i nomi degli autori, sulla base delle informazioni fornite dagli stessi: è evidente che non sempre si può garantire sull'autenticità di tali informazioni. E altresì importante ricordare che l'inserimento di scritti e persone nelle categorie "alienati" e soprattutto "mattoidi", non sono dovute a chi scrive ma naturalmente a chi ha collezionato i documenti. Per contro non si può escludere che talvolta siano stati identificati come alienati, uomini che all'epoca erano detenuti presso le carceri e non necessariamente in qualche manicomio: gli scritti d'altronde parlano per loro.

Collezione di casi criminali (1877 - 1978)

È evidente che per molteplici aspetti è grandemente cambiato il nostro concetto di devianza. I criminali e gli atti delinquenziali qui elencati, vanno contestualizzati rispetto al tempo e alla sensibilità di chi ne ha fatto oggetto di studio.

Raccolte di articoli (1879 - 1934)

Nella maggior parte dei casi si tratta di ritagli e solo talvolta è stata conservata l'intera pagina di giornale: per questo motivo non di rado è stato impossibile rintracciare la data di uscita degli articoli. Si è scelto quindi di indicare la data più alta e la data più bassa o anche solo l'unica data verificabile all'interno di ogni raccolta. Per ognuna valga quindi la locuzione "circa". Occasionalmente si trovano anche alcuni documenti manoscritti: gli argomenti trattati sono abitualmente coerenti con quelli degli articoli che accompagnano ed è lecito supporre che non si tratti di aggiunte successive, ma che siano organici al gruppo documentario di appartenenza. Gli argomenti trattati sono spesso indicati sulle buste gialle che contengono le raccolte: non si è in grado di stabilire quali e quanti rimaneggiamenti abbiano esse subito nel corso del secolo, ma a fronte di una sommaria omogeneità d'argomenti (in buona parte dei casi) si è preferito non procedere a riordini e accorpamenti arbitrarii.