Showing 15296 results

Archival description
Print preview View:

420 results with digital objects Show results with digital objects

Esami pubblici di Scienze fisiche e matematiche

A partire dal 1861 (p. 50) è in uso anche la denominazione esame generale, secondo quanto previsto dalla legge Casati (art. 128). Sono presenti lauree in Fisica, Scienze naturali, Chimica e una laurea in Matematica (di Giuseppe Boidi, 14 febbraio 1863).

Adunanze del Collegio delle Scienze e belle Arti

Verbali delle adunanze del Collegio, a partire dalla prima seduta successiva alla creazione di un Collegio autonomo con regia patente del 29 agosto 1737. Sono registrati gli esiti delle votazioni per le elezioni del priore e dei consiglieri e le funzioni per l'aggregazione dei nuovi componenti del Collegio medesimo: Michele Casati e Pietro Lorenzo Vacca (Classe di Filosofia e Matematica, 1740); Amedeo Agnesi (Classe di Filosofia e Lingue, 1740); Giambattista Sicca, medico collegiato (Classe di Filosofia, 1742); Gian Paolo Ricolvi, Giovanni Antonio Braida, Domenico Cassuli e Giovanni Francesco Guenzi (Classe di Eloquenza e Lingue, 1742); Goffredo Franzini, professore di Umanità (Classe di Belle Lettere, 1748); Francesco Berta e Filippo Revelli (Classi di Filosofia e Matematica, 1749); Ignazio Somis (Matematica e Belle Lettere, 1749); Secondo Sinesio (Belle Lettere, 1749); Giovanni Domenico Pisceria (Filosofia e Belle Lettere, 1749); Giuseppe Bartoli (Filosofia ed Eloquenza, 1751); Giovanni Battista Beccaria (Filosofia e Matematica, 1751); Giacinto Sigismondo Gerdil (Filosofia e Matematica, 1751); Maurizio Triveri, Giovanni Bernardo Vigo e Giuseppe Sicco (Classe di Belle Lettere, 1758); Michele Antonio Prato, Vittorio Maria Boyer e Canonica (Classe di Filosofia, 1764); Tacconis e Mussa (Classe di Eloquenza, 1764); Giuseppe Antonio Cauda (Classe di Filosofia, 1775); Vincenzo Tarino (sovrannumerario in Matematica, 1775); Giovanni Battista Mazzucchi, Giovanni Francesco Edoardo Cochis, Giovanni Battista Turinetti e Casasopra (Classe di Eloquenza, 1775); Francesco Regis e Giacomo Gariglio (Classe di Belle Lettere, 1782); Francesco Baretta e Giovanni Battista Arleri (Classe di Belle Lettere, 1785); Cesare Dionigio Garretti di Ferrere, Carlo Ferrero Vittorio della Marmora, abate di Saint Marcel, Giuseppe Pavesio e Gasparo Morando (Classe di Filosofia, 1786); Pietro Tommaso Cajoli e Giovanni Francesco Zavatteri (sovrannumerari, Classe di Filosofia, 1786); Teresio Michelotti (sovrannumerario, Classe di Matematica, 1786), Pietro Barucchi, Giovanni Battista Marenco, Giovanni Battista Operti (sovrannumerari, Classe di Eloquenza, 1786); Ignazio Michelotti (Classe di Matematica, 1788); Francesco Benedetto Feroggio (sovrannumerario, Classe di Matematica, 1788); Carlo Tenivelli e Giuseppe Antonio Gallerone (sovrannumerari, Classe di Eloquenza, 1788); Ignazio Degiovanni ed Evasio Leone (sovrannumerari, Classe di Belle Lettere, 1790); Alessandro Sclopis (sovrannumerario, Classe di Eloquenza, 1791); Luigi Spagnolini (sovrannumerario, Classe di Filosofia, 1791); Giovanni Antonio Giobert (sovrannumerario, Classe di Filosofia, 1796); Giacomo Difendente Caretto e Giuseppe Antonio Castellani (sovrannumerari, Classe di Matematica, 1796); Cesare Saluzzo (sovrannumerario, Classe di Filosofia, 1797); Francesco Antonio Morelli e Paolo Luigi Raby (sovrannumerari, Classe di Eloquenza, 1797); Benedetto Brunati (Classe di Matematica, 1816); Giuseppe Franchi di Pont (straordinario, Classe di Eloquenza, 1816); Giuseppe Lavini (straordinario, Classe di Filosofia, 1816); Giuseppe Benedicti (Classe di Eloquenza, 1833); Giovanni Deandrea (Classe di Eloquenza, 1845). Nelle ultime pagine sono trascritti verbali successivi alla divisione della Facoltà di Scienze e Lettere e creazione della Facoltà di Belle Lettere e Filosofia e della Facoltà di Scienze Fisiche e Matematiche disposta con R.D. 9 ottobre 1848, n. 826.Con rubrica

Tesi del 1869

Per il grado di aggregazione al Collegio della Facoltà di Scienze fisiche, matematiche e naturali: Simeone Levi (Dell'equilibrio di un corpo elastico).

Concorso a posti di dottori aggregati

Comprende sottofascicoli relativi ai singoli Collegi. Aggregazione in Giurisprudenza: nomina della commissione giudicatrice per il concorso, relativo a Economia politica; indicazioni del ministro circa le modalità di svolgimento del concorso; relazione della commissione e ammissione al collegio del vincitore, Gaetano Ferroglio.Aggregazione in Scienze fisiche, matematiche e naturali: domande di partecipazione al concorso di Alberto Burzio e Simeone Levi; corrispondenza; nomina della commissione; copia di lettera di convocazione dei commissari nella quale si esplicita che l'argomento delle prove è "la Meccanica razionale". Minuta di lettera inviata ai presidi perché vengano banditi i nuovi concorsi di aggregazione e stabilito l'argomento su cui verteranno le prove.Aggregazione in Lettere e filosofia: comunicazione a tutti i presidi di Facoltà che il 14 gennaio 1869 avrà luogo la cerimonia di accoglimento del dottor Vincenzo Lanfranchi, vincitore del precedente concorso; domande di partecipazione al concorso di Vincenzo Papa e Sebastiano Turbiglio; corrispondenza; copia di lettera di convocazione dei commissari nella quale si eplicita che l'argomento delle prove è "la Storia della filosofia da Talete ad Aristotele inclusivamente"; nota che segnala la consegna dei documenti di Vincenzo Papa al professor G. Buniva.

Concorso ai posti di dottore aggregato per le varie Facoltà

Fra i documenti presentati dai candidati ai diversi concorsi sono conservate anche copie delle dissertazioni: di Galileo Ferraris, ingegnere e assistente alla cattedra di Fisica industriale presso il R. Museo Industriale Italiano, avente titolo "Sulla teoria matematica della propagazione dell'elettricità nei solidi omogenei"; del sacerdote Vincenzo Papa e di Giovanni Battista Laura, coadiutore ai settori nell'Istituto Anatomico della R. Università di Torino.

Tesi del 1858

Per il grado di laurea in Storia naturale: Alessandro Spagnolini (Organo elettrico della torpedine).

Results 41 to 50 of 15296