Stampa l'anteprima Chiudi

Risultati 731

Descrizione archivistica
Con oggetti digitali Italiano
Ricerca avanzata
Stampa l'anteprima Vedere:

Tesi dell'Università di Pavia, Facoltà di Farmacia, Giurisprudenza e Medicina

Tesi discusse presso le Facoltà di Farmacia, Giurisprudenza e Medicina dell'Università di Pavia da:Maria Pellegrina Amoretti: tesi di laurea in Giurisprudenza dedicata all'arciduchessa d'Austria Maria Beatrice d'Este, 25 giu. 1777; risulta promotore dell'Amoretti il professor Luigi Cremani e figurano come sue sostenitrici la contessa Enrichetta Bolognini, moglie del decano della Facoltà Giovanni Silva, e la marchesa Maria Ordogno di Rosales, moglie del professor Giuseppe Belcredi.Giovanni Calvi di Cremona: tesi di Medicina razionale discusse sotto gli auspici del Senato di Milano, mag. 1745; Calvi è appoggiato da Paolo Valcarenghi di Cremona, professore di Medicina nell'Ateneo.Giacomo Attilio Cenedella: tesi di laurea in Chimica ("Sul fuoco-greco. Ricerche storico-sperimentali", Facoltà di Farmacia), 4 ago. 1841.Giovanni Volpi: tesi di laurea in Medicina, sotto gli auspici del professore ordinario di Botanica Giuseppe Moretti (Delle acque minerali di S. Pellegrino), mag. 1837.

Festeggiamenti V Centenario dell'Ateneo Torinese

Materiali riconducibili alle iniziative promosse e organizzate dal comitato studentesco per i festeggiamenti del V Centenario dell'Ateneo, 17-20 apr. 1904:Riproduzione fotografica del manifesto "Seconda esposizione universale d'arte decorativa moderna. Aprile 1904", s.d; progettazione grafica del manifesto di Filippo Bonello, detto Cirano.Manifesto relativo alle iniziative promosse dal comitato organizzativo in occasione del V Centenario dell'Università di Torino, apr. 1904.Carnet di biglietti d'invito al Grande veglione goliardico (Salone Odeon - Galleria Nazionale), apr. 1904.3 cartoline "Festeggiamenti universitari 1904 / V Centenario dell'Ateneo Torinese / 1404-1904", apr.-mag. 1904; progettazione grafica di Pier Carlo Dondona; due sono viaggiate: destinatari Camilla Mazzone Ferrari (Via Montebello 2, Roma) e Enrico Franchi (Modena); quest'ultima presenta inoltre il bollo "collezione di Luigi Fanti BO".Cartolina "Universa Minerva / 1404 Torino 1904", 1904;. progettazione grafica di A. Marchisio.3 medaglie commemorative con epigrafe di Ettore Stampini, disegnate da Edoardo Rubino e coniate da Johnson di Milano, [1904].2 libretti a stampa della rivista teatrale "Apogoliateosi" (musica di Luigi Cecchetti, libretto di Cesare Cecchetti), Tipografia G.U. Cassone, Torino, 1904.Opuscolo "Programma della Gara Internazionale Universitaria nell'occasione del Festeggiamenti per il V Centenario dell'Ateneo Torinese 19-20 aprile 1904", Tip. Cug Baravalle e Falconeri, Torino, 1904.Opuscolo "V Centenario dell'Ateneo torinese. Festeggiamenti; Congresso universitario; II Esposizione di arte decorativa moderna; Apogoliateosi", Tipografia G.U. Cassone, Torino, 1906.

Tesi di laurea di Francesco Cavallone con appunti manoscritti

  • IT ASUT ALBERA - Tesi. Medicina e chirurgia 1856. Cavallone
  • Unità archivistica
  • 1856-07-28
  • Parte di Collezione "Marco Albera"

Delle sette copie della tesi di laurea, una presenta ampie note manoscritte che registrano il discorso tenuto in sede d'esame dal candidato e le argomentazioni dei professori. Non è chiaro se siano appunti dello stesso Cavallone o di un uditore, che ha verbalizzato la discussione per tenerne memoria.

Tesi del 1858

Per il grado di laurea: Costantino Berrucand ed Eugenio Franchino (2 copie).Per il grado di aggregazione al Collegio: Angelo Molina.

Tesi del 1860

Per il grado di laurea: Michele Amerio, Pietro Audo, Luigi Cotta-Ramusino e Jérome-Frédéric Rossi.

Tesi del 1856

Per il grado di laurea: Augusto Argentier, Angelo Baldi, Giovanni Battista Bellone, Giuseppe Bertone, Giuseppe Boggio, Pietro Bottero, Augusto Brocchi, Giovanni Cagno (2 copie), Celestino Canonico, Gabriele Castellazzi, Francesco Cavallone (7 copie), Giovanni [Jean] Debauge, Germain Delassiaz, Giuseppe Delucis (2 copie), Claude-Marie Duparc, Alessandro Fassa (2 copie), Stanislao Ganora (2 copie), Giacomo Gibello, Francesco Graneri, Giovanni Guelpa, Giuseppe Guida, Giovanni Manca-Addis, Michele Miglioretti, Cesare Antonio Montalenti, Luigi Montini, Gaspare Oddenino, Gioachino Pagliano (2 copie), Cajo Peyrani, Giuseppe Provera, Vittorio Righetti, Giovanni Rossi, Tommaso Rossi, Luigi Guglielmo Ruffa, Giuseppe Sanquirico, Edoardo Scoffier, Domenico Tibone, Antonio Gaetano Tinetti, Costantino Lodovico Vacca e Francesco Giuseppe Vaschetti.Per il grado di aggregazione al Collegio: Giacinto Pacchiotti (2 copie).

Tesi del 1864

Per il grado di laurea: Francesco Villavecchia.

Tesi del 1857

Per il grado di laurea: Giuseppe Belotti, Giuseppe Bonino, Leopoldo Chiodini, Ottavio Guglielmetti e Sebastiano Viale.

Tesi del 1859

Per il grado di laurea: Carlo Arullani, Francesco Clerici, Giovanni Gavina, Giorgio Rigoletti e Giovanni Spantigati.

Tesi del 1861

Per il grado di laurea: Carlo Berri, Michele Carasso, Domenico Cottini, Carlo Fortina, Francesco Garello, Andrea Mottura, Aronne Noce, Giovanni Pagella, Carlo Antonio Saglione e Celio Erasmo Vercellini.

Tesi del 1862

Per il grado di laurea: Giorgio Ballario, Simone Bensa, Giacinto Boetti, Giuseppe Germano, Giovanni Giudice (2 copie), Michele Longo, Giuseppe Marcellino, Domenico Sappa e Giovanni Saviotti.

Tesi del 1848

Per il grado di laurea: Gioachino [Gioacchino] Zoppi.

Tesi del 1854

Per il grado di laurea: Pietro Alliana, Baldassarre Ansermino, Giuseppe Bongioanni, Lodovico Gatti e Giovanni Battista Torelli.Per il grado di aggregazione al Collegio: Giuseppe Timermans.

Tesi del 1852

Per il grado di laurea: Giuseppe Baudino, Paolo Busti, Alessandro Candelo, Ambrogio Carini, Costantino Crescentino, Giovanni Battista De Magistris, Francesco Macari, Angelo Molina, Giuseppe Osella, Salvatore Pavese, Ettore Luigi Ruffini, Asclepiade Tibaldi.

Tesi del 1855

Per il grado di laurea: Carlo Bertolini, Lorenzo Buzzi, Giovanni Civalleri, Giovanni Dell'Orto, Firmino Ferraris, Vittore Fioretta (7 copie),Giovanni Battista Gallareto, Alessandro Giorcelli, Luigi Martina, Benedetto Meda-Garino, Luigi Peracca, Giovanni Santanera, Giuseppe Thea e Lazzaro Turina.

Centro Universitario Teatrale - C.U.T.

Tessera annullata dell'associazione, rilasciata a Nino Orlando, 1958: reca sul verso la riproduzione di un disegno di Guido De Bonis e sul recto l'intestazione con l'indicazione "anno II".Manifesto relativo a Tre conferenze sul teatro, 1958:Gian Renzo Morteo su il teatro di Eugène Ionesco, con la letture de La cantatrice calva a cura della Compagnia Sperimentale del Teatro Contemporaneo, 13 mar.;Luigi Sarzano su teatri universitari e teatri di comunità in America, 20 mar.;Paolo Levi sul teatro ebraico, con letture dal dramma yiddish Dibbuck, 31 mar.Reca in testa l'intestazione Comitato Studentesco Interfacoltà, Centro Universitario Teatrale.Il Centro Universitario Teatrale (C.U.T.) fu fondato nell'immediato dopoguerra, probabilmente già nel 1946. Nonostante risulti aderente alla Federazione Italiana Teatri Universitari, l'attività promossa nei primi anni fu probabilmente precaria: per la mancanza di fondi, nel 1950, la sede sociale fu ospitata nei locali della Corda Fratres. Nel febbraio 1956 il C.U.T. fu quindi rifondato su nuove basi, probabilmente anche in più stretto rapporto col Comitato Studentesco d'Interfacoltà, che in un primo momento non risulta presente nelle sue attività. Nell'anno accademico 1956-57 l'organizzazione promosse un centro di studi teatrali, aperto anche a professori e critici; in questa occasione la sede sociale dell'associazione risulta ospitata nei locali dell'Unione Culturale, presso Palazzo Carignano.

Adunanze del Collegio delle Scienze e belle Arti

Verbali delle adunanze del Collegio, a partire dalla prima seduta successiva alla creazione di un Collegio autonomo con regia patente del 29 agosto 1737. Sono registrati gli esiti delle votazioni per le elezioni del priore e dei consiglieri e le funzioni per l'aggregazione dei nuovi componenti del Collegio medesimo: Michele Casati e Pietro Lorenzo Vacca (Classe di Filosofia e Matematica, 1740); Amedeo Agnesi (Classe di Filosofia e Lingue, 1740); Giambattista Sicca, medico collegiato (Classe di Filosofia, 1742); Gian Paolo Ricolvi, Giovanni Antonio Braida, Domenico Cassuli e Giovanni Francesco Guenzi (Classe di Eloquenza e Lingue, 1742); Goffredo Franzini, professore di Umanità (Classe di Belle Lettere, 1748); Francesco Berta e Filippo Revelli (Classi di Filosofia e Matematica, 1749); Ignazio Somis (Matematica e Belle Lettere, 1749); Secondo Sinesio (Belle Lettere, 1749); Giovanni Domenico Pisceria (Filosofia e Belle Lettere, 1749); Giuseppe Bartoli (Filosofia ed Eloquenza, 1751); Giovanni Battista Beccaria (Filosofia e Matematica, 1751); Giacinto Sigismondo Gerdil (Filosofia e Matematica, 1751); Maurizio Triveri, Giovanni Bernardo Vigo e Giuseppe Sicco (Classe di Belle Lettere, 1758); Michele Antonio Prato, Vittorio Maria Boyer e Canonica (Classe di Filosofia, 1764); Tacconis e Mussa (Classe di Eloquenza, 1764); Giuseppe Antonio Cauda (Classe di Filosofia, 1775); Vincenzo Tarino (sovrannumerario in Matematica, 1775); Giovanni Battista Mazzucchi, Giovanni Francesco Edoardo Cochis, Giovanni Battista Turinetti e Casasopra (Classe di Eloquenza, 1775); Francesco Regis e Giacomo Gariglio (Classe di Belle Lettere, 1782); Francesco Baretta e Giovanni Battista Arleri (Classe di Belle Lettere, 1785); Cesare Dionigio Garretti di Ferrere, Carlo Ferrero Vittorio della Marmora, abate di Saint Marcel, Giuseppe Pavesio e Gaspare Morardo (Classe di Filosofia, 1786); Pietro Tommaso Cajoli e Giovanni Francesco Zavatteri (sovrannumerari, Classe di Filosofia, 1786); Teresio Michelotti (sovrannumerario, Classe di Matematica, 1786), Pietro Barucchi, Giovanni Battista Marenco, Giovanni Battista Operti (sovrannumerari, Classe di Eloquenza, 1786); Ignazio Michelotti (Classe di Matematica, 1788); Francesco Benedetto Feroggio (sovrannumerario, Classe di Matematica, 1788); Carlo Tenivelli e Giuseppe Antonio Gallerone (sovrannumerari, Classe di Eloquenza, 1788); Ignazio Degiovanni ed Evasio Leone (sovrannumerari, Classe di Belle Lettere, 1790); Alessandro Sclopis (sovrannumerario, Classe di Eloquenza, 1791); Luigi Spagnolini (sovrannumerario, Classe di Filosofia, 1791); Giovanni Antonio Giobert (sovrannumerario, Classe di Filosofia, 1796); Giacomo Difendente Caretto e Giuseppe Antonio Castellani (sovrannumerari, Classe di Matematica, 1796); Cesare Saluzzo (sovrannumerario, Classe di Filosofia, 1797); Francesco Antonio Morelli e Paolo Luigi Raby (sovrannumerari, Classe di Eloquenza, 1797); Benedetto Brunati (Classe di Matematica, 1816); Giuseppe Franchi di Pont (straordinario, Classe di Eloquenza, 1816); Giuseppe Lavini (straordinario, Classe di Filosofia, 1816); Giuseppe Benedicti (Classe di Eloquenza, 1833); Giovanni Deandrea (Classe di Eloquenza, 1845). Nelle ultime pagine sono trascritti verbali successivi alla divisione della Facoltà di Scienze e Lettere e creazione della Facoltà di Belle Lettere e Filosofia e della Facoltà di Scienze Fisiche e Matematiche disposta con R.D. 9 ottobre 1848, n. 826.Con rubrica

Risultati da 1 a 20 di 731