Showing 15317 results

Archival description
Print preview View:

438 results with digital objects Show results with digital objects

Semi spediti da S.Pietroburgo.

  • Fischer, Friedrich Ernst Ludwig (von) 127.4
  • Item
  • 1841-07-08
  • Part of Orto botanico

Lettera inviata da S. Pietroburgo il 26 giugno-8 luglio 1841. Fischer spera che i semi spediti siano arrivati a Moris. Il signor De Struve avrebbe dovuto farli partire da Vienna, affidandoli al signor Endlicher. Il raccoglitore signor Schrenk ha fatto un ottimo bottino nelle steppe dei Ghirghisi.

Richiesta di orchidee del Piemonte

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Brunner 57.12
  • Item
  • 1840-04-14
  • Part of Orto botanico

Lettera inviata da Berna il 14 aprile 1840. Brunner ha incaricato il suo commissionario Frainet di Marsiglia di ritirare da Moris il primo volume della Flora Sardoa e di fargli avere il denaro dovuto. Chiede di mandargli campioni di alcune orchidee presenti in Piemonte. Pensa che i professori Studer e Meyer, passando a Torino, abbiano incontrato Moris. Vuole sapere quali norme prevede il nuovo codice civile per l’acquisto di beni immobili da parte di stranieri.

Richiesta di notizie su Michelotti e Gastaldi riguardo la loro competenza geologica.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Parlatore 255.23
  • Item
  • 1856-11-28
  • Part of Orto botanico

Lettera inviata da Firenze il 28 novembre 1856. Parlatore fa avere a Moris i rami femminili della Ephedra nebrodensis e della Statice tenuicula. Elenca le famiglie della Flora Italiana attualmente in stampa. Chiede notizie della famiglia Cristiani e della signora Emilia, ora marchesa Imperiali, cui avrebbe notizie da comunicare. Antinori vorrebbe conoscere il parere di Moris e del professore Sismonda sul valore scientifico dei signori Michelotti e Gastaldi. Quest’ultimo dovrebbe avere lavorato con Martius per le ghiacciaie. Si vorrebbe altresì conoscere l’attitudine di ciascuno di loro a professare questa scienza ed eventualmente ad ordinare raccolte geologiche in un museo di Storia naturale, oppure sapere se esistono altre persone dotate di tali caratteristiche. Farà avere al signor Salvagnoli la lettera di Moris. Il professore Targioni (il vecchio) è molto malato e si teme per la sua vita [morirà il 18 dicembre dello stesso anno].

Dissidio con Tenore. Richiesta di copie di disegni di Iconografia Taurinensis.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Brunner 57.23
  • Item
  • 1843-10-31
  • Part of Orto botanico

Lettera inviata da Berna il 31 ottobre 1843, in cui Brunner si congratula con Moris per l’acquisizione delle piante di Schimper. Spiega poi i motivi del dissidio con Tenore [di cui alla lettera 57.22], dovuti alle osservazioni sulle deplorevoli condizioni dell’Orto botanico di Napoli; per di più il botanico napoletano aveva scaricato il suo malumore sull’innocente giardiniere Dehnhardt. Risponderà all’attacco di Tenore in un libello. Brunner vorrebbe stabilirsi in Piemonte: Moris potrebbe raccomandarlo al ministro degli Interni e delle Finanze conte Gallina. Elenca una serie di figure della Flora Taurinensis di cui vorrebbe che la signora Mussino Lisa gli facesse copia.

Rinnovo di alcuni membri del Consiglio di Facoltà. Bis

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Pollone 272.3
  • Item
  • 1850-12-27
  • Part of Orto botanico

Lettera inviata da Torino il 27 dicembre 1850. Ignazio Pollone, Preside della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, informa Moris dei risultato dell’adunanza per il rinnovo annuale di un terzo dei consiglieri. Promis è stato eletto al posto di Agodino, Talucchi al posto di Richelmy e Ascanio Sobrero al posto di Eugenio Sismonda.

Severa critica a Bertoloni

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Notaris (de) 241.35
  • Item
  • 1847-03-08
  • Part of Orto botanico

Lettera inviata da Genova l’8 marzo 1847. De Notaris ringrazia Moris e Peveraro per avergli spedito la regia patente del consiglierato. Manderà a Moris i semi richiesti e quelli per De Candolle, assieme ai fascicoli di Flora Neapolitana di Tenore, quando gli saranno pervenuti. Nella settimana seguente andrà ad erborizzare su per il Bisagno. Bertoloni gli ha spedito il quinto e ultimo fascicolo del tomo VI. Il botanico bolognese ha criticato numerose determinazioni di piante inviategli da De Notaris, che però non è assolutamente d’accordo e afferma che Bertoloni non riesce neppure più a distinguere i generi: “Povera Flora Italica”!

Numero di piante in Toscana.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Savi, 311.1
  • Item
  • 1834-01-14
  • Part of Orto botanico

Lettera inviata da Pisa il 14 gennaio 1834. Moris ha chiesto a Savi quante sono le piante della Toscana. Valutandone il numero dagli erbari di Babbo [il padre Gaetano], di Raddi, di Targioni, del fratello Paolo, degli amici e del proprio, ne ha rinvenute 1835. Le isole e la parte inferiore della Maremma sono però state poco esplorate e perciò Savi ritiene che se ne possano aggiungere altre 200. Anela il momento di leggere il saggio di Moris sulla Geografia Botanica della Sardegna e i primi fascicoli della sua Flora Sardoa. La salute della Saluzzo è assai migliorata. Savi ringrazia Moris per avergli fatto conoscere una così brava persona. Ringrazia altresì, unitamente al padre, delle piante che Moris ha inviato.

Parlatore "ristauratore della botanica siciliana"

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Bertoloni 29.40
  • Item
  • 1841-04-20
  • Part of Orto botanico

Lettera inviata da Bologna il 20 aprile 1841, in cui Bertoloni prega Moris di avvertire Parlatore, “ristauratore della botanica siciliana”, che troverà a Ginevra una lettera arrivata per lui a Bologna. Occorre dirgli altresì che Targioni ha ricevuto da Savi un pacco di libri a lui destinati. Seguono osservazioni su una specie di Sedum.

Ristrettezze economiche a Pisa e a Firenze.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Savi, 311.12
  • Item
  • 1853-01-04
  • Part of Orto botanico

Lettera inviata da Pisa il 4 gennaio 1853. Savi ringrazia Moris per il catalogo dei semi raccolti nel 1852. Moris, quando gli invierà il materiale richiesto, potrebbe mandare a Pisa anche i semi richiesti da Firenze. Ciò per risparmiare, poiché al museo fiorentino sono state tolte 1000 lire della dotazione, a causa delle ristrettezze economiche. Savi chiede a Moris se l’Accademia torinese pubblica anche lavori di non soci: un suo amico, il dottor Adolfo Targioni Tozzetti, figlio del professor Antonio, vorrebbe pubblicare una sua memoria sull’organogenesi delle piante. Se ciò fosse possibile, vorrebbe sapere a chi indirizzare il manoscritto.

Ritratto di De Candolle padre.

  • IT ORTOUT MORIS Corr. Candolle (de) 64.9
  • Item
  • 1841-10-21
  • Part of Orto botanico

Lettera listata a lutto, inviata da Ginevra il 21 ottobre 1841, tramite il signor Costa. De Candolle desidera sapere se il ritratto del padre inciso a Parigi, e appartenente a Bonafous, è semplicemente quello inciso da Tardieu, facente parte del Dictionnaire des Sciences Naturelles. In caso contrario desidererebbe vederlo, per eventualmente comprarlo a Parigi.

Results 15171 to 15180 of 15317