Showing 9775 results

Archival description
File
Print preview View:

375 results with digital objects Show results with digital objects

3.5 Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali. Regi Musei di Antichità ed Egizio, Zoologia e Anatomia comparata, Mineralogia, Geologia. Direzione, personale

Corrispondenza riguardante l'inserimento del Museo di Zoologia nella pubblicazione "Almanacco Zoologico" curato dalla Società Zoologica tedesca e lo scambio di pubblicazioni con la "Société des Sciences naturelles de l'Ouest de la France".

Tesi di laurea di Francesco Cavallone con appunti manoscritti

Delle sette copie della tesi di laurea, una presenta ampie note manoscritte che registrano il discorso tenuto in sede d'esame dal candidato e le argomentazioni dei professori. Non è chiaro se siano appunti dello stesso Cavallone o di un uditore, che ha verbalizzato la discussione per tenerne memoria.

Lauree in Medicina e Chirurgia dal 1° luglio 1864 al 11 novembre 1869

Verbali dell'esame scritto e dell'esame orale per ciascun candidato fino al mese di agosto 1868 (primo dei due volumi rilegati insieme).Alle pp. 94-122: conferimento del grado di dottore in base alla "nota ministeriale 7 maggio 1866 che dispensa dall'esame generale".Degli esami datisi nei mesi di novembre e dicembre 1868 è presente il solo esame orale, poiché estrazione del tema e valutazione della dissertazione sono verbalizzate nel registro con segnatura IT ASUT MED. CHIR. - Esami generali 1868-75. La verbalizzazione è nuovamente completa per i mesi di luglio e agosto 1869. Sono verbalizzati due esami di laurea in data 11 novembre 1869, mentre tre registrazioni di estrazioni del 16 novembre 1869 sono copie di quelle presenti nel registro già menzionato.Con rubrica.

Secondo esame generale ed esame di quarto anno

Sono compilate solo 13 pagine: da p. 1 a p. 11 (dal 30 aprile al 17 luglio 1862) con i verbali del secondo esame generale, secondo di tre prove previste per il conseguimento della laurea, in base all'art 128 della legge Casati e all'art. 19 del Regolamento del 1860; alle pagine 12 e 13 (dal 14 giugno al 5 luglio 1866) sono presenti tre verbali dell'esame generale del quarto anno (estrazione del tema per lo scritto e verbale della prova orale). L'esame è introdotto dal Regolamento della Facoltà medico-chirurgica approvato con R.D. 23 ottobre 1865, n. 2584, che condiziona la frequenza dei corsi del 5° e 6° anno al superamento di questo esame, consistente "in una dissertazione scritta sopra un tema estratto a sorte ed in un esame orale successivo" (art. 7). Al superamento dell'esame era rilasciato un certificato.

1.5 Liberi docenti

Programmi dei corsi della Facoltà di Giurisprudenza: Procedura penale, Federico Benevolo; Diritto civile, Camillo Brezzo; Legislazione comunale comparata, di Giusto Emanuele Garelli della Morea; Diritto e procedura penale, Carlo Righini di Sant'Albino; Diritto ecclesiastico, Francesco Ruffini; Diritto civile, Felice Tedeschi. Programmi dei corsi della Facoltà di Lettere e filosofia: Letteratura italiana, Vittorio Ciana, titolo del corso: La poesia storica e politica sino al Rinascimento; Lettere greche, Carlo Zuretti. Programmi dei corsi della Facoltà di Medicina e chirurgia: Batteriologia, Pio Foà; Chimica fisiologica e Storia della medicina e delle scienze affini, Piero Giacosa; I metodi fisiologici applicati alle ricerche cliniche, Valentino Grandis; Antropologia criminale, Cesare Lombroso; Neurologia, Bellom Pescarolo; Propedeutica clinica oculistica, Giovanni Secondi.

Clinica ostetrica. Direzione, assistenti, levatrice maggiore, inservienti

Il Ministero della Pubblica istruzione delibera il mutamento di denominazione dell'"Istituo ostetrico annesso alla Pia Opera della Maternità di Torino" in "Scuole di Ostetricia presso la Pia Opera" e ne approva il regolamento organico.Avviso di cncorso ai posti di levatrici prima e seconda assistenti presso l'Istituto ostetrico.Tra le concorrenti Amalia Bottiglieri e Cleofe Pucciarelli (di quest'ultima si conserva la documentazione presentata).Concorso ai posti di medici primo e secondo assistenti presso la Scuola di Ostetricia. Della commissione fanno parte il prof. Lorenzo Bruno per la Pia Opera di Maternità e il prof. C. Giacomini per la Facoltà di Medicina; presidente prof. Tibone. Viene nominato Libero Bergesio. Altri candidati: Arnaldo Longhena, Carlo Berri (di cui è presente la domanda), Giovanni Inverardi.Su proposta del prof. Tibone, direttore dell'Istituto ostetrico la sig.a Teodora Lanotti levatrice maestra preso il Regio Ospizio di Maternità svolgerà tale ruolo presso l'Istituto medesimo, sostituendo Delfina Albero Sciotti il cui incarco scade a novembre. La quota di bilancio così risparmiata verrà ripartita tra il personale in forma di gratifiche per servizi straordinari.A seguito della segnalazione di un'elevata mortalità tra le puerpere ricoverate presso l'istituto ostetrico imputabile alla diffusione di infezioni portate dagli studenti di medicina provenienti dal Teatro anatomico, il rettore concorda col prof. Tibone l'ammissione al corso di ostetricia agli studenti del 5° anno anziché del 6°, oltre a cambiamenti di orario.In attesa dell'approvazione del nuovo regolamento organico per l'Istituto ostetrico , il prof. Tibone propone la conferma per l'anno 1879 di L. Bergesio quale assistente e di D. Albero Sciotti quale levatrice, e l'assunzione in via provvisoria di Giovanni Inverardi quale assistente straordinario. Disposizioni per la retribuzioni di due trimestri a quest'ultimo e di un compenso per l'attività di insegnamento alle levatrici svolto da Bergesio nell'a.s. 1877-78.Angelo Bruno viene confermatoinserviente portiere della Clinica ostetrica. per l'anno 1879.

Atti pubblici di Laurea e Licenza in Teologia dal 1729 sin al 1737

Nella prima carta è presente il titolo: "Registro de graduati nella facoltà Theologica col nome de sig.ri dottori di Colleggio". Nella seconda è trascritto il verbale, in lingua italiana, della seduta del Collegio dei teologi per l'elezione del priore, dei consiglieri e del segretario, tenutasi il 28 dicembre 1729. I verbali degli esami di licenza e di laurea sono invece scritti in lingua latina e cominciano il 17 gennaio 1730. Privo di rubrica.Contiene gli esami di: Giovanni Battista Ardissone (Lic. e Laurea; 156, 157, 170 e 171); Giovanni Battista Arignano (Lic. e Laurea; 54, 55, 69 e 70); Giacomo Francesco / Giovanni Francesco Artaldi (Lic. e Laurea; 91, 92, 122 e 123); Antonio Balegno /Aliberti Balegno (Lic. e Laurea; 4, 8 e 9); Baldassarre / Bartolomeo Balla (Lic. e Laurea; 156, 157, 174 e 175); Joseph Bardel (Lic. e Laurea; 104, 106, 120 e 121); Jean-Baptiste Bavouz (Lic. e Laurea; 21, 22, 39 e 40); (non indicato) Berard (Lic.; 152 e 153); (non indicato) Berard (di Annecy) (Lic.; 180 e 181); Jean-François Bernaz (Lic. e Laurea; 89, 90, 118 e 119); Tommaso Lorenzo Bernerio (Lic. e Laurea; 13, 14, 23 e 24); Carlo Francesco Bertogliati (Lic. e Laurea; 58, 59, 80 e 82); Giovanni Martino Bertogliati (Lic. e Laurea; 129, 130, 152 e 153); Stefano Beuf Arnaud (Lic. e Laurea; 60, 61, 101 e 102); Giacinto Boarelli (Lic.; 180 e 181); Giuseppe Brignone di Costigliole (Lic. e Laurea; 107, 108, 116 e 117); Giovanni Battista Camilla (Lic., Laurea e Aggregazione; 132, 133, 154, 155, 166 e 167); Matteo / Giovanni Battista Cassina (Lic.; 104 e 105); Giovanni Ceaglio (Lic. e Laurea; 80, 81, 110 e 111); Giacomo Cerio (Lic. e Laurea; 101, 103, 124 e 125); Giuseppe Cesana (Lic. e Laurea; 138, 139 e 148); Michel Conseil (Lic.; 176 e 177); Bartolomeo Corrado (Lic. e Laurea; 71, 72, 118 e 119); Giovenale Antonio Damilano (Lic.; 5 e 7); (non indicato) Daviet (Lic.; 182 e 183); Sebastiano Daziano (Lic. e Laurea; 160, 161, 162 e 163); Jean-Baptiste d'Orlié / Dorlier di Saint Innocent (Lic. e Laurea; 29, 30, 45 e 46); Spirito Giuseppe De Carolis / Decaroli (Lic.; 91 e 93); Ludovic de Montfalcon (Lic. e Laurea; 41, 42, 48, 62 e 63); Ludovico Emanuele Del Carretto di Camerano (Lic. e Laurea; 94, 95, 120 e 121); Jacques Thomas Delachinal (Lic. e Laurea; 56, 57, 122 e 123); Ludovic Detraz (Lic. e Laurea; 107, 109, 122 e 123); Francesco Druetto (Lic. e Laurea; 67, 68, 97 e 99); Carlo Fighiera (Laurea e Aggregazione; 2 e 9); Maurizio Nicola Fontana (Laurea e Aggregazione; 51, 65 e 66); Pierre Gabet (Lic. e Laurea; 33, 34, 43 e 44); Francesco Garro (Aggregazione; 12); (non indicato) Gastaldo (Lic.; 144); Stefano Maurizio Gentile (Lic.; 178 e 179); Francesco Antonio Gianolio / Gianoglio (Lic. e Laurea; 15, 16, 27 e 28); Giovanni Battista Guilmer (Lic. e Laurea; 73, 74, 86 e 88); Remigio La Croix / Buchard La Croix (Lic. e Laurea; 126 e 131); Giovanni Francesco Lucio (Lic. e Laurea; 138, 139, 170 e 171); Giovanni Battista Maffoni (Lic.; 3); Giovanni Francesco Marchino (Lic., Laurea e Aggregazione; 132, 133, 147 e 149); Bernardo Mattis / Mathis (Lic. e Laurea; 19, 20, 25 e 26); Giovanni Francesco Maulandi (Laurea; 17 e 18); Giovanni Battista Meazza (Lic.; 94 e 96); Jean Vincent Mermoz (Lic.; 176 e 177); Giovanni Giuseppe Miglyna (Lic.; 170 e 171); Pietro Miraglio (Lic. e Laurea; 140, 141, 154 e 155); Giovanni Agostino Molinerio (Lic., Laurea e Aggregazione; 49, 50, 64, 78 e 79); Giovanni Francesco Molinerio (Lic. e Laurea; 140, 141, 164 e 165); Francesco Nizia (Lic. e Laurea; 120, 121, 142 e 143); Orazio Novaro (Lic. e Laurea; 83, 84, 112 e 113); Giovanni Battista Paglieri / Palieri (Lic. e Laurea; 150, 151, 168 e 169); Simone Perin (Lic.; 31 e 32); Carlo Filiberto Poesio (Lic. e Laurea; 127 e 128); Michele Antonio Pratto / Prato (Lic. e Laurea; 75, 76 e 100); Carlo Ottavio Radicati di San Sebastiano (Lic.; 86 e 87); Pietro Agostino Rey (Lic.; 182 e 183); Giovanni Antonio Raynerio (Lic., Laurea e Aggregazione; 114, 115, 129 e 130); (non indicato) Reyneri / Reynero (Aggregazione; 124 e 125); Giovanni Battista Rodolfo (Lic. e Laurea; 112, 113 e 137); Giovanni Valentino Roveda / Roeda (Lic. e Laurea; 158, 159, 178 e 179); Giovanni Maurizio San Martino (Lic. e Laurea; 97, 98 e 136); Pietro Antonio Scarfiotto (Lic. e Laurea; 52, 53, 75 e 77); Giovanni Battista Serale / Serrale (Lic.; 176 e 177); Giovanni Alessandro Simondi / Simundi (Lic., Laurea e Aggregazione; 5, 6, 10 e 11); Giovanni Maria Simundi / Simondi (Lic. e Laurea; 114, 115, 134 e 135); Girolamo Tagliazuchi (Aggregazione; 14); Claudio Felice Toesca (Lic. e Laurea; 142, 143, 160 e 161); Carlo Giuseppe Vallario / Valario (Lic. e Laurea; 83, 85, 110 e 111); Carlo Domenico Valenti (Lic. e Laurea; 145 e 146); Michele Veglio (Lic.; 158 e 159); Giovanni Ugo Zeppenfeld (Lic. e Laurea; 35, 36, 37 e 38).

Giovanni Bernardo Vigo

De bethulia per Judith liberata exercitatio academica habita Augustae Taurinorum in aede d. Francisci a Paula ab auditoribus Joannis Bernardi Vigi rhetoricae professoris ad r. Athenaeum die 6. julii anno 1758, Torino 1758.Il volume raccoglie vari componimenti poetici in lingua latina sul tema di Giuditta e Oloferne, recitatati il 6 giugno 1758 nella chiesa di San Francesco da Paola di Torino nell'ambito di un'esercitazione accademica dagli studenti di Giovanni Bernardo Vigo, professore di Retorica presso l'Università di Torino. In coda sono presenti l'elenco dei partecipanti e ulteriori indicazioni a riguardo di altri componimenti recitati in questa occasione.

1.5 Liberi docenti

Corrispondenza riguardante il conferimento della libera docenza per titoli in Diritto ecclesiastico a Francesco Ruffini.

Adunanze del Collegio delle Scienze e belle Arti

Verbali delle adunanze del Collegio, a partire dalla prima seduta successiva alla creazione di un Collegio autonomo con regia patente del 29 agosto 1737. Sono registrati gli esiti delle votazioni per le elezioni del priore e dei consiglieri e le funzioni per l'aggregazione dei nuovi componenti del Collegio medesimo: Michele Casati e Pietro Lorenzo Vacca (Classe di Filosofia e Matematica, 1740); Amedeo Agnesi (Classe di Filosofia e Lingue, 1740); Giambattista Sicca, medico collegiato (Classe di Filosofia, 1742); Gian Paolo Ricolvi, Giovanni Antonio Braida, Domenico Cassuli e Giovanni Francesco Guenzi (Classe di Eloquenza e Lingue, 1742); Goffredo Franzini, professore di Umanità (Classe di Belle Lettere, 1748); Francesco Berta e Filippo Revelli (Classi di Filosofia e Matematica, 1749); Ignazio Somis (Matematica e Belle Lettere, 1749); Secondo Sinesio (Belle Lettere, 1749); Giovanni Domenico Pisceria (Filosofia e Belle Lettere, 1749); Giuseppe Bartoli (Filosofia ed Eloquenza, 1751); Giovanni Battista Beccaria (Filosofia e Matematica, 1751); Giacinto Sigismondo Gerdil (Filosofia e Matematica, 1751); Maurizio Triveri, Giovanni Bernardo Vigo e Giuseppe Sicco (Classe di Belle Lettere, 1758); Michele Antonio Prato, Vittorio Maria Boyer e Canonica (Classe di Filosofia, 1764); Tacconis e Mussa (Classe di Eloquenza, 1764); Giuseppe Antonio Cauda (Classe di Filosofia, 1775); Vincenzo Tarino (sovrannumerario in Matematica, 1775); Giovanni Battista Mazzucchi, Giovanni Francesco Edoardo Cochis, Giovanni Battista Turinetti e Casasopra (Classe di Eloquenza, 1775); Francesco Regis e Giacomo Gariglio (Classe di Belle Lettere, 1782); Francesco Baretta e Giovanni Battista Arleri (Classe di Belle Lettere, 1785); Cesare Dionigio Garretti di Ferrere, Carlo Ferrero Vittorio della Marmora, abate di Saint Marcel, Giuseppe Pavesio e Gaspare Morardo (Classe di Filosofia, 1786); Pietro Tommaso Cajoli e Giovanni Francesco Zavatteri (sovrannumerari, Classe di Filosofia, 1786); Teresio Michelotti (sovrannumerario, Classe di Matematica, 1786), Pietro Barucchi, Giovanni Battista Marenco, Giovanni Battista Operti (sovrannumerari, Classe di Eloquenza, 1786); Ignazio Michelotti (Classe di Matematica, 1788); Francesco Benedetto Feroggio (sovrannumerario, Classe di Matematica, 1788); Carlo Tenivelli e Giuseppe Antonio Gallerone (sovrannumerari, Classe di Eloquenza, 1788); Ignazio Degiovanni ed Evasio Leone (sovrannumerari, Classe di Belle Lettere, 1790); Alessandro Sclopis (sovrannumerario, Classe di Eloquenza, 1791); Luigi Spagnolini (sovrannumerario, Classe di Filosofia, 1791); Giovanni Antonio Giobert (sovrannumerario, Classe di Filosofia, 1796); Giacomo Difendente Caretto e Giuseppe Antonio Castellani (sovrannumerari, Classe di Matematica, 1796); Cesare Saluzzo (sovrannumerario, Classe di Filosofia, 1797); Francesco Antonio Morelli e Paolo Luigi Raby (sovrannumerari, Classe di Eloquenza, 1797); Benedetto Brunati (Classe di Matematica, 1816); Giuseppe Franchi di Pont (straordinario, Classe di Eloquenza, 1816); Giuseppe Lavini (straordinario, Classe di Filosofia, 1816); Giuseppe Benedicti (Classe di Eloquenza, 1833); Giovanni Deandrea (Classe di Eloquenza, 1845). Nelle ultime pagine sono trascritti verbali successivi alla divisione della Facoltà di Scienze e Lettere e creazione della Facoltà di Belle Lettere e Filosofia e della Facoltà di Scienze Fisiche e Matematiche disposta con R.D. 9 ottobre 1848, n. 826.Con rubrica

Clinica oculistica. Direzione, assistenti

Pubblicazione avviso per un posto di studente del 5° anno presso l'Ospedale Oftalmico.Il prof. Carlo Regmond, direttore della Clinica oftalmica, chiede aumento di stipendio per il rpoprio assistent Baiardi.Richiesta diel rettore al prof. D. Baiardi di supplire il collega prof. Regmond durante gli esami.A seguito delle dimissioni del dott. Felice Sperino dall'incarico di assistente alla Clinica oftalmica, il Ministero della Pubblica istruzione nomina in sua vece il dott. Baiardi.

Affari diversi

E' presente la "Guida della grande menageria di A. Bach sotto la direzione di J. Ehlbeck", catalogo del serraglio di animali feroci ed esotici presente in Piazza d'Armi, allegata a una lettera di invito ad accompagnare in visita gli studenti (12 novembre 1888). Sia la lettera che la guida presentano raffigurazioni di animali.

3.5 Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali. Regi Musei di Antichità ed Egizio, Zoologia e Anatomia comparata, Mineralogia, Geologia. Direzione, personale

Doni fatti al Museo di Zoologia: esemplari di animali, di cui non è precisata la provenienza e la specie, da parte del tenente di vascello conte Ernesto Filipponi di Mombello; un'antilope dell'Abissinia da parte di Carlo Michelini. Dono di oggetti di storia naturale provenienti dal Brasile ai Musei dell'Università da parte di Pietro Corte, console d'Italia in Brasile.

Results 1 to 20 of 9775