Risultati 15386

Descrizione archivistica
Stampa l'anteprima Vedere:

608 risultati con oggetti digitali Mostra i risultati con gli oggetti digitali

Prolyte et doctores ab anno 1729

Catalogo ordinato cronologicamente degli studenti licenziati e laureati in Teologia, Giurisprudenza e Medicina. La data indicata a margine è quella dell'esame pubblico che ha condotto al conseguimento del titolo, mentre all'interno di ciascuna voce è presente il riferimento al superamento dell'esame privato, con indicazione della data e talvolta del registro che ne contiene il verbale. Con rubrica iniziale.

Locali del Palazzo Universitario. Lavori, riparazioni, provviste, spese, buon governo, amministrazione in genere

I documenti sono divisi in due fascicoli.Primo fascicolo "Locali del Palazzo Universitario. Lavori, riparazioni, provviste, spese, buon governo, amministrazione in genere":Pagamento dei lavori agli infissi delle botteghe occupate da Carlo Jest macchinista del Gabinetto di Fisica, inizialmente affidati all'Impresa Bocca, poi, a seguito di contenziosi con quest'ultima, eseguiti dal capo mastro Gabriele Gerbino. In particolare la somma assegnata a Giovanni Bocca viene versata alla Cassa dei depositi e prestiti finché non verrà dato giudizio alla diatriba tra detto Bocca e i sig.i Secchi e Pagani.A seguito del sopralluogo dei professori Peyretti e Garizio ai locali del Palazzo del Rettorato, vengono individuati quali più adatti a tenervi le lezioni della Facoltà di Lettere e filosofia della Scuola di Magistero e della Scuola di Geografia, quelli attualmente occupati dalla Società di Medicina e chirurgia. Il professore Michele Lessona, direttore della Scuola di Magistero, invece si dice non interessato poiché i singoli insegnamenti delle Facoltà di Scienze si tengono presso il rispettivo Museo. Gli ambienti al piano terreno occupati dai librai Loescher e Borri possono così rimanere a disposizione di questi ultimi, mentre alcuni ammezzati possono essere utilizzati come deposito di mobili e attrezzi dell'Università stessa.Pagamento dei lavori eseguiti dall'impresario Giovanni Bocca nelle abitazioni degli inservienti Giorgio Nicola, Pelisetti, Masazza e Sabre presso il Palazzo del Rettorato e nei locali di Chimica generale presso il palazzo di via San Francesco da Paola.Secondo fascicolo "Locali del Palazzo Universitario. Lavori, riparazioni, provviste, spese, buon governo":La Scuola di Geografia deve lasciare le sale al secondo piano necessarie per l'ampliamento del Gabinetto di Fisica, e spostarsi in alcune sale individuate al piano terra. Per queste ultime viene disposta la realizzazione di tavolati in legno di larice rosso in sostituzione dei presenti pavimenti in cotto.In seguito a esplicita richiesta del prof. Giacomini e a sopralluogo effettuato dall'Economo con un incaricato del Genio Civile, vengono disposte la realizzazione di nuove pavimentazioni in legno di larice rosso per le sale dell'Istituto Anatomico presso l'Ospedale San Giovanni Battista e la messa a punto del sistema di riscaldamento. Per questi lavori vengono incaricati lo stipettaio Giacomo Negri e il capo mastro fumista Bartolomeo Zanna.Conti spese per lavori eseguiti nel Palazzo del Rettorato dal capo mastro Bernardo Bertinaria, il falegname Negri, il lattoniere Pietro Fornari, il mastro Gabriele Gerbino, e collaudo dei lavori fatti alle botteghe Jest dai falegnami Secchi e Pagani.Pagamenti di lavori eseguiti dall'impresario Giovanni Bocca in vari edifici dell'Università.Lunga discussione tra il rettore, il prefetto della Biblioteca nazionale, l'intendente di finanza e il ricevitore demaniale di Torino e relativi Ministeri, per definire i diritti di occupazione degli spazi del Palazzo del Rettorato da parte degli affittavoli di botteghe e pilastri, ovvero i librai Borri, Loescher e Gerardo Mariani, la tabaccaia Gardois, il meccanico Jest, la coltelleria Righi e il sig. Bartolomeo Risso. Viene proposta la realizzazione di una nuova portineria in corrispondenza del cortile al civico n.13 di via Po per l'accesso esclusivo alla Biblioteca nazionale e all'archivio della Segreteria.Il Municipio emana 3 ordini per la riparazione delle murature e l'imbiancatura delle facciate e spazi comuni dell'Ospedale San Giovanni Battista (sito in via Cavour 31) e del Palazzo del Rettorato. Le spese saranno ripartite tra le amministrazioni interessate, ovvero l'Università, la Biblioteca nazionale e il Demanio. Tuttavia Garresio, prefetto della Biblioteca nazionale, si dice impossibilitato a sostenere le spese per scarsità di finanziamenti, insufficienti persino per provvedere al mantenimento della Biblioteca stessa. Dei lavori viene incaricato il capo mastro Pietro Boggio dato il fallimento dell'impresario Bocca.Pagamento alla Guardia fuoco municipale per aver estinto l'incendio scoppiato il 23 novembre 1876 presso l'abitazione del portinaio del Palazzo dei Musei governativi. La spesa deve essere ripartita tra i tre Istituti accolti nel palazzo: il Museo di Antichità, l'Accademia delle Scienze e la Regia Pinacoteca.L'economo Luigi Betrone, nel sottoporre la richiesta di piccoli lavori nell'abitazione dell'usciere Tommaso Sabre, si congeda dal rettore poiché sta per lasciare l'incarico.

Esami per il conferimento dei gradi

Le Costituzioni di Sua Maestà per l'Università di Torino del 1729 prevedevano per il corso di Legge una durata di cinque anni: quattro anni erano necessari per il conseguimento della licenza, sufficiente per esercitare la professione "nelle Terre e Villaggi" (Titolo V, capo II, 2), ma non nelle città, e cinque per la laurea. Erano oggetto di studio "nel primo anno le Istituzioni civili, e negli altri il Ius pontifizio e cesareo" (ibidem, 1). Le successive Costituzioni del 1771 introducono l'ulteriore grado di baccelliere, cui lo studente era ammesso alla fine del primo anno, dopo aver frequentato "le scuole de' professori delle Istituzioni canoniche e civili" (Titolo V, capo II, 1). Negli anni di corso successivi gli studenti seguivano le lezioni "de' professori del Ius canonico e civile" (ibidem). E' previsto che "il grado della licenza basterà per que' che vorranno solamente esercitare l'uffizio di giudice ne' Feudi de' nostri vassalli" (ibidem, 2). Come stabilito dai Regolamenti per l'Università dati d'ordine sovrano dal Magistrato della Riforma del 1729 e del 1772, sia per la licenza sia per la laurea erano previsti un esame privato e un esame pubblico. A partire dal 26 maggio 1801 (6 pratile anno nono della Repubblica) (carta 73 nel registro GIURISPRUDENZA - Esami privati 1791-1805) compare la registrazione di esami alla fine di ciascun anno di corso e proprio l'indicazione dell'anno di riferimento, solo fino al 27 marzo 1809, sostituisce la dicitura baccalaureato, licenza, laurea, ripristinata con la Restaurazione, ma prevedendo che lo studente fosse esaminato sul programma svolto anche alla fine del primo e del terzo anno. Tale articolazione si mantiene fino alla riforma del 1846 (Regolamento degli studi legali 5 agosto 1846 n, 568), che prevede un corso ordinario di cinque anni per il conseguimento della laurea (art. 2 ss.) e un corso completivo di ulteriori lezioni destinate agli aspiranti all'insegnamento o all'aggregazione al Collegio o anche a funzionari dei Ministeri (artt. 8-13). Viene dunque meno il titolo di licenza. Con la legge Casati all'articolazione in esami privati ed esami pubblici si sostituisce quella in esami speciali, che vertono su ciascuna singola materia oggetto di insegnamento, ed esami generali. Con successivo Regolamento generale, approvato con R.D. 8 ottobre 1876 n. 3434, subentra un'articolazione in esami di promozione, di licenza e di laurea, da sostenersi per gruppi di materie. Il sistema degli esami a gruppi è abolito con il R.D. 12 febbraio 1882 n. 645, "Modificazioni al Regolamento generale universitario approvato con regio decreto dell'8 ottobre 1876" che reintroduce gli esami speciali sulle singole materie e prevede un esame di laurea consistente "in una disputa intorno ad una dissertazione, scritta liberamente dal candidato sopra un tema da lui scelto nelle materie delle quali ha dato saggio negli esami speciali, ed intorno ad alcune tesi da lui parimenti scelte in quelle stesse materie".

Prolyte et doctores ab anno 1729

Catalogo ordinato cronologicamente degli studenti licenziati e laureati in Teologia, Giurisprudenza e Medicina. La data indicata a margine è quella dell'esame pubblico che ha condotto al conseguimento del titolo, mentre all'interno di ciascuna voce è presente il riferimento al superamento dell'esame privato, con indicazione della data e talvolta del registro che ne contiene il verbale. Con rubrica iniziale.

Iurisprud. Prolytae et Doctores ab anno 1732 ad annum 1735

E' presente anche il verbale di cinque sedute del Collegio tenutesi il 12 maggio 1732 (pagg. 13-16), il 1° agosto 1732 (pagg.131-132), il 27 dicembre 1732 per l'elezione del priore (pag. 169), il 27 dicembre 1733, erroneamente scritto 1734, per l'elezione del priore (pag. 339), il 27 dicembre 1734 per l'elezione del priore (pag. 379).

Prolyte et doctores ab anno 1729

Catalogo ordinato cronologicamente degli studenti licenziati e laureati in Teologia, Giurisprudenza e Medicina. La data indicata a margine è quella dell'esame pubblico che ha condotto al conseguimento del titolo, mentre all'interno di ciascuna voce è presente il riferimento al superamento dell'esame privato, con indicazione della data e talvolta del registro che ne contiene il verbale. Con rubrica iniziale.

Locali del palazzo universitario. Lavori, riparazioni, provviste, spese

Ordini di pagamento e perizie a favore del capo mastro Pietro Boggio, che ha rilevato il contratto dell'impresario Bocca per lavori di stuccatura e imbiancatura della facciata del palazzo del rettorato. La spesa è ripartita tra Demanio, Università e Biblioteca nazionale.Ordini di pagamento a favore del falegname Giacomo Negri per lavori all'interno del medesimo palazzo.Revoca del permesso concesso in deroga dall'ex rettore alla libraia Rosa Mariani di deposito merci all'interno del cortile al n°13 di via Po.In merito allo stesso divieto di deposito, il libraio Bartolomeo Risso avanza la richiesta di realizzare una scansia a parete contro il muro dell'Università per accogliere le sue merci.L'usciere Giorgio Nicola chiede modifiche al suo alloggio situato sotto i portici per migliorarne la salubrità (così come consigliatogli anche dai dott. Giordano e Moleschott) e l'organizzazione degli spazi.

Verbali di laurea dal 30 nov. 1939 al 29 genn. 1946

Contiene i verbali di laurea di: Tullio Abelli (p. 242), Vittorio Accasto (p. 67), Bernardo Acutis (p. 286), Dante Adami (p. 238), Giovanni Agnelli (p. 206), Italo Silvio Aimonetto (p. 120), Vincenzo Aita (p. 146), Domenico Ajma (p. 58), Dario Ajmone Marsan (p. 130), Veniero Ajmone Marsan (p. 134), Luigi Alamanni (p. 147), Fulvio Alberto (p. 204), Giovanni Albora (p. 168), Giorgio Allario Caresana (p. 47), Guido Amadi (p. 30), Nasrollah Amanpour (p. 49), Giulio Amarù (p. 243), Agrippino Amato (p. 148 e 217), Felice Ambrosione (p. 61), Oreste Amerio (p. 268), Luigi Amico (p. 44), Antonio Andreis (p. 6), Maria Antonietta Andreoni (p. 209), Cecilia Anfossi (p. 248), Alfredo Ansaldi (p. 6), Vittorio Anselmi (p. 197), Laura Anselmo (p. 235), Walter Anselmo (p. 231), Luigi Antoniola (p. 126), Giovanni Battista Arbia (p. 73), Vito Arcari (p. 181), Gilberto Arduin (p. 275), Angelino Armigliato (p. 199), Carlo Arnò (p. 131), Luigi Arri (p. 229), Giovanni Battista Arzone (p. 255), Demetrio Asinari di Bernezzo (p. 7), Pietro Audisio (p. 159), Marco Balbis (p. 48), Aimone Balbo (p. 296), Giuseppe Ballauri del Conte (p. 26), Giuseppe Barbaro (p. 259), Agostino Barbera (p. 149), Giuseppe Barberis (p. 266), Umberto Barolo (p. 105), Cesare Bartolotta (p. 280), Antonio Bassi (p. 185), Emilio Batani (p. 83), Gian Paolo Baudino (p. 7), Icilio Bay (p. 188), Alvaro Beltrami (p. 182), Armando Beltramo (p. 8 e 155), Maria Ada Benedetto (p. 189), Mario Benedetto (p. 8 e 201), Cesare Benevolo (p. 32 e 220), Federico Benevolo (p. 284), Gian Carlo Beria di Sale e Di Argentina (p. 34), Ernesto Bersano Begey (p. 152), Mario Bertolina (p. 151), Luciano Betrone (p. 187), Aldo Bianchetti (p. 287), Cesare Bianchi (p. 291), Cesare Bianco (p. 257), Giovanni Bianco Virgini (p. 271), Aldo Billia (p. 242), Luigi Bima (p. 261), Giorgio Biraghi (p. 254), Massimo Bocca (p. 15), Mario Bodino (p. 263), Augusto Bolgeo (p. 91), Giulio Bologna (p. 130), Roberto Bolognino (p. 294), Franco Bonadeo (p. 118), Isabella Bonicelli (p. 240), Renato Bonzanino (p. 38), Giorgio Bora (p. 107), Vittorio Borgno (p. 4), Enrico Borgo (p. 252), Galileo Ovidio Borgondo (p. 96 e 156), Gino Bori Prelle (p. 18), Gian Fermo Borroni (p. 262), Michelangelo Bosia (p. 259), Egidio Bozzone (p. 236), Giuseppe Brizzolari (p. 220), Anna Maria Broggi (p. 219), Michele Brogliatti (p. 62), Ferrante Brovetto (p. 150), Bernardo Bruno (p. 43), Cesare Brusasco (p. 181), Carlalberto Buffa (p. 109), Placido Buffardi (p. 283), Guido Buffetti (p. 41), Emanuele Burzio (p. 120), Bruno Caccia (p. 117), Francesco Cagna (p. 213), Domenico Calasso (p. 11), Mauro Caligaris (p. 67 e 197), Giovanni Battista Calorio (p. 139), Giuseppe Caltabiano (p. 31 e 117), Renato Cambiano (p. 27), Sidney Camino (p. 9), Giovanni Campo (p. 21), Claudia Campoli (p. 281), Vittorio Canavero (p. 78), Bartolomeo Cancellieri (p. 9), Alberto Canonica (p. 180), Giuseppe Capotorto (p. 57 e 144), Francesco Cappa (p. 239), Leonardo Carandini (p. 32), Nicolò Carandini (p. 52), Angelo Carante (p. 289), Franco Carbonetti (p. 22), Bernardo Cardone (p. 25), Luigino Careddu (p. 20), Adalberto Carello (p. 139), Piero Carello (p. 136), Emilio Carossa (p. 28), Ezio Casalegno (p. 172), Rinaldo Casana (p. 163), Carletto Casassa (p. 38), Italo Casetta (p. 142), Carla Cassino (p. 209), Fernando Castagna (p. 273), Giorgio Catalano (p. 184), Giovanni Cavagnino (p. 212), Alberto Cavalli (p. 167), Emilio Cavalli (p. 155), Adriano Cavallo (p. 92), Giuseppe Cavallo (p. 261), Luigi Cavallo (p. 207), Piero Cazzola (p. 228), Giovanni Cera (p. 62), Achille Ceresole (p. 219), Umberto Cerruti (p. 268), Filippo Cesari (p. 266), Carlo Chevallard (p. 37), Amedeo Chevalley (p. 97 e 153), Daniele Chiarella (p. 101), Francesco Chiarotti (p. 128), Pietro Ciocchetti (p. 258), Clemente Ciochino (p. 76), Edmondo Clerici (p. 202), Leonardo Cocito (p. 239), Lea Coggiola (p. 118), Enrico Coisson (p. 84), Antonio Coletti (p. 218), Fiorenzo Colombano (p. 170), Francesco Colombo (p. 140), Bernardo Comparato (p. 215), Giuseppe Condorelli (p. 90 e 215), Giovanni Battista Conso (p. 277), Vinicio Conti (p. 121), Maurizio Corgnati (p. 92), Osvaldo Corte (p. 35), Pietruccio Corva (p. 142), Hellé Griselda Cosentini (p. 153), Renato Cosentini (p. 55), Secondo Costa Bioletti (p. 64), Giorgio Cotta Morandini (p. 65), Bruno Crolle (p. 66), Vittorio Curti (p. 187), Carlo Dacomo (p. 159), Aldo D'Agostini (p. 18), Faustino Dalmazzo (p. 90), Giacomo Dattrino (p. 51), Aldo De Ferrari (p. 247), Vittorio De Franco (p. 224), Pietro De Gaudenzi (p. 205), Mario De Luca (p. 246), Arcangelo De Rosa (p. 267), Gabriele de Rosa (p. 140), Tullio Dechiffre (p. 146), Alessandro Degli Esposti (p. 288), Enrico Del Bono (p. 50), Carlo Demarchi (p. 56), Renzo Demarchi (p. 12), Cesare Deorsola (p. 293), Nicola Depaoli (p. 276), Giovanni Devecchi (p. 39), Emilio di Aichelburg (p. 109), Ervedo di Aichelburg (p. 113), Paolo Di Domenico (p. 103), Luigi Di Giacomo (p. 66), Luigi Di Rovasenda (p. 85), Giuseppe Dionisio (p. 156), Bruno Dolci (p. 193), Secondo Elia (p. 19), Isidoro Enrico (p. 63), Amerigo Erbetta (p. 27), Antonio Erculei (p. 175), Jacopo Fabbri (p. 29), Anselmo Falcoz (p. 40), Giuseppe Farri (p. 221), Rosalbino Fasanella (p. 182), Mario Fasano (p. 174), Sergio Favero Longo (p. 245), Albino Favetto (p. 190), Ubaldo Fazio (p. 174), Luigi Febbraro (p. 178), Alfredo Fedele (p. 152), Amos Fenoglio (p. 270), Giovanni Fenoglio (p. 250), Vittorio Ferracciu (p. 164), Ermete Ferrari (p. 169), Giancarlo Ferrari (p. 3), Francesco Ferraris (p. 46), Adolfo Ferraro (p. 186), Corrado Ferraro (p. 249), Virgilio Ferraro (p. 124), Ferruccio Ferrero (p. 57), Filiberto Ferrero (p. 103), Italo Ferrero (p. 275), Renato Ferrofino (p. 84), Luigi Ferruzzi (p. 195), Giuseppe Fillietroz (p. 110), Pietro Fillioley (p. 23), Francesco Fini (p. 35), Francesco Fiore (p. 263), Luigi Fiore (p. 151), Luigi Fissore (p. 281), Antonio Flagiello (p. 290), Vasil Floqi (p. 178), Guglielmo Fontana (p. 105), Luciano Fontana (p. 214), Mario Fontana (p. 189), Nemore Fontana (p. 193), Renzo Forma (p. 115), Margherita Francardi (p. 297), Domenico Franchino (p. 183), Vincenzo Franco (p. 127), Mario Frassati (p. 157), Giorgio Frusi (p. 108), Giovanni Fuccio Sanzà (p. 45 e 121), Antonino Fugardi (p. 207), Mario Fuscà (p. 29), Ferdinando Gabotto di San Giovanni (p. 33), Emilio Gaffuri (p. 216), Gian Luigi Gagliardi (p. 290), Gabriella Gajal de la Chenaye (p. 213), Alberto Galeno Mellucci (p. 161 e 234), Giovanni Galetto (p. 198), Emilio Gallo (p. 56), Luigi Gallo (p. 50), Angelo Gambaro (p. 48), Giovanni Battista Garbarino (p. 14), Giuseppe Gariffo (p. 55), Furio Gariglio (p. 68), Ernesto Garino (p. 164), Giorgio Garino (p. 143), Edmondo Gatti (p. 80), Guido Gatti (p. 235), Erno Gaudino (p. 69 e 144), Annunziato Gerocarni (p. 24), Luca Giaccardi (p. 284), Francesco Dario Giacone (p. 260), Alfredo Giacosa (p. 171), Pietro Gianasso (p. 145), Decio Giannotta (p. 160), Lorenzo Gignone (p. 77), Nicola Gina (p. 12), Giuseppe Gini (p. 296), Achille Giorcelli (p. 205), Luigi Giordana (p. 237), Giovanni Giovannini (p. 171), Maria Vittoria Giovara (p. 188), Alessandro Giraudo (p. 133 e 196), Carlo Giulietti (p. 230), Gesualdo Giunta (p. 163), Felice Giusta (p. 122), Giovanni Gonella (p. 116), Elena Goss (p. 108), Giuseppe Gosso (p. 33), Guido Graglia (p. 132 e 223), Giuseppe Grana (p. 63), Francesco Grandis (p. 190), Sabino Grasso (p. 106), Emilio Grimaldi (p. 115), Umberto Grosso Nicolin (p. 136), Edmondo Guarini (p. 232), Luigi Guazzo (p. 69), Bianca Guidetti Serra (p. 210), Carlo Guidoni (p. 289), Paolo Guillot (p. 45), Giovanni Indemini (p. 141 e 158), Ferdinando Intindoli (p. 282), Ferruccio Introna (p. 279), Vittorio Invrea (p. 123), Pietro Iorfida (p. 14), Ivan Donceff Ivanoff (p. 234), Luciano Jacobbi (p. 4), Sait Kazazi (p. 53), Maria Luisa Khuri Obeid (p. 229), Milan Komar (p. 226), Salvatore La Malfa (p. 249), Gioacchino La Verde (p. 237), Filippo Lagattolla (p. 282), Cesare Lagna Fietta (p. 85), Ezio Lagomaggiore (p. 104), Severino Lana (p. 264), Edoardo Lanino (p. 82 e 166), Giorgio Lattarulo (p. 247), Alessandro Lenotti (p. 11), Enzo Levi (p. 138), Carlo Liedke (p. 72), Giampietro Lo Balbo (p. 265), Giuseppe Lo Cicero (p. 225), Fernando Lo Jacono (p. 77), Vincenzo Lo Vetere (p. 53), Giovanni Battista Locana (p. 293), Walter Scott Locchi (p. 186), Libero Lombardo (p. 10 e 180), Luigi Lovera di Maria (p. 221), Alfonso Lucarelli (p. 269), Ugo Luise (p. 98 e 131), Cesare Lupo (p. 95), Giuseppe Emilio Lupo (p. 112), Ugo Lusona (p. 110), Pensiero Macciotta (p. 191), Paolino Magliola (p. 54), Biagio Magnelli (p. 285), Enzo Magnino (p. 71), Aldo Magone (p. 60), Luigi Mallé (p. 199), Luigi Malli (p. 224), Ruggero Mamini (p. 206), Giorgio Manassero (p. 233), Giuseppe Mancini (p. 133), Attilio Manitto (p. 198), Paolo Manitto (p. 264 e 277), Leonardo Manneschi (p. 88), Aldo Marazzani (p. 165), Romolo Marchia (p. 241), Carlo Marchisio (p. 94 e 218), Oreste Marcoz (p. 211), Pietro Marenco (p. 70), Annibale Marietti (p. 99), Edoardo Marini (p. 72 e 196), Marco Marini (p. 137), Pier Giovanni Maron Pot (p. 165), Antonio Marotta (p. 250), Luigi Martin di Montù Beccaria (p. 49), Italo Martinazzi (p. 251), Bruno Martinetto (p. 42), Giovanni Martino (p. 113), Giuseppe Martino (p. 148), Armando Martorelli (p. 291), Vittoria Masoero (p. 107), Vittorio Massé (p. 238), Steno Masserano (p. 299), Alessio Massobrio (p. 76), Domenico Matta (p. 141), Franco Mazzolini (p. 248), Vincenzo Mellana (p. 125), Roberto Mentasti (p. 172), Augusto Menzio (p. 295), Giovanni Meo (p. 104), Domenico Mercadante (p. 25), Franco Mercandino (p. 47), Luciano Miglietti (p. 91), Giorgio Mijno (p. 147 e 192), Pier Paolo Milanaccio (p. 97), Leonardo Gaetano Mina (p. 88), Francesco Minella (p. 65), Carlo Minoli (p. 36), Carlo Miraglia (p. 114), Enrico Mircoli (p. 74), Dario Morano (p. 292), Antonio Morello (p. 22), Ottavio Morino (p. 60), Mario Mosca (p. 116), Cesare Moscone (p. 123), Pier Dario Mottura Giraud (p. 175), Armando Musso (p. 102), Carlo Musso (p. 17), Giuseppe Musso (p. 52), Giovanni Napione (p. 271), Luigi Nasi (p. 262), Carlo Natta (p. 93), Mario Oggè (p. 86), Alessandro Oliveri (p. 75), Antonino Oliveri (p. 24), Giorgio Olivero (p. 176), Deodato Olivieri di Vernier (p. 114), Germano Ollietti (p. 20), Andrea Oppio (p. 111), Amilcare Ostorero Mamel (p. 161), Rosita Ottino (p. 157), Dario Paccino (p. 236), Luigi Padulli (p. 28), Alberto Pagge (p. 223), Mario Pagliero (p. 58), Vincenzo Pagliuzzi (p. 13), Antonio Pagnozzi (p. 253), Giuseppe Paletto (p. 100), Guido Pallotta (p. 3), Carlo Palmigiano (p. 280), Ugo Pandolfo (p. 96), Ulderico Panelli (p. 300), Franca Papone (p. 300), Antonio Parisi (p. 298), Aldo Parola (p. 134), Onofrio Pasquali (p. 173), Renato Passera (p. 158), Giovanni Pellerei (p. 59), Mario Peraldo Gianolino (p. 184), Sergio Perassi (p. 272 e 274), Armando Perazzo (p. 64), Oscar Perconti (p. 26), Giorgio Peretti (p. 286), Ettore Pescume (p. 61), Filippo Peyron (p. 244), Luigi Pezza (p. 288), Valerio Pia (p. 208), Colombano Piano (p. 278), Gianmarco Piccinelli (p. 283), Alberto Picco (p. 95), Tommaso Pignataro (p. 71), Francesco Pinardi (p. 251), Ciro Pinto (p. 13), Aldo Pipan (p. 170), Giacomo Pipino (p. 222), Antonio Pistamiglio (p. 16), Armando Pistone (p. 78), Luigi Pivetti (p. 135), Aristide Pizzichelli (p. 200), Mario Pizzorno (p. 122), Giovanni Pomo (p. 46), Ottorino Pomo (p. 127), Teresio Ponchione (p. 204), Giovanni Porcheddu (p. 183), Giancarlo Porrone (p. 232), Aurelio Porzio Giovanola (p. 41), Carlo Pratis (p. 168), Tancredi Prato (p. 106), Piero Prete (p. 192), Giuseppe Priolo (p. 2), Giuseppe Provera (p. 135), Carlo Quaglia (p. 126), Angelo Quartarone (p. 212), Mario Quazza (p. 226), Santos Quiros Navino (p. 119), Cesare Raffagni (p. 292), Giuseppe Ragusa (p. 89), Giuseppe Raimondi (p. 112), Gesualdo Rapicavoli (p. 225), Domenico Ravina (p. 43), Giovanni Ravinale (p. 258), Enrico Re (p. 208), Augusto Re Martini (p. 19), Giuseppe Regis (p. 149), Pietro Regis (p. 167), Lorenzo Regnani (p. 278), Ippolito Reynaudi (p. 299), Gustavo Ribet (p. 185), Augusto Riccio (p. 254), Riccardo Richiardi (p. 241), Luigi Roasio della Torre dei Rinaldi (p. 98), Carlo Rocca (p. 1), Vincenzo Rocca (p. 15), Giovanni Rogozinski (p. 274), Giorgio Rolli (p. 214), Nazzareno Romiti (p. 179), Michele Silvio Roncaglia (p. 160), Carlo Roncati (p. 100), Giorgio Ronco (p. 79), Francesco Roppolo (p. 195), Giovanni Battista Rosa (p. 256), Pietro Rossini (p. 79), Felice (nato il 01/03/1915) Rosso (p. 37), Felice (nato il 04/11/1916) Rosso (p. 44), Severino Rosso (p. 119), Carlo Rostagno (p. 228), Ermanno Rostan (p. 216), Ada Rota (p. 138), Maria Pia Rubino (p. 269), Francesco Rustichelli (p. 75), Vittorio Sabbione (p. 256), Aldo Sacco (p. 82), Nino Saettone (p. 132), Evasio Saffirio (p. 36), Clemente Saggio (p. 31), Gabriele Salerno (p. 265), Luigi Salibra (p. 21 e 162), Francesco Salvati (p. 233), Augusto Salvatore (p. 125), Luigi Sandiano (p. 81), Amerigo Sandrucci (p. 42), Pasquale Oscar Domenico Santacroce (p. 173), Carlo Santagostino (p. 23), Elio Santilli (p. 210), Carlo Santini (p. 260), Alessio Santoro (p. 70), Renato Saraceno (p. 87), Giorgio Sarti (p. 81), Aldo Scaglia (p. 257), Carlo Scaglione (p. 272), Guglielmo Scagno (p. 17), Vincenzo Schinco (p. 217), Ugo Schleifer (p. 86), Roberto Scolari (p. 2), Francesco Scordovillo (p. 39), Eva Sechi (p. 5), Bruno Segre (p. 73), Giovanni Sella (p. 194), Ettore Serafino (p. 202), Augusto Serra (p. 129), Alfio Sgalambro (p. 267), Sotiraq Shomo (p. 179), Carlo Siccardi (p. 276), Emilio Siccardi (p. 94), Carlo Sicco (p. 93), Angelo Sodano (p. 294), Ugo Sogno (p. 230), Giorgio Solaroli di Briona (p. 245), Giuseppe Sportoletti (p. 243), Guido Staro (p. 99), Alessandro Stefani (p. 240), Francesco Sulliotti (p. 40), Pasquale Tabacchi (p. 169), Federico Tadini (p. 10), Enzo Tenino (p. 30), Bartolomeo Tesio (p. 16), Antonietta Testa (p. 194), Gino Testa (p. 255), Candido Guglielmo Testori (p. 51), Augusto Thiebat (p. 34), Ernesto Tocco (p. 246), Vittorio Toesca di Castellazzo (p. 177), Salvatore Toro (p. 211), Giovanni Tortini (p. 200), Giovanni Tortonese (p. 279), Arduino Torzilli (p. 201), Sara Treves (p. 162), Elio Trezza (p. 89 e 203), Carlo Triberti (p. 252), Pier Angelo Trinchero (p. 54), Ferdinando Trolla (p. 287), Rianldo Turlo Tornari (p. 231), Guido Ubertis (p. 83), Franca Uffreduzzi (p. 154), Emanuele Urban (p. 128), Giorgio Vaccarino (p. 166), Giovanni Vaciago (p. 176), Paolo Valfrè di Bonzo (p. 244 e 295), Raffaele Vallone (p. 74), Ettore Vanara (p. 87), Paolo Vanzetti (p. 129 e 203), Giuseppe Vecchiati (p. 298), Adolfo Veglia (p. 285), Giacomo Veglia (p. 143), Giuseppe Vernetti (p. 191), Carlo Viale (p. 137), Cirano Vigiani (p. 145), Mario Vigilante (p. 102), Carlo Vigna (p. 273), Amilcare Villani (p. 150), Eligio Vitale (p. 80), Giorgio Viti (p. 297), Vittorino Vittonatto (p. 154), Guido Voghera (p. 1), Alessandro Vola (p. 124), Renato Vola (p. 253), Pietro Volpi (p. 111), Tomor Ypi (p. 59), Aldo Zanetti (p. 101), Francesco Zecchini (p. 177), Giuseppe Zini (p. 270), Carlo Zinna (p. 222), Emanuele Zuppello (p. 5).

Verbale esami laurea dal 1929 al 1932

Contiene i verbali di laurea relativi a: Walter Acciarini (p. 265); Paolo Accusani di Retorto e Portanova (p. 246); Guido Acquavita (p. 149); Giuseppe Adami (p. 260); Bartolomeo Adragna (p. 54); Nicolò Adragna (p. 76); Camillo Aghem (p. 88); Giorgio Agosti (p. 208); Raoul Alberini (p. 38); Guglielmo Alberione (p. 162); Alberto Alberti (p. 11); Enrico Alberti (p. 98); Ottavio Alberti (p. 118); Francesco Albertini (p. 189); Paolo Angeli (p. 57); Mansueto Angelino (p. 187); Emilio Anglois (p. 149); Ernesto Anselmetti (p. 91); Guido Antoldi (p. 87); Franco Antonicelli (p. 234); Carlo Antonielli d'Oulx (p. 11 e 140); Teonesto Aragnetti (p. 290); Vincenzo Arcozzi Masino (p. 32); Albino Arru (p. 287); Giacomo Artom (p. 228); Giuseppe Astori (p. 74); Guido Astuti (p. 201); Michele Audano (p. 109); Giovanni Avonto (p. 210); Mario Baccigalupi (p. 120); Emilio Bachi (p. 45); Mario Bagliani (p. 111); Alessandro Baglioni (p. 170); Roberto Balbo di Vinadio (p. 211); Vittorio Balestretti (p. 44); Luigi Ballario (p. 150); Giovanni Ballestrero (p. 152); Ludovico Barattieri di San Pietro (p. 189 e 283); Giorgio Baravalle (p. 263); Carlo Barboglio de' Gaioncelli (p. 296); Dario Barla (p. 115); Luigi Barolo (p. 244); Giuseppe Barucchi (p. 148); Luigi Basioli (p. 196); Giuseppe Battistini (p. 110); Carlo Baudi di Vesme (p. 59); Luigi Baudoin (p. 292); Enrico Becatti (p. 12); Giacomo Martino Beccaria (p. 282); Aleramo Beccaria Incisa (p. 116); Carlo Beccaria Incisa di Santo Stefano (p. 191); Vittorio Beck-Peccoz (p. 249); Franco Bedarida (p. 89); Francesco Bella (p. 274); Alessandro Bellati (p. 64); Ezio Bellingeri (p. 242); Virginio Bellomi (p. 207); Aurelio Bellone (p. 256); Luigi Belmondo (p. 65); Giovanni Beltrametti (p. 227); Marco Beltramo (p. 193); Giuseppe Bendiscioli (p. 122); Ottavio Benedicti (p. 188); Corrado Benevolo (p. 172); Ciriaco Benzi (p. 298); Angelo Bérard (p. 267); Giuseppe Bergamino (p. 51 e 142); Angelo Bernardelli (p. 128); Pietro Bersi (p. 42); Cesare Bertagna (p. 1); Siro Umberto Bertola (p. 220); Leopoldo Bertolè (p. 236); Aldo Bertolino (p. 241); Marcello Bertolino (p. 7 e 105); Luigi Bertotto (p. 71); Carlo Besostri (p. 116); Dante Bianco (p. 141); Carlo Alberto Biggini (p. 75); Pietro Giovanni Biggio (p. 204); Agostino Biglione di Viarigi (p. 231); Mario Bisi (p. 61); Gino Bissoni (p. 39); Pierre Blanc (p. 297); Norberto Bobbio (p. 202); Carlo Bocca (p. 104); Sergio Boeri (p. 170); Antonio Bogetti (p. 237); Marcello Bolla (p. 123 ); Adriano Bolleto (p. 212); Francesco Bona (p. 223); Giovanni Bonaudi (p. 215); Vittorino Bondaz (p. 263); Giovanni Battista Bonelli (p. 100 e 192); Serafino Bonfiglio (p. 276); Carlo Bongioanni (p. 59 e 163); Felice Bono (p. 237); Alberto Borello (p. 251); Valerio Borello (p. 174); Pietro Borghi (p. 143); Luigi Borgna (p. 249); Mario Borney (p. 62); Dante Borsano (p. 33); Luciano Borsotti (p. 145); Carlo Bortoli (p. 199); Corrado Borzino (p. 145); Carlo Bosio (p. 250); Fausto Bossi (p. 238); Carlo Botta (p. 222); Piero Bourlot (p. 276); Sabino Bovio (p. 190); Emanuele Bracco (p. 44); Giovanni Bracco (p. 43); Giuseppe Bracco (p. 207); Lorenzo Brero (p. 293); Felice Bronzini (p. 231); Enrico Brotto (p. 5); Alfredo Brun (p. 68); Guido Benedetto Brunati (p. 188); Giovanni Brunetti (p. 94); Vincenzo Buffa di Perrero (p. 17 e 151); Camillo Buratti (p. 205); Maddalena Busachi (p. 246); Ugo Buscemi (p. 38); Ettore Busso (p. 56); Lodovico Cagnoli (p. 75); Eugenio Calandra (p. 53); Ignazio Caminale (p. 295); Annibale Campogrande (p. 58); Gavino Campus (p. 200); Guido Candelo (p. 247); Attilio Caniglia (p. 284); Giorgio Cansacchi (p. 23); Mario Canuto (p. 158); Carlo Alberto Carmagnola (p. 97); Giuseppe Cassietti (p. 259); Gianleo Cassoni (p. 193); Alfonso Castelli (p. 93); Severino Caveri (p. 155); Paolo Celle (p. 9); Teresio Cellerino (p. 102); Carlo Celoria (p. 266); Adriano Celoria (p. 272); Gaetano Ceppi (p. 32); Giuseppe Ceresa (p. 86); Antonio Cerulli (p. 154); Andrea Chiappa (p. 78); Giovanni Chicco (p. 287); Carlo Chiesa (p. 199); Luciano Chiesa (p. 144); Zoltan Chilf (p. 203); Rocco Ciambotti (p. 265); Luigi Ciofi degli Atti (p. 92); Francesco Cipolla (p. 42); Giuseppe Colamussi (p. 264); Giovanni Colli (p. 51); Giacinto Collo (p. 166); Enzo Colombo (p. 10); Luigi Conte (p. 137); Pier Giorgio Conter (p. 213); Mario Conti (p. 9); Giovanni Copperi (p. 178); Vittorio Corgnier (p. 219); Aldo Corte (p. 108); Carlo Coscia (p. 8); Giovanni Cosotti (p. 90); Italo Cremona (p. 72); Renato Crespi (p. 125 e 243); Vincenzo Criscuoli (p. 117); Emanuele Filiberto Crosa (p. 289); Giorgio Crovini (p. 279); Riccardo Cucco (p. 125); Camillo Curti (p. 129); Carlo Curti (p. 299); Giorgio Curti (p. 268); Giovanni Curti (p. 146); Aldo Cuzzi (p. 8); Luigi Danesino (p. 121); Michele Danza (p. 230); Achille Dapino (p. 106); Giuseppe d'Aversa (p. 101); Bruno Daviso di Charvensod (p. 7); Antonio Dazzi (p. 298); Mario De Bernardi (p. 98); Amos de Bernardinis (p. 291); Carlo Saverio de Bevilacqua (p. 141); Luigi De Giovanni (p. 286); Giuseppe de Gorup (p. 151); Cornelio de Gorup (p. 158); Ugo De Luca (p. 134); Ostilio De Maio (p. 277); Carlo De Simone (p. 26); Giorgio De Vecchi di Val Cismon (p. 190); Giacomo De Vincentiis (p. 89); Emanuele Debenedetti (p. 3); Nicola Del Buono (p. 271); Giuseppe Della Croce di Dojola (p. 299); Giuseppe Dellacà (p. 4); Raoul Denti Pompiani (p. 14); Giorgio Devalle (p. 57); Giuseppe di Bona (p. 63); Marco Dodero (p. 171); Ermanno Dosio (p. 113); Vittorio Drago (p. 218); Vernon Henry Dunn (p. 242); Enrico Dusini (p. 130); Ettore Echaniz (p. 155); Augusta Eichhorn (p. 23); Alessandro Enrichens (p. 194); Enea Enrico (p. 258); Bernardino Enrietti (p. 191); Ali Erebara (p. 21); Nicola Faenza (p. 80); Giuseppe Faldella (p. 92); Paolo Alfonso Farinet (p. 176); Paolo Francesco Farinet (p. 2 e 115); Antonio Farinetti (p. 139); Elio Fascio Pecetto (p. 210); Ferruccio Fazio (p. 12); Ortensia Federici (p. 197); Francesco Ferrando (p. 64); Giglio Ferrando (p. 253); Mario Ferrari (p. 114); Paolo Ferraris (p. 260); Enrico Ferraris di Celle (p. 232); Filiberto Ferraro (p. 238); Angelo Ferrati (p. 202); Ettore Ferrero (p. 136); Mario Ferrero (p. 132); Nicola Ferrua (p. 290); Pier Andrea Ferrucci (p. 164); Sebastiano Filipello (p. 34 e 160); Alessandro Finzi (p. 252); Edmondo Floreale (p. 50); Giorgio Florio (p. 198); Vittorio Foa (p. 216); Maurizio Fracassi Ratti Mentone di Torre Rossano (p. 127); Gioanni Francone (p. 95); Giovanni Friedmann (p. 131); Giovanni Battista Frigiolini (p. 3); Biagio Michelangelo Fulcheri (p. 275); Arnoldo Funaro (p. 245); Guglielmo Fusilli (p. 269); Mario Fusilli (p. 165); Giuseppe Fusina (p. 112); Maurizio Fusina (p. 22); Alfredo Gabrielli (p. 161); Alberto Gaja (p. 27); Alessandro Galante Garrone (p. 208); Carlo Alberto Galante Garrone (p. 291); Sergio Gallia (p. 178); Lorenzo Gallliard (p. 2); Lorenzo Garda (p. 220); Giovanni Garelli (p. 173); Icilio Garelli (p. 5); Aldo Garosci (p. 37); Giovanni Garrone (p. 213); Adolfo Gatti (p. 175); Arturo Gedda (p. 100); Luigi Gentile (p. 224); Mario Gentile (p. 48); Giuseppe Geremia (p. 254); Fernando Geuna (p. 77); Romeo Ghisoli (p. 233); Albino Francesco Gianasso (p. 1); Giuseppe Giani (p. 15); Manlio Gigliotti (p. 80 e 216); Ugo Gigliotti (p. 180); Eugenio Giletti (p. 49 e 99); Carlo Giordano (p. 24); Francesco Giorsetti (p. 167); Giovanni Giraudi (p. 60); Enrico Giusiana (p. 257); Giovanni Battista Givogre (p. 258); Aldo Gliozzi (p. 203); Luigi Gnech (p. 214); Annibale Goano (p. 256); Sifrido Godino (p. 261); Silvio Golzio (p. 108); Silvio Golzio (p. 204); Gilbert Gonay (p. 43); Luigi Goria (p. 257); Mario Gorino (p. 40); Carlo Grassi (p. 268); Luigi Griffa (p. 278); Pietro Grignolio (p. 46); Ornella Grilli (p. 198); Cesare Griva (p. 248); Guido Griva (p. 133); Augusto Grosso (p. 206); Piero Grosso (p. 10); Giuseppe Gualino (p. 99); Giuseppe Guarneri (p. 195); Enrico Guastone Belcredi (p. 87 e 140); Giovanni Guglielmo (p. 96); Vezio Guidobono (p. 67); Alfonso Gulisano (p. 139); Giorgio Herman (p. 177); Manlio Jemina (p. 176); Augusto Jocteau (p. 119 e 270); Arrigo Jona (p. 25); Giorgio Jonescu (p. 284); Guido Laguzzi (p. 262); Lorenzo Laguzzi (p. 114); Maria Lana (p. 169); Amedeo Lanfranco (p. 285); Augusta Lange (p. 274); Gerolamo Lanzone (p. 126); Piero Larghi (p. 267); Vladimiro Largman (p. 28); Mario Lastricati (p. 123); Andrea Laurini (p. 248); Jacopo Lauzi (p. 73); Carlo Lenti (p. 156); Giuseppe Lentini (p. 147); Giulio Lodovici (p. 107); Mario Lombardi (p. 277); Alberto Lombroso (p. 236); Giovanni Lucchelli (p. 67); Mario Luzzati (p. 153); Giuseppe Maggiore (p. 160); Luigi Maglio (p. 164); Domenico Maiocco (p. 63 e 135); Carlo Maiorca (p. 154); Livio Malfettani (p. 185); Carlo Malusardi (p. 286); Domenico Malusardi (p. 103 e 206); Giovanni Maluta (p. 165); Angelo Mantano (p. 297); Francesco Manzone (p. 255); Vittorio Marangoni (p. 13); Paolo Marenco (p. 69); Pietro Marenco (p. 30); Ettore Mariano (p. 270); Italo Marietti (p. 106); Luciano Marin (p. 167); Marino Marinescu (p. 285); Carlo Marongiu (p. 79); Carlo Martino (p. 240); Francesco Martoglio (p. 109 e 205); Ferruccio Massa (p. 300); Giovanni Massano (p. 244); Vittorio Massimo (p. 16); Egle Mazzini (p. 13); Giuseppe Melano (p. 17); Claudio Melchior (p. 76); Roberto Menaldino (p. 174); Giovanni Maria Merlo (p. 273); Luigi Metelli (p. 34); Leone Pietro Migliardi (p. 101); Giuseppe Milanesio (p. 107); Eugenio Minoli (p. 197); Carlo Mò (p. 82); Giovanni Moccagatta (p. 84); Giovanni Moiraghi (p. 296); Emilio Molari (p. 294); Franco Molinengo (p. 300); Riccardo Monaco (p. 112); Mario Monteleone (p. 259); Aldo Moraschi (p. 24); Riccardo Morbelli (p. 239); Aldo Morello (p. 111); Alberto Morini (p. 19 e 181); Guglielmo Morini (p. 159); Edmondo Moro (p. 6); Lorenzo Mosca Goretta (p. 102); Carlo Motta (p. 222); Emilio Mottura (p. 196); Giuseppe Muratorio (p. 162); Franco Mussetti (p. 230); Luigi Mussi (p. 91); Francesco Mutti (p. 104); Carlo Neiwit (p. 186); Bruno Neppi Modona (p. 27); Aldo Occelli (p. 72); Giacomo Oddono (p. 16); Giuseppe Olivero (p. 124); Mario Olivetti (p. 229); Aldo Ollagnero (p. 253); Mario Felice Ombrello (p. 45); Mario Oppio (p. 266); Egidio Ortona (p. 209); Aldo Ottolenghi (p. 211); Giovanni Battista Ozella (p. 251); Ermenegildo Paccotti (p. 182); Silvio Pagliano (p. 171); Giorgio Pala (p. 136); Giorgio Palieri (p. 226); Bruno Palmas (p. 282); Ugo Panizzoni (p. 234); Carlo Paola (p. 122); Domenico Parato (p. 161); Giuseppe Parato (p. 227); Giovanni Parini (p. 252); Osvaldo Parone (p. 142); Ettore Parvis (p. 29); Renato Paschetto (p. 281); Enrico Pasqualini (p. 18); Luigi Pastrone (p. 35); Alessandro Patruno (p. 85); Francesco Pegasano (p. 118); Eugenio Pelizzaro (p. 239); Bruno Pellegrini (p. 35); Giuliano Pellegrini (p. 61); Enrico Penazzo (p. 209); Prospero Percivalle (p. 159); Melchiorre Pesce (p. 255); Francesco Pessiva (p. 235); Matteo Pessiva (p. 56 e 288); Leonardo Pestelli (p. 295); Silvio Petitti (p. 156); Roberto Peyrani (p. 172); Federico Pezzetti (p. 184); Giuseppe Pia (p. 278); Carlo Piazzano (p. 201); Carlo Luigi Picco (p. 41); Sergio Piccoli (p. 192); Giulio Pinard (p. 269); Tullio Pinelli (p. 166); Giacinto Pinna (p. 223); Giorgio Pirajno (p. 124); Mario Piras (p. 218); Innocenzo Pirrone (p. 294); Ettore Pistono (p. 105 e 200); Mario Pizzorno (p. 119); Giuseppe Platone (p. 97); Maria Platone (p. 217); Michele Poddighe (p. 195); Luigi Pogliano (p. 273); Federico Porcelli (p. 71); Mario Porrati (p. 148); Enrico Porro (p. 157); Giacomo Portovenero (p. 4); Guglielmo Pozzi (p. 183); Renato Prandi (p. 279); Ambrogio Prato (p. 25); Carlo Predella (p. 120); Marcello Prestinari (p. 28 e 36); Luigia Preto (p. 66); Sergio Puglisi (p. 26); Aldo Quaranta (p. 275); Michelina Ramello (p. 168); Marcello Randi (p. 62 e 271); Carlo Rango d'Aragona (p. 157); Aldo Ravasi (p. 18); Estella Ravazzi (p. 70); Adolfo Raviolo (p. 173); Luigi Federico Re (p. 247); Luigi Rebuffo (p. 58); Natale Regis (p. 117); Aldo Renzi (p. 20); Antonino Repaci (p. 292); Carlo Reviglio della Veneria (p. 152); Ugo Reynaud (p. 74); Luigi Ribaldone (p. 50); Luigi Ricci (p. 132); Giuseppe Riccio (p. 83); Aldo Ricco (p. 129); Giuseppe Gesù Rinarelli (p. 52); Mario Rizzetti (p. 33); Manlio Rizzo (p. 52); Gianpietro Roccati (p. 228); Santo Rodilosso (p. 254); Alfredo Rognetta (p. 194); Edel Rolandi (p. 66); Oscar Ronza (p. 221); Matteo Roscio (p. 31); Renato Rosingana (p. 88); Eugenio Rossi (p. 146); Stefania Rossi (p. 48); Lando Rossi di Montelera (p. 46); Carlo Rossini (p. 138); Aroldo Rosso (p. 47); Giovanni Rusca (p. 69); Giovanni Battista Ruscazio (p. 212); Paolo Sabbione (p. 121); Renato Sacco (p. 40); Dante Salmè (p. 215); Roberto San Giorgio (p. 181); Ferruccio Sansa (p. 134); Giuseppe Sardi (p. 250); Ermelinda Sardino (p. 261); Celeste Sartorio (p. 143); Ubaldo Scagliotti (p. 280); Ignazio Scotto (p. 221); Aldo Scuti (p. 214); Bruno Seculin (p. 240); Alfredo Segre (p. 185); Giorgio Segre (p. 6); Bice Segrè (p. 14); Leonello Segre Amar (p. 272); Luchino Servadio (p. 68); Luigi Servetti (p. 81); Giangaleazzo Severi (p. 225); Stefano Shundi (p. 226); Carlo Signoretti (p. 262); Gavino Soddu (p. 86 e 175); Modesto Soleri (p. 103); Massimo Soria (p. 293); Enrico Spadoni (p. 29); Vittorio Sperino (p. 169); Sergio Strudthoff (p. 135); Guido Strumia (p. 224); Francesco Suffia (p. 95); Edoardo Suma (p. 229); Gustavo Tacconi (p. 81); Gastone Targa (p. 177); Alessandro Tassoni Estense (p. 90 e 186); Giovanni Telesio (p. 126); Battista Testa (p. 31); Marco Tittoni (p. 225 e 289); Enrico Tomaselli (p. 245); Menotti Tomaselli (p. 73); Mario Tonarelli (p. 219); Giulio Tonolli (p. 15); Giorgio Torellini (p. 93); Vincenzo Torregrossa (p. 96); Emanuele Treves (p. 153); Giuseppino Treves (p. 138); Paolo Treves (p. 130); Samuele Treves (p. 36); Andrea Trinchieri (p. 110 e 264); Corrado Trinchieri (p. 41); Antonio Trungadi (p. 133); Dante Maria Tuninetti (p. 30); Angelo Turco (p. 137); Maggiorino Turina (p. 19); Gian Carlo Uboldi de' Capei (p. 183); Giuseppe Ughetto (p. 235); Giovanni Battista Ugliengo (p. 184); Isidoro Ugliengo (p. 233); Andrea Vaccari (p. 168); Alberto Vallaro (p. 144); Luigi Vallauri (p. 78); Piero Vallauri (p. 79); Enrico Varese (p. 39); Alessandro Varino (p. 47); Francesco Vasta (p. 147); Giuseppe Vaudagna (p. 131); Renato Veggi (p. 60); Giovanna Ventimiglia (p. 243); Vittorio Vercellino (p. 53); Lorenzo Vercellotti (p. 70); Michele Vernero (p. 37); Giuseppe Viale (p. 232); Giulio Vicarelli (p. 22); Carlo Vicario (p. 288); Mario Viglino (p. 127); Arnaldo Vigna Taglianti (p. 241); Giovanni Villa (p. 180); Vincenzo Villata (p. 217); Domenico Vincelli (p. 85 e 283); Vincenzo Vismara (p. 163); Davide Vitale (p. 84); Giovanni Vitelli (p. 82); Ettore Vitetti (p. 65); Romero Volpi (p. 113); Giovanni Zaccone (p. 21); Marco Aurelio Zamboni (p. 187); Ettore Zanconi (p. 20); Mario Zaquini (p. 128); Edmondo Zavattari (p. 179 e 280); Augusto Zen (p. 150); Sergio Zibell (p. 49); Carlo Luigi Zini (p. 281); Lorenzo Zola (p. 94); Renato Zuccarelli (p. 179); Paolo Zucchi (p. 77); Carlo Zurletti (p. 182).

Tesi della Scuola d'applicazione per gli ingegneri

Tesi di laurea della Scuola d'applicazione per gli ingegneri di Torino, dall'avvio sino alla seconda metà degli anni Settanta del XIX secolo. Si tratta di opuscoli a stampa, perlopiù con coperta in carta, o in cartoncino decorato. Numerose dissertazioni presentano tavole illustrate.La legge sul Riordinamento dell’Istruzione Pubblica 13 novembre 1896, n. 3725 (legge Casati) stabilisce la trasformazione dell’Istituto tecnico di Torino nella Scuola d’applicazione per gli ingegneri, annessa alla Facoltà di Scienze Fisiche e Matematiche dell’Università (artt. 53 e 309). Il successivo regolamento, approvato con R.D. 4338 del 17 ottobre 1860, prevede, per ottenere il diploma di “ingegnere laureato”, la frequenza di un corso biennale, concluso da un esame generale: “L’esame generale consisterà in una disputa attorno a una dissertazione scritta liberamente dal candidato sulle materie degli esami speciali, ed intorno a tesi di meccanica, di costruzioni e di geometria pratica. Le dissertazioni e le tesi saranno messe a stampa per cura del candidato e presentate quaranta copie alla Segreteria della Scuola almeno dieci giorni prima della disputa” (art. 24). Il regolamento annesso al R.D. 11 ottobre 1863, n. 1718 conferma quanto già in vigore per gli esami generali (art. 30), ma prevede come titolo di accesso alla Scuola, non più, come sino ad allora, la laurea in Matematica, bensì la licenza nella stessa disciplina. Contrariamente al dettato dei due regolamenti, gli esemplari presenti in collezione documentano la discussione non di tre, ma di quattro tesi, con l’aggiunta di una dal corso di Macchine a vapore.Il Museo industriale è istituito a Torino con R.D. 23 novembre 1862, n. 1001, alle dipendenze del Ministero d'Agricoltura, industria e commercio; il seguente R.D. 30 dicembre 1866, n. 1844, disciplina i corsi impartiti dal Museo, che rilasciava, dopo non meno di quattro anni di corso, il diploma di professore per gli istituti tecnici industriali e professionali e di ingegnere per le industrie meccaniche, chimiche, agricole e metallurgiche (art. 3).Il R.D. 23 novembre 1867, n. 4052, approva il nuovo regolamento della Scuola d'applicazione, al fine di coordinarne l'azione a quella del Museo industriale e dell'Accademia Albertina di Belle Arti. Oltre all'ingegneria civile, la Scuola inizia a erogare cinque nuovi corsi di laurea, quattro in ingegneria industriale (per le industrie meccaniche, chimiche, agricole e metallurgiche) e uno in architettura civile. Per i soli aspiranti ingegneri chimici e per gli architetti il corso preparatorio universitario propedeutico all'accesso alla Scuola è ridotto a due anni, per gli altri resta in vigore l'obbligo del conseguimento della licenza in Matematica, dopo tre anni di corso all'Università. Al termine del corso biennale presso la Scuola d'Applicazione, per ottenere il diploma di laurea i candidati presentavano una dissertazione su un tema a loro scelta, stampata in 50 copie (art. 3); vengono meno le tesi discusse oralmente.Il Regolamento per le Regie Scuole d'applicazione per gli ingegneri, allegato al R.D. 8 ottobre 1876, n. 3434, uniforma i requisiti d'accesso ai corsi, richiedendo la "licenza fisico-matematica" ossia aver frequentato un biennio presso la Facoltà di Scienze MFN, e prolunga la durata degli studi in ingegneria e architettura a tre anni (art. 3). Per il conseguimento della laurea era infine previsto un esame generale, diviso in due parti: la prima consiste nella "realizzazione di un progetto pratico complesso, da eseguirsi nel tempo di 15 giorni"; la seconda orale, in cui si discute il tema del progetto e le materie affini (art. 12). Nel regolamento viene meno la richiesta della dissertazione a stampa.

Spese periodiche: paghe mensili ed assegni trimestrali e annuali al personale servente ed altri

Ordini di pagamento e rimborsi da parte del Ministero della Pubblica istruzione all'economo dell'Università, relativi al servizio del seguente personale universitario provvisorio:Domenico Mussino (facchino presso la segreteria) e Francesco Gaudiglio (scrivano della segreteria) stipendi da ottobre 1877 a settembre 1878;Agostino Caudana (inserviente presso il Laboratorio di Patologia generale, Materia medica e Medicina legale), Giuseppe Fechino (inserviente presso il Laboratorio clinico), Pellegrino Bernardo (inserviente presso il Laboratorio di Materia medica) stipendi da febbraio a settembre 1878;Carlo Sacchi (inserviente presso Museo di Geologia) e Vincenzo Garberoglio (inserviente presso il Museo di Zoologia), Stefano Racca, Bartolomeo Grosso e Tancredi Gramaglia (uscieri presso il Museo di Storia naturale) stipendi da maggio a settembre 1878.Stato di presenza e retribuzioni corrispondenti a Giuseppe Bertoglio (guarda portone del Museo di Antichità) da novembre 1877 a settembre 1878; a Bartolomeo Franco (usciere straordinario) da novembre 1877 a febbraio 1878; a Stefano Picco (usciere) per indennità di alloggio da ottobre 1877 a giugno 1878; a Libero Bergesio (assistente interno della Clinica ostetrica) per indennità di luce e riscaldamento; agli uscieri Giorgio Nicola, Carlo e Maurizio Pellissetto, Francesco Paschero, Tommaso Sabre, Angelo Pianta, Giovanni Francesia, Angelo Benso per indennità di vestiario.Richiesta avanzata dal prof. A. Mosso, e concessione da parte del Ministero, per l'assunzione di B. Pellegrino quale inserviente presso il Laboratorio di Materia medica.

Spese periodiche per paghe mensili ed assegni trimestrali e annuali al personale servente ed altri

Stati di servizio, stati di presenza, ordini di pagamento e rimborsi da parte del Ministero della Pubblica istruzione all'economo dell'Università, relativi al servizio del seguente personale universitario:Domenico Mussino (usciere) e Stefano Picco (facchino) stipendi da ottobre 1876 a settembre 1877;Agostino Caudana (inserviente provvisorio presso il Laboratorio di Patologia generale, Materia medica e Medicina legale) stipendi da gennaio a settembre 1877. Le dichiarazioni di buon servizio sono a firma dei professori Mosso (prof. di Materia medica) e Lombroso (prof. di Medicina legale);Bartolomeo Franco (inserviente straordinario) e Giuseppe Bertoglio (guarda portone), entrambi addetti al Museo di Antichità, stipendi da novembre 1876 a ottobre 1877. Stato di presenza firmato dal prof. Ariodante Fabretti (direttore del Museo medesimo). Nella corrispondenza col Rettore, il Ministero si raccomanda di indirizzare gli stati di servizio e presenza alla "Direzione generale dei Musei e degi scavi di antichità" e a inizio mese, pena il ritardo delle retribuzioni;dottor Libero Bergesio (assistente interno della Clinica ostetrica) stipendio per l'anno scolastico 1876-'77. Richiesta di sussidio per le spese di "lume e legna" firmata dal prof. Tibone (direttore della Clinica medesima);Francesco Paschero, Giorgio Nicola (uscieri del rettorato), Carlo Pellissetto (servente della segreteria), Angelo Benso, Giovanni Francesia e Angelo Pianta (uscieri del Museo mineralogico e zoologico) indennità per vestiario per l'anno 1877. Lo stato di presenza degli ultimi è firmato dai prof.i Michele Lessona e Angelo Sismonda, codirettori del Museo di Storia naturale;Luigi Tabasso (inserviente presso il Laboratorio clinico) stipendio di giugno. Essendosi questi ammalato, il dott. Camillo Bozzolo (insegnante e direttore della Clinica medica) lo sostituisce col portinaio Giuseppe Fechino, per il quale risultano stipendi da giugno a settembre 1877.

Carte sciolte

  • IT ASUT ALBERA - Ass. S.O.T.C. S.O.T.C.a.P. Carte sciolte
  • Unità archivistica
  • 1946 - 1991
  • Parte di Collezione "Marco Albera"

locandina a stampa della fondazione del S.O.T.C. a firma del pontefice Lucius Primus bonus (Luciano Pirinoli), 1946;tesserino in bianco, [1946-49];patente goliardica di Sergio Forgione emessa dal pontefice Giulianus I Italicus (Giovanni Ligotti), 1950-51;comunicato dattiloscritto con programma dei festeggiamenti carnevaleschi a firma del pontefice Giulianus I Italicus (Giovanni Ligotti), gen. 1951;programma "dell'apertura del DXLVIII Anno Goliardico" a firma del cardinal decano reggente della goliardia pedemontana Vito Antonio, 20 nov. 1951;volume ciclostilato "Goliardia torinese e pedemontana MCMXLV-MCMLI" a cura di Vito Risucci e Alda Santi, 1952comunicato dattiloscritto intitolato "La goliardia è vita" a firma di Dino Giordano, vicario pontificio del S.O.T.C., [ante 22 ott. 1952];notifica del pontefice Vitus Lucius II Magnificus (Vito Antonio Risucci) su carta intestata, in cui dichiara che a seguito della dimissioni del vicario pontificio Dino Giordano torna in possesso dei documenti del S.O.T.C., 22 ott. 1952;tagliando di iscrizione in bianco, [1955];tagliando di iscrizione di Michelangelo Goria (?), [1955];patente di attribuzione della dignità di nunzio apostolico presso il Grifoneus Goliardiae Perusinae ad Albino Maria La Rosa concessa dal pontefice Nicholaus I Conciliator (Nicola de Cesare) e firmata da Piero Pagani primo cardinale degli esteri, 8 gen. 1964 (?);patente di nomina a curiale con sigillo in cera lacca di Paulum Antipapam (?) firmato dal pontefice Johannes V Taurinensis (Mario Giannese) e con i timbri del S.O.T.C. e del collegio dei cardinali., 18 nov. 1967;albo ufficiale del senato del S.O.T.C., sul retro copia anastatica del papiro matricolare del 1969, 1989;comunicato a stampa "Regio distintivo universitario del 1791" a firma di Renatus I Musicus (Renato Germonio), Zeus Renatus V Persecutor (Manlio Collino) e Innominatus (Marco Albera), 25 nov. 1991;carta intestata e busta con logo, s.d.;patente di nomina in bianco, s.d.;3 scatti dello studio fotografico Gherlone Gay del corteo goliardico per via Roma e piazza Carlo Felice, [1950-60?];copia della fotografia di Ovidio Borgondo (Cavour) nei panni del Pontifex Goliardorum tra i goliardi torinesi in costume, scattata nel cortile del Palazzo del Rettorato durante la cerimonia di Depositio Matricolarum del 1928, s.d.;

Risultati da 1 a 20 di 15386