Stampa l'anteprima Chiudi

Risultati 10258

Descrizione archivistica
Unità archivistica
Stampa l'anteprima Vedere:

389 risultati con oggetti digitali Mostra i risultati con gli oggetti digitali

Manifesti goliardici

  • manifesto a stampa per i festeggiamenti di carnevale emesso dal pontefice Vitus Lucius II Magnificus (Vito Antonio Risucci), 12 feb. 1952;
  • locandina a stampa per il tredicesimo anniversario della legge Merlin sull'abolizione delle case chiuse, 20 sett. 1971;
  • finto manifesto della Città di Torino che decreta la riapertura delle case chiuse, Manlio Collino, 28 ago. 1972;
  • finto manifesto della Città di Torino sulla fecondazione naturale, Paolo Benevelli, 28 ago. 1972 (2 copie);
  • manifesto manoscritto per il trentennale della fondazione del S.O.T.C., 1975;
  • manifesto "vota Antonio la Trippa" con gigantografia di Totò, Luca Olivetti, 1989-90 (2 copie).

Programma dei concerti della stagione 1954-55

Opuscolo dei concerti della stagione 1954-55:

  • 21 ottobre 1954: Nikita Magaloff, pianista;
  • 30 ottobre 1954: Coro dei Madrigalisti dell'Università di Munster;
  • 5 novembre 1954: Jacques Klein, pianista;
  • 16 novembre 1954: Gloria Davy, soprano;
  • 23 novembre 1954: Ruggero Gerlin, clavicembalista;
  • 2 dicembre 1954: Kaebi Laterei, pianista;
  • 13 dicembre 1954: Ottomar Borwitzky, violoncello;
  • 22 dicembre 1954: Ventsislav Jankoff: pianista;
  • 11 gennaio 1955: Sirio Piovesan, violinista;
  • 19 gennaio 1955: Nuovo Quartetto di Milano;
  • 25 gennaio 1955: Piccola Accademia Musicale (Orchestra da camera italiana, direttore Newell Jenkins);
  • 1 febbraio 1955: Quartetto Smetana di Praga;
  • 8 febbraio 1955: Arthur Grumiaux, violinista;
  • 22 febbraio 1955: Sergio Scopelliti, pianista;
  • 2 marzo 1955: Trio della Radio Svizzera Italiana;
  • 10 marzo 1955: Nicolai Orloff, pianoforte;
  • 26 marzo 1955: Hans Henkemans, pianoforte.
    In testa sono riportati i membri degli organi direttivi dell'associazione, una breve storia dei primi dieci anni di attività e varie informazioni di servizio sugli abbonamenti e sui concerti.

Congressi studenteschi

Manifesti di congressi studenteschi e materiali vari relativi ai festeggiamenti connessi a questi simposi:

  • tessera di riconoscimento per il I Congresso nazionale universitario (Milano, 26 settembre), 1887; firmata dal presidente Emilio Villari e dal titolare [non identificabile];
  • manifesto per il III Congresso universitario internazionale (Torino, 13-18 aprile 1894), stampa Lit. Doyen di L. Simondetti di Torino, 1894, 1330x950 mm; progettazione grafica di Vittorio Oreglia d'Isola, reca il programma dei festeggiamenti;
  • opuscolo in ricordo della Grande giostra universitaria Medioevale tenutasi nell'ambito del III Congresso universitario internazionale (Torino, 15 aprile), stampa Lit. Doyen di L. Simondetti di Torino, 1894 (2 copie); la copertina presenta la stessa cornice illustrata del manifesto del congresso di Vittorio Oreglia d'Isola; all'interno reca un estratto della Storia delle università degli studi del Piemonte di Tommaso Vallauri, l'elenco dei partecipanti e il comitato organizzatore;
  • manifesto per il I Congresso internazionale di studenti (Torino, 9-20 novembre), tenutosi nell'ambito dell'Esposizione generale italiana, stampa Lit. Luigi Giani e figlio, 1898, 1800x1010 mm; progettazione grafica di Roberto Bonis;
  • volantino delle Feste studentesche nel Borgo Medievale al Valentino [Esposizione generale italiana], ott. 1898 (4 copie);
  • cartolina in bianco relativa al II Congresso nazionale studentesco (Casale Monferrato), 1921; progettazione grafica di Pizzotti;
  • manifesto del I Congresso studentesco dell'Università di Torino (Torino, 2-4 aprile 1946), stampa Roggero e Tortia di Torino, 1946, 1025x720; progettazione grafica di "G.M. Baggio";
  • manifesto del II Congresso nazionale universitario (Torino, aprile 1947), stampa Roggero e Tortia di Torino, 1947, 1025x720; progettazione grafica di "Rainieri".

V centenario dell'Università di Torino

Nel 1904 ricorse il quinto centenario della fondazione dell'Università di Torino. Gli studenti, raccolti in un comitato studentesco, promossero e organizzarono un ricco cartellone di manifestazioni, che si tennero tra il 16 e il 20 aprile 1904. Oltre a banchetti, serate danzanti, gare sportive e gite nei dintorni di Torino, si segnalano il VII Congresso nazionale universitario (con l'intervento di una delegazione di studenti francesi provenienti da vari Atenei e del ministro della Pubblica istruzione Orlando), la II Esposizione d'arte decorativa moderna (mostra a carattere goliardico tenutasi allo Chalet del Laghetto del Parco del Valentino), il debutto della rivista teatrale Apogoliateosi (Teatro Alfieri, 19-20 aprile), la stampa di un opuscolo e di una cartolina commemorativa, nonché la coniazione di una medaglia.

Si conservano:

  • manifesto con l'elenco delle iniziative studentesche, stampa Tipografia Artale di Torino, 1904 (cm 70x100);
  • numero unico: «La campana degli studenti», Torino, Tipografia G.U. Cassone, aprile 1904 (sottotitolo: "Pubblicato in occasione del 5° centenario dell'Università torinese");
  • carnet di biglietti d'invito al Grande veglione goliardico al Salone Odeon presso la Galleria Nazionale, 1904;
  • 3 cartoline "Festeggiamenti universitari 1904 / V Centenario dell'Ateneo Torinese / 1404-1904", 1904; progettazione grafica di Pier Carlo Dondona, stampa Litografa A. Gazzera succ. R. Bonis; due sono viaggiate: destinatari Camilla Mazzone Ferrari (Roma) e Enrico Franchi (Modena);
  • cartolina "Universa Minerva / 1404 Torino 1904", 1904; progettazione grafica di A. Marchisio, stampa Editore Mariani;
  • opuscolo: Programma della gara internazionale universitaria nell'occasione del festeggiamenti per il V centenario dell'Ateneo torinese, 19-20 aprile 1904, Torino, Tip. Cug Baravalle e Falconeri, 1904;
  • opuscolo: Cesare Cecchetti, Apogoliateosi. Azione lirica rappresentata dai goliardi torinesi nelle feste centenarie del loro Ateneo. Musica di Luigi Cecchetti, Torino, Tipografia G.U. Cassone, 1904 (2 copie);
  • opuscolo: V Centenario dell'Ateneo torinese. Festeggiamenti, congresso universitario, II esposizione di arte decorativa moderna, Apogoliateosi, Torino, Tipografia G.U. Cassone, 1906;
  • 3 esemplari della medaglia commemorativa per il V centenario, coniata da Johnson di Milano su disegno di Edoardo Rubino, [1904]; sul recto presenta la testa della Minerva con sullo sfondo le Alpi, accompagnata dal motto "maneat, vivat, floreat" e dallo stemma sabaudo, con le date 1404-1904; sul verso, tra due rami di ulivo e di alloro il testo dettato da Ettore Stampini "Sodalicium discipulorum R. Athenaei Taurin. ludos saeculare celebravit";
  • riproduzione fotografica moderna del manifesto della Seconda esposizione universale d'arte decorativa moderna, s.d.; seppur rechi la firma di Leonardo Bistolfi, la progettazione grafica del manifesto spetta a Filippo Bonello, detto Cirano.

Manifesti e diplomi di laurea goliardici

Torino:

  • Diploma di laurea goliardico di Francesco Salvati, 1944 (Università ?);
  • Diploma di laurea goliardico di Armando Mussa, luglio 1944 (Facoltà di Medicina e chirurgia);
  • Manifesto per la laurea di Paolo Benevelli, [1989] (Facoltà di Giurisprudenza) (2 copie);
  • Manifesto per la laurea di Franco Ressa, 12 nov. 1990 (Facoltà di Lettere e filosofia);
  • Manifesto per la laurea di Manlio Collino, 23 ott. 1991 (Facoltà di Lettere e filosofia, 3 copie);
  • Manifesto per la laurea di Ruggero Lamparelli, s.d. (Politecnico ?) (2 copie).

Padova:

  • Elena Simonetti, 31 ott. 1933 (Facoltà di Lettere e filosofia);
  • Corneglio Fabris, 8 nov. 1934 (Facoltà di Ingegneria);
  • Fanny Benedetti, 9 nov. 1946 (Facoltà di Farmacia);
  • Gabriella Gobbin, 29 nov. 1977 (Facoltà di Medicina e chirurgia);
  • Mauro Marchesin, 16 mar. 1990 (Facoltà di Scienze statistiche ed economiche);
  • Paola Concato, 20 mar. 1990 (Facoltà di Giurisprudenza, Scienze politiche);
  • Alessandra Refatto, 20 mar. 1990 (Facoltà di Medicina e chirurgia, Odontoiatria).

Papiri di immatricolazione

Torino

  • Vincenzo Morando, 1895 (Regio Museo Industriale, Corso di Industrie Chimiche, a.a. 1894-95);
    -Caterina Morgando, 14 nov. 1927 (Istituto superiore di Magistero, a.a. 1927-28);
    -Annibale Lovera di Maria, 12 nov. 1929 (Istituto superiore di scienze economiche e commerciali, a.a. 1929-30);
  • Amalia Condulmer, 1930 (Università di Padova, Facoltà di Lettere e filosofia, a.a. 1929-30);
  • Amalia Natangelo, 1933-34 (Facoltà di Farmacia, a.a.1933-34; Facoltà di Lettere e filosofia, a.a. 1934-35);
  • Giovanni Vercesi, 08 nov. 1934 (Istituto superiore di scienze economiche e commerciali, a.a. 1934-35);
  • Giorgio Pazzi, 11 nov. 1939 (Facoltà di Giurisprudenza, a.a. 1939-40);
  • Sergio Forgnone, 6 nov. 1950 (Politecnico, Facoltà di Architettura, 1950-51);
  • Ettore Durbiano, 1956-57 (Facoltà di Economia e commercio, a.a. 1956-57);
  • s.n., 1981;
  • Daniela Vietti, 1982 (Facoltà di Farmacia, a.a. 1981-82).

Bologna

  • Giuliano Gibertini, 6 nov. 1958 (Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali, corso di laurea in Fisica, a.a. 1958-59);
  • s.n., 1991;
  • s.n., 2000.

Genova
Francesco Traverso, 17 ott. 1933 ? (Facoltà di Scienze Matematiche, fisiche e naturali, a.a. 1934-35).

Non identificato
Tullio Gaita, 1924 (?) (Università di Pavia / Università di Modena ?).

Carte sciolte inerenti la goliardia

  • Papiro di nomina a cacciatore di matricole di Aloisio Stimellica (?), 5 nov. 1900 (Università di Pisa);
  • Manifesto per il trentesimo anniversario dei Ludi sollazzevoli matricolari, 28-29 giu. 1962 (Roma ?);
  • Finto manifesto del Ministero della Finanze e della Banca d'Italia sulla messa fuori circolazione valutaria delle banconote di 5.000 e 10.000 lire, 25 mar. 1981 (Sacra Goliae Conphraternita di Milano).

Carriera di Filiberto Avogadro di Collobiano

Si compone di un certificato ufficiale, sul recto della prima carta, e di due memorie non coeve tra di loro, sul verso della seconda.
Il certificato di buona condotta è relativo a Filiberto Avogadro di Collobiano, firmato dal rettore della Regia Università Antonio Del Carretto di Lesegno, con il visto del riformatore Giovanni Battista Incisa Beccaria di Santo Stefano, 1° giugno 1815. Reca il sigillo in carta del Magistrato della Riforma, composto dalle armi di Casa Savoia e dalla legenda "Regii Archigymnasii Taurinensis Magistratus". Riporta che il suddetto, insieme ad altri studenti, prese parte ai disordini nel ghetto verificatisi il 1° marzo 1815, in seguito ai quali fu arrestato e interruppe gli studi senza sostenere alcun esame, ma ciò nonostante era uno studente meritevole e mantenne una "lodevole condotta" dopo quell'episodio.
Come risulta dalla prima delle due memorie, a firma di B. Morra di Lavriano, questo certificato, insieme a un secondo "più favorevole", fu richiesto da Morra medesimo all'Università poiché, essendosi egli speso col ministro della Guerra Giuseppe Maria Galleani di Agliano per far ottenere ad Avogadro "una sottotenenza in un Reggimento di cavalleria", dovette poi fornirgli di che rassicurare il re sulla natura e la condotta di Avogadro, quando si diffuse la notizia del suo precedente arresto, per evitarne la destituzione. Nei fatti, il presente certificato fu trattenuto presso di sé da Morra, ritenendo che "avrebbe fatto cattivo effetto agli occhi del re", mentre consegnò al ministro solo il secondo.
La seconda memoria, anonima, probabilmente aggiunta nel 1842, ricorda che Avogadro di Collobiano poté proseguire la propria carriera, divenendo uomo di fiducia e favorito del re Carlo Felice ("ne era il segretario particolare, l'amico, il confidente ed il volea continuamente presso di sé in tutti gli affari. Dicesi ne abbia ricevuti regali vistosissimi") e, dopo la sua morte nel 1831, conservatore della Casa ed Azienda della regina vedova Maria Cristina e suo cavaliere d'onore nel 1842.

Carte relative a Enrica Fortunati

  • Attestazione del corso di Assistenza sanitaria e soccorsi d'urgenza (Delegazione dei Fasci femminili, Giovani italiane), 11 mag. 1928;
  • 2 quietanze di pagamento della Tesoreria dell'Università di Torino, 12 gen. 1934;
  • lettera del tecnico dell'Orto Botanico di Torino [Pietro] Fontana a [Pietro] Fortunati, 30 giu. 1936.

Carte relative a Gabriella Gallino

  • Tessera di riconoscimento dell'Istituto superiore di Scienze economiche e commerciali di Venezia, 9 gen. 1939;
  • fotografia di due studenti universitari in divisa fascista [Mario Serravalle ?] davanti a un palazzo storico [Venezia?], ott. 1940;
  • lettera di Mario Serravalle a Gabriella Gallino, 15 gen. 1941;
  • lettera di Mario Serravalle a Gabriella Gallino, 21 gen. 1941.

Libretti di iscrizione e tessere di riconoscimento

Sono conservate 9 tessere di riconoscimento e 6 libretti d'iscrizione di Università e Istituti superiori.

Tessere di riconoscimento:

  • Alessandro Baggio, Istituto superiore di Studi commerciali di Torino (1914-10-31);
  • Giacomo Bianco, Politecnico di Torino, Ingegneria (1943-11-05);
  • Lidia Carletti, Università di Pisa, Chimica e farmacia (1925-10-30);
  • Giovanni Dolcino, Istituto superiore di Medicina veterinaria di Torino (1934-01-03);
  • Carlo Gallotti, Università di Pavia, Farmacia (1936-10-27);
  • Ada Garaventa, Accademia Albertina di Belle Arti e Liceo Artistico di Torino (1940-05-07);
  • Mario Mairano, Università di Torino, Medicina e chirurgia (1916-03-01);
  • Annetta Pironetti, Università di Torino, Farmacia (1922-10-09);
  • Metello Rossi, Università di Torino, Giurisprudenza (1921-10-10).

Libretti d'iscrizione:

  • Alberto Vincenzo Chiamberlando, Università di Torino, Facoltà di Economia e commercio (1963-64);
  • Dino Colombani, Università di Torino, Facoltà di Scienze Economiche e commerciali (1935-36);
  • Mario Del Piano, Università di Torino, Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali, Matematica (1918-19);
  • Antonio Lantrua, Politecnico di Torino, Ingegneria industriale (1947-48);
  • Alberto Pesce, Istituto superiore di Architettura di Torino (1934-35), confluito nella Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino (1937-38);
  • Antonietto Rolfo, Istituto universitario di Economia e commercio di Venezia, Lingue e letterature straniere (1943-44);
  • Mario Stella, Politecnico di Torino, Ingegneria industriale meccanica (1913-14).

Lorenzo Martini

Testi a stampa, di cui il professore Lorenzo Martini è autore o soggetto:

  • Lorenzo Martini, De clarissimo viro Thoma Tosio ex ordine Oratorum sacrae facultatis professore in regio Taurinensi Athenaeo auctore Laurentio Martinio, Torino, ex Regio typographaeo, 1830;
  • Lorenzo Martini, Vita Francisci Canaverii auctore Laurentio Martinio, Torino, Tipografia Giuseppe Fodratti, 1843;
  • Alla memoria del cavaliere Lorenzo Martini professore in medicina alla terra improvvisamente rapito il dì 3 d'aprile dell'anno 1844. Un suo discepolo. Questo tenute monumento. D., Torino, Tipografia Cassone e Marzorati, [1844];
  • Secondo Berruti, Necrologia del Professore Cavaliere Lorenzo Martini scritta dal professore Secondo Berruti, Torino, Tipografia Mussano, 1844.

Giovanni Bernardo Vigo

De bethulia per Judith liberata exercitatio academica habita Augustae Taurinorum in aede d. Francisci a Paula ab auditoribus Joannis Bernardi Vigi rhetoricae professoris ad r. Athenaeum die 6. julii anno 1758, Torino 1758.
Il volume raccoglie vari componimenti poetici in lingua latina sul tema di Giuditta e Oloferne, recitatati il 6 giugno 1758 nella chiesa di San Francesco da Paola di Torino nell'ambito di un'esercitazione accademica dagli studenti di Giovanni Bernardo Vigo, professore di Retorica presso l'Università di Torino. In coda sono presenti l'elenco dei partecipanti e ulteriori indicazioni a riguardo di altri componimenti recitati in questa occasione.

Placchetta con emblema dell'Università di Torino

Placchetta in argento 925: diametro mm 40, spessore mm 10; sul retro è saldata una vite in acciaio ottonato di mm 10.

Risale al novembre 1925 la prima attestazione dell’emblema dell’Università di Torino attualmente in uso, composto da un toro che poggia su tre libri, rimirante e sostenente sulla groppa un’aquila coronata che fissa il sole, con attorno la leggenda “+ Sigillum universitatis Augustae Taurinorum”. Era rettore Alfredo Pochettino e l’Università si avviava a celebrare il quarto centenario della nascita di Emanuele Filiberto. Con l’avallo di Federico Patetta, titolare della cattedra di Storia del diritto italiano, fu assunto come modello il sigillo aderente, in cera sotto carta, apposto in calce all’ordine del Collegio riformatori dell’Università del 15 maggio 1615, conservato presso l’Archivio di Stato di Torino. La corrispondenza al modello è filologica, ad esclusione di minimi dettagli: sui tre libri dell’originale vi sono una crocetta patente, un fermaglio e un segno indistinto a causa di una rottura, forse un altro fermaglio o il quarto zoccolo del toro. Chi concepì la placchetta interpretò invece come una seconda crocetta con un lungo piede il segno sul secondo libro e come un fiore araldico quello sul terzo.
Il toro è derivato dallo stemma della città e rimarca il legame dell’Università con Torino. L’aquila, unico volatile a poter fissare lo sguardo nel sole, rappresenta l’uomo che fissa la mente in Dio e in generale la sapienza, virtù dell’uomo di studio. L’uccello è coronato e allude quindi all’insegna dell’imperatore, che con un diploma del 1412 aveva confermato la bolla di fondazione dello studium di Benedetto XIII, del 1404. I tre libri su cui poggia l’animale rappresentano probabilmente le prime tre Facoltà: Teologia, Leggi, Arti e medicina.
Non è chiaro chi sia l’incisore dell’oggetto, ma il fatto che risulti in tutto sovrapponibile al timbro a secco realizzato tra 1925 e 1926 dalla ditta Navarra & Prandi incisori e della tipografia Villarboito Federico & figli potrebbe ricondurlo all'attività delle medesime aziende.

Tesi di laurea e appunti manoscritti di Gioachino Toesca di Castellazzo

  • Delle due copie della tesi di laurea, una presenta ampie note manoscritte nelle quali il candidato sviluppa la dissertazione sui punti di diritto civile, penale e amministrativo, in vista dell'esame.
  • In un bifoglio manoscritto allegato, il candidato si presenta agli "Ill.mi Sig.ri Professori e Dottori del Collegio", cercando di accattivarsene la benevolenza: potrebbe forse trattarsi dello stesso discorso tenuto in occasione della discussione di laurea.

Tesi di laurea di Francesco Cavallone con appunti manoscritti

  • IT ASUT ALBERA - Tesi. Medicina e chirurgia 1856. Cavallone
  • Unità archivistica
  • 1856-07-28
  • Parte diCollezione "Marco Albera"

Delle sette copie della tesi di laurea, una presenta ampie note manoscritte che registrano il discorso tenuto in sede d'esame dal candidato e le argomentazioni dei professori. Non è chiaro se siano appunti dello stesso Cavallone o di un uditore, che ha verbalizzato la discussione per tenerne memoria.

Registro delle deliberazioni prese dalla Commissione amministrativa e degli oggetti di massima 1878-1883

Nelle pagine iniziali è trascritto il primo Statuto del Consorzio approvato con R.D. 2 dicembre 1877, unitamente alle lettere di designazione dei rappresentanti del Consiglio Comunale, del Consiglio Accademico, dell'Accademia delle Scienze, del Consiglio Provinciale.
Con rubrica.

Risultati da 61 a 80 di 10258